Entra in contatto:

Atletica

Tokyo 2020: rammarico Italia nella staffetta mista. Bene Scotti

Tokyo 2020: rammarico Italia nella staffetta mista. Bene Scotti

Non basta il primato italiano (3:13.51) alla staffetta 4×400 mista azzurra, al debutto olimpico, per entrare nella finale di Tokyo 2020.

Edoardo Scotti, Alice Mangione, Rebecca Borga e Vladimir Aceti chiudono al quinto posto nel round iniziale, quando invece per entrare era necessario rimanere tra i primi tre. E nemmeno i tempi di ripescaggio premiano il quartetto azzurro, che risulta il primo degli esclusi: nono tempo complessivo. La batteria più veloce è proprio la seconda, quella con gli azzurri. Purtroppo però, dopo una buona frazione iniziale del lodigiano Scotti (che, però, si allena in provincia di Parma, a Fidenza), si allarga il gap tra l’Italia e le quattro staffette di testa. Un divario che diventa incolmabile col passare delle frazioni.

Primeggia, alla fine, la Polonia con il record europeo di 3:10.44, seguita da Olanda (3:10.69), Giamaica (3:11.76) e Gran Bretagna (3:11.95). Queste quattro fanno meglio dei riscontri della prima batteria, guidata dal Belgio (3:12.75) dopo la squalifica degli USA, che avevano vinto in 3:11.39. «La gara è stata interessante – dice Edoardo Scotti – è venuto il record italiano, anche se, certo, non fa piacere rimanere fuori dalla finale come primi degli esclusi».

L’ex atleta del CUS Parma tornerà protagonista sulla pista tra poche ore: domenica 1 agosto alle ore 10.45 (le 3.45 italiane) sarà impegnato nelle batterie dei 400 metri maschili.

 

(Foto credits: FIdAL)

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Atletica