Connect with us
 

Parma Calcio Giovanili

Under 17, il Parma pareggia 1-1 con l’Atalanta che prevale ai calcio di rigore (6-5) e si qualifica per la Finale del “Beppe Viola”. Video intervista a MIster Gabetta

Under 17, il Parma pareggia 1-1 con l’Atalanta che prevale ai calcio di rigore (6-5) e si qualifica per la Finale del “Beppe Viola”. Video intervista a MIster Gabetta

(www.parmacalcio1913.com) – Il Parma esce a testa più che alta dall’entusiasmante esperienza del Torneo Città di Arco, Trofeo Beppe Viola, dopo il pareggio 1-1 di oggi, domenica 10 Marzo 2019, con l’Atalanta sul campo di Arco in Semifinale. Reda aveva portato avanti i nerazzurri, poi raggiunti dai Crociati grazie a un rigore trasformato da Cristian Casarini. Poi dopo i tiri dal dischetto ad oltranza l’amaro verdetto della eliminazione (6-5) con il passo lasciato alla Regina dei Vivai che in finale, martedì 13 Marzo alle 18 affronterà il Milan (che ha superato il Chievo 2-0 nell’altra Semifinale). Per i Ducali resta la soddisfazione di uscire imbattuti dalla competizione, con a proprio appannaggio la vittoria di prestigio sul Napoli di ieri e i due pareggi per 1-1 con Spal ed Atalanta formazioni sulla carta più forti, ma con le quali si sono espressi alla pari anche a livello di prestazione. Una quattro giorni trentina comunque di grandi soddisfazioni per gli Under 17 gialloblù.

Questo il bilancio dell’esperienza di Mister Claudio Gabetta, intervistato al ritorno a Collecchio da Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913:

intervista a mister claudio gabetta dopo trofeo arco 10 03 2019“Abbiamo fatto veramente un bel torneo: i ragazzi sono stati bravi – e l’ho detto anche loro – perché hanno proposto gioco ed idee e questo è stato l’aspetto più importante. Siamo stati ‘noi’: ci stiamo allenando per giocare così e proponiamo veramente un calcio pieno di idee, voglia e principi e devo dire che oggi, contro l’Atalanta – che credo che in questa categoria sia una delle squadre migliori d’Italia – i nostri ragazzi sono riusciti a tenerle testa. Abbiamo sofferto quando c’era da soffrire, ma abbiamo fatto un grande secondo tempo, acciuffando il pareggio, per merito, giocando un bel calcio. Alla fine loro hanno avuto un’altra occasione, ma anche noi ne abbiamo avute con Trezza ed Artistico: la squadra è andata in crescendo e veramente ha fatto un ottimo torneo. L’amarezza dei rigori, poi, rimane, perché quando fai così speri di arrivare fino in fondo: ci siamo trovati bene in Trentino e speravamo di restarci ancora due giorni, però c’è anche la consapevolezza che il lavoro è stato importante ed ha pagato e questa delusione per l’eliminazione dobbiamo trasformarla in energia positiva perché domenica, quando riprenderà il Campionato, dovremo dimostrare che questo è un percorso che li ha visti crescere e dovremo confermarlo ancora anche domenica. Anzi: migliorarlo, possibilmente… I ragazzi erano molto tristi per l’eliminazione e devo anche dire che qualche ragazzo che ha sbagliato il rigore aveva le lacrime, è chiaro che c’è delusione e questo è normale, ma io ho detto loro che devono avere la consapevolezza di avere giocato con coraggio: quando uno ci prova e gioca con coraggio, proponendo quello che proviamo tutti i santi giorni, la delusione e l’amarezza debbono lasciar subito spazio alla consapevolezza di chi ha dato veramente prova di coraggio e determinazione. E le lacrime debbono conservarle per quello che purtroppo magari presenterà a loro la vita più avanti: capisco che alla loro giovane età faccia male, ma non bisogna piangere per questo, perché hanno fatto bene. Nello sport bisogna convivere con questa amarezza, ma consci di aver fatto tanto, quindi è giusto che rimanga nel momento finale, dopo deve prevalere l’orgoglio di avere fatto bene, di aver rappresentato la nostra Società nel migliore dei modi. Un po’ tutti hanno sottolineato le prove della nostra squadra: eravamo arrivati senza avere una grande considerazione ma siamo venuti via dopo aver dimostrato a tutti che il Parma c’è, il Parma è rinato e anche nelle Giovanili è destinato, nel tempo, a tornare ai livelli che gli competono”.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

INTERVISTA A MISTER CLAUDIO GABETTA

di Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio Giovanili