Connect with us

Calcio Dilettanti

Promozione: Carignano-Piccardo e Pallavicino-Brescello i big match. I primi posti sono un rebus

Promozione: Carignano-Piccardo e Pallavicino-Brescello i big match. I primi posti sono un rebus

Giornata ricchissima la ventottesima del girone A di Promozione, che ci regalerà parecchi scontri diretti in chiave scudetto, play off e play out. Ce n’è per tutti i gusti. Mettetevi comodi e preparatevi a scegliere il campo su cui vi dirigerete questa domenica. Ci sarà spettacolo praticamente ovunque.

Il campo principale sarà chiaramente il “Padovani” di Carignano, teatro dello scontro più importante della domenica pomeriggio: i padroni di casa riceveranno la Piccardo Traversetolo (61), una formazione in salute e bramosa di scalare posizioni per arrivare al vertice. Il Carignano (62), ancora secondo in classifica nonostante il ko con l’Agazzanese nel precedente weekend, deve ritrovare lo smalto che gli ha consentito di conseguire una serie utile durata lo spazio di ben diciannove partite consecutive; mentre il team giallonero, che si ritrova terzo ex aequo con l’Agazzanese (in attesa dello scontro diretto della trentaduesima di campionato), è separato da solo tre lunghezze dal primato, obiettivo dichiarato della società del patron Scrinzi. Gli uomini di mister Bazzarini – che contro la Viarolese hanno centrato la terza vittoria in quattro partite, nonostante le tante assenze – sognano il sorpasso per riscrivere le gerarchie della classifica; ma i giallorossi, grazie a una vera e propria “cooperativa del gol” (a segno in stagione con 13 marcatori diversi), proveranno a bissare il successo dell’andata, quando al “Tesauri” finì 1-2 per l’équipe di coach Marcotti. Capitolo formazioni: i padroni di casa potranno contare sul rientro del giovane Ferrari in difesa, ma dovranno rinunciare alla qualità di capitan Filippo Pioli in mezzo al campo. Invece, agli ospiti mancherà lo squalificato Marco Guareschi e l’infortunato Tiberini (per lui, a causa di un problema al ginocchio, stagione già finita). Lo staff medico dei traversatolesi farà gli straordinari per recuperare in extremis Casisa e Martini, ad oggi ancora in forte dubbio.

Ospite sul campo del “Ballotta” di Fidenza, la temibile Agazzanese (61) di questi tempi – dieci successi e soltanto due pari – sarà determinata a conquistare il tredicesimo risultato utile consecutivo; la truppa di Melotti, on fire dopo l’1-0 con cui ha avuto la meglio sul Carignano nello scontro diretto, sembra aver preso quota anche in ottica primato e contro il Fidenza (23) partirà, come logico, da grande favorita. La squadra allenata da Massimo Barbuti, dal canto suo, ha dato cenni immediati di risveglio dopo il brutto ko nel derby borghigiano, andando a prendersi i tre punti a San Secondo in una partita in cui la posta in palio era pesante. I bianconeri sanno che dovranno fare un’impresa per fermare la squadra più in forma del momento, ma in questa stagione più di una volta sono riusciti a fermare le big del campionato. Nel 3-4-3, con cui dovrebbe ripresentarsi il Fidenza per la quarta settimana di fila, si rivedranno dopo le rispettive squalifiche Lottici, Cazzato e Martinelli. Tra i bianco-granata out il man of the match contro il Carignano Moltini, il quale è stato sanzionato con un turno di fermo dal giudice sportivo.

