© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Calcio Giovanile e Femminile

Under 16, Memorial Righetti (Quarti di Finale): Parma-Hellas Verona 2-1, video e interviste

Under 16, Memorial Righetti (Quarti di Finale): Parma-Hellas Verona 2-1, video e interviste

(www.parmacalcio1913.com) – Ha preso il via ieri, Giovedì 22 Agosto 2019, a Zocca (MO), il 5° Memorial Paris Righetti, riservato alla categoria Under 16 e il Parma di Mister Stefano Di Benedetto parte subito alla grande battendo il Verona 2-1, proprio all’ultimo respiro, dopo una gara particolarmente combattuta. Partono meglio i veneti, più decisi ed aggressivi, ma, con il passare dei minuti, i Crociati prendono in mano la situazione, cercando di fare valere il proprio tasso tecnico. La cronaca parte con una traversa al 5′ del capitano avversario Calabrese, replicata tre minuti dopo (8′), dalla porta opposta, da Ribaudo con un sinistro potente. Poi il primo tempo viaggia su un sostanziale equilibrio che Ribaudo cerca di spezzare con tre tentativi al 17′, al 21’e al 26′, ma o le parate di Toniolo o la respinta sulla linea di porta di un difensore negano il meritato vantaggio ducale.
Ripresa che si apre di nuovo con la sfida Ribaudo-Toniolo: al 3′ ancora bravo il portiere a mettere in corner il tiro potente dell’attaccante palermitano, ma non può nulla al 9′ st su un corner calciato direttamente in porta dal numero 7 del Parma che così passa in vantaggio 1-0, legittimando e mantenendo il controllo della gara. Il Verona alza il proprio baricentro, ma non crea grande occasioni: anzi, lascia spazio alle verticalizzazioni alte dei nostri, che però, un po’ per il campo non ottimale, un po’ per la fatica del mini ritiro in atto in quota, non riescono a sfruttare. Tra il 25′ st e il 26′ st (il match era di due tempi da 40′ cad.) il Verona ha un sussulto d’orgoglio: prima Patanè impegna Niang a una deviazione decisiva e poi su un corner trova il pari con Cazzadori di testa in mischia. Tutto da rifare. Le gambe dure e la paura di perdere adesso obbligano le due squadre a rallentare e a sfruttare tutte le sette sostituzioni “libere” consentite dal regolamento della competizione. Il finale è pirotecnico. Sono 6 i minuti di recupero decisi dal direttore di gara Stefano Grillo della sezione A.I.A di Modena, nei quali succede di tutto. Al quinto il Verona mette i brividi con un gran tiro di Floridia dal limite che trova una splendida risposta di Niang il quale riesce anche far sua la palla, anticipando pure l’arrivo di un attaccante veronese. Pallone dall’altra parte del campo, il Parma esce bene dal centrocampo in palleggio e Cavalca trova uno splendido assist per Thomas “Batman” Castaldo che solo davanti al portiere lo supera con un preciso destro. E’ il 2-1 che vale il passaggio del turno, evitando la lotteria dei calci di rigore. Tutta la panchina è in campo a festeggiare – così come i ragazzi sugli spalti – e questo denota uno spirito di squadra e un attaccamento alla maglia davvero importante. Passano altri due minuti prima del fischio finale, che i Crociati controllano senza problemi. Oggi pomeriggio alle 17.30, nel vicino Stadio Comunale di Monteombraro, la Di Benedetto Band, in Semifinale, affronterà l’Imolese che ha sconfitto a sorpresa la Sampdoria.

Questo il commento di Mister Stefano Di Benedetto, intervistato da Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913;

Mister Stefano Di Benedetto Memorial Righetti Parma Hellas Verona intervista finale“Sono molto soddisfatto della prestazione che hanno offerto i ragazzi: devo dire che abbiamo incontrato un’ottima squadra, il Verona, che è piuttosto organizzata. Siamo solo all’inizio della preparazione, però ho visto una squadra molto unita, che ha lottato sin dai primi minuti della gara; nei primi dieci, forse, abbiamo un po’ sofferto, poi però ci siamo sistemati meglio dimostrando voglia di vincere. Questo è lo spirito che ci deve contraddistinguere, indipendentemente dai risultati. La vittoria è arrivata nel finale e questo è un bel segnale perché significa che la squadra ci ha creduto fino alla fine. Castaldo ha segnato il gol della vittoria, però mi piace sottolineare che al di là di questo che è stato determinante ai fini del risultato, soprattutto la prestazione importante che oggi ha offerto: è entrato nel secondo tempo, con lo spirito giusto, non ha giocato nella sua posizione ideale, perché lui è un attaccante centrale, ma oggi l’ho messo a sinistra, ma lo stesso ha fatto molto bene dando un supporto all’attacco. Poi, quando è tornato nel ruolo di punta centrale è stato molto altruista in alcune azioni, lavorando molto per la squadra, ed è stato ripagato con il gol finale, nel quale è stato molto bravo ad attaccare la profondità e poi molto bravo a finalizzare. Determinante Niang con i suoi interventi nel finale? Sì, ha fatto una grandissima partita, ma noi abbiamo tre portieri, tutti e tre molto bravi: ricordiamoci, tra l’altro, che Ibra è un 2005, ed era l’unico sotto età oggi in campo, ma questo non si è visto perché ha parato davvero come un grande, con personalità, dimostrando di essere un ragazzo molto sveglio ed attento. Però non vorrei parlare dei singoli, ma del collettivo, perché tutti hanno dato una mano, soprattutto coloro i quali sono entrati nella ripresa, che hanno offerto tutti una grandissima prestazione. Questo significa che questa squadra ha un gruppo di 25 calciatori e tutti possono ritagliarsi il loro spazio. Le assenze pesanti di Bio, Ganci, Saponara e Piga? Io non guardo mai chi manca: è vero, stasera ci mancavano dei giocatori importanti, ma a me piace pensare che quando manca qualcuno può esserci l’opportunità per qualcun altro per mettersi in mostra e oggi è stato così e sarà sempre così. Alla base dei successi di una squadra c’è sempre il gruppo, perché quando le persone che compongono un team di lavoro si vogliono anche bene, sono affiatati e corrono l’uno per l’altro si possono raggiungere grandi obiettivi. Oggi si è visto, però bisogna continuare su questa strada, continuando sempre a lavorare duro, restando umili, coi piedi per terra, pensando giorno dopo giorno a migliorarci. Il ritiro che stiamo facendo qui a Zocca ci sta aiutando tantissimo, perché è un Mister Stefano Di Benedetto Memorial Righetti Parma Hellas Verona spogliatoiomodo per stare bene insieme, per responsabilizzarci tutti, per conoscerci un po’ di più, per accettarci anche perché ognuno di noi ha un carattere diverso. E’ un modo anche per ambientarci: personalmente anche per me, visto che vengo da tanto lontano, ma sono molto felice anche per questo. Mi sto rendendo conto che questo è un grande gruppo, però, attenzione, questo non è frutto solo del mio lavoro, perché c’è anche il lavoro fatto negli altri anni, vorrei per questo ricordare Mister Michele Saltori, perché lui ha allenato per due anni questa squadra e quindi non è che è solo merito mio, anzi, io cercherò di dare il mio contributo affinché questa squadra possa migliorare e affinché ognuno di loro possa realizzare i propri sogni. Io sono al servizio del Parma e darò tutto me stesso”.

PARMA-HELLAS VERONA 2-1 (MEMORIAL PARIS RIGHETTI, ZOCCA – QUARTI DI FINALE)
Marcatori: 9′ st Ribaudo, 26′ st Cazzadori, 46′ st Castaldo

PARMA – 1. Ibrahima Niang; 2. Adams Fadiyt Bandaogo (39′ st 14. Antonello Vona), 3. Lorenzo Gandelli (17′ st 13. Gabriele Brunani); 4. Lucas Antony Ubaldi, 5. Umberto Musso (28′ st 16. Leonardo Brignoli), 6. Simone Torri (Cap.); 7. Salvatore Ribaudo (37′ st 19. Ciro Onesto), 8. Mattia Perez (28′ st 17. Matteo Olivieri), 9. Nicola Antognoni (20′ st 18. Marco Leoni), 10. Francesco Del Bello (1′ st 20. Thomas Castaldo), 11. Gian Marco Cavalca (V. Cap.). All. Stefano Di Benedetto
A disposizione: 12. Tommaso Iselle; 15. Filippo Bertolotti

HELLAS VERONA – 1. Giacomo Toniolo (1′ st 12. Filippo Ogliani); 2. Giacomo Sauro (30′ st 15. Nicolò Gobetti), 3. Francesco Stella  (25′ st 14. Filippo Meneghetti); 4. Giovanni Spadaro (10′ st 17. Alessandro Pimazzoni), 5. Alessandro Colella (V. Cap.), 6. Nicolò Calabrese (Cap.); 7. Francesco Barozzi (16′ st 19. Alessandro Andreani), 8. Edoardo Furini (10′ st 16. Nicola Patanè), 9. Alessandro Dentale, 10. Ludovico Pasini (10′ st 18. Guglielmo Floridia), 11. Denis Cazzadori. All. Donato Lepore
A disposizione: 13. Mattia Rigo, 20. Zeno Padovani

Arbitro: Sig. Stefano Grillo della Sezione A.I.A. di Modena

Assistenti: Sigg. Alfredo Sena e Francesco Di Maio della Sezione A.I.A. di Modena

Ammoniti: Musso, Brignoli;

Recupero: 0’+6′

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

INTERVISTA A MISTER STEFANO DI BENEDETTO 

di Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913

LA PARTITA INTEGRALE

1° TEMPO

2° TEMPO

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Giovanile e Femminile