Scontro diretto importantissimo anche al “Cavagna” di Busseto, che sarà teatro della super sfida tra i padroni di casa del Pallavicino (64) e gli ospiti del Brescello (54). Quella di domani per il club reggiano, quinto in classifica, rappresenta forse l’ultima chance per sperare di rimanere aggrappato ai play off, a cui oggi non parteciperebbe a causa dei troppi punti di differenza dalla seconda. Ma il concomitante spareggio di Carignano e l’insidiosa trasferta che attende l’Agazzanese rappresentano, per la formazione gialloblù, una ghiotta occasione per recuperare terreno perduto, a patto che si ottengano i tre punti. Dall’altra parte, i blues di Alessandro Piscina, nonostante un lieve calo (nelle ultime cinque “solo” 7 punti conquistati), sono sempre in testa alla graduatoria e riescono a ribaltare partite che sembrano perse: vedere, ad esempio, le rimonte su Borgo San Donnino e Marzolara. I verdiani sicuramente non potranno permettersi un altro rallentamento, dopo il pirotecnico 3-3 di Marzolara, e perciò, anche contro una compagine forte come quella allenata da Piccinini, proveranno a fare la partita. Ancora indisponibile capitan Cardillo, che rimarrà ai box, mentre tornerà disponibile Musi.

In casa Terme Monticelli (51), atteso dalla sfida con il San Secondo Parmense (27), la squadra del tecnico Gussoni inevitabilmente farà il tifo per i cugini di Busseto e proverà ad avere la meglio nel testa a testa a distanza col Brescello per il quinto posto. Per i termali, però, l’impegno di questo weekend non sarà così agevole, visto che al “Riva” si presenterà una formazione in cerca di punti preziosi per salvarsi. Infatti, Lorenzini e compagni hanno fallito l’appuntamento con la terza vittoria di fila che li avrebbe sensibilmente avvicinati alla salvezza e il ko con il Fidenza, al contrario, li ha tenuti invischiati nelle sabbie mobili della graduatoria. Mister Delgrosso ha potuto preparare la partita con tutti gli elementi della rosa a disposizione, compreso il rientrante Greci, il quale tornerà dall’inizio, con la sua maglia numero 8, come di interno di centrocampo nel 5-3-2 proposto dal team della bassa. I termali di Gussoni sono rimasti in scia del Brescell, ma paiono essersi affievolite i sogni play off dopo la mancata vittoria nello scontro diretto. Tra i biancocelesti mancherà all’incontro il centrocampista Leonardo Iaquinta (squalificato), il cui posto verrà rilevato da Missorini, che giocherà davanti alla coppia di difensori centrali formata da Borchini e Malpeli: quest’ultimo stringerà i denti e sarà regolarmente nonostante alcuni guai fisici accusati nelle ultime settimane.

Partita da dentro o fuori per Basilica 2000 (16) e Il Cervo Collecchio (15), le due parmensi che riversano sul fondo della classifica. Al termine del match del “Furlotti” sapremo se una delle due compagini potrà sperare in una clamorosa rimonta in ottica play out oppure se entrambe tireranno i remi in barca con sei turni d’anticipo. Sulla carta il team neroverde è quello che sta peggio: non soltanto gli uomini di Cerutti, ultimi in graduatoria, hanno raccolto la miseria di 1 punto in nove gare, ma in settimana sono stati puniti dalle sanzioni del giudice sportivo che ha squalificato per un turno pedine importanti quali Boga, Fuseini, Bertolini e Grasselli. Il team di Basilicanova, invece, sta attraversando il miglior periodo della sua stagione: infatti, la serie di quattro pareggi consecutivi ha ridato fiducia e morale al giovane gruppo guidato da Ferrari. Il tecnico rossoblù deve fare i conti con la solita lunga lista di indisponibili (Dedja, Conforti, Azzali, Ferrario), ma può consolarsi con il ritorno di Manuel Guareschi. All’andata, i collecchiesi dovettero inchinarsi ai cugini del Basilica e la sconfitta costò l’esonero all’allora tecnico Brianti.

Per la Viarolese (25) sembra dura uscire dalla crisi di risultati dell’ultimo periodo: la matricola della bassa parmense, infatti, ha ottenuto appena 5 punti nelle nove partite del 2017 e riversa in piena bagarre play out, in quattordicesima posizione. La squadra del tecnico Fabbi, nel match interno contro il Fontana Audax (37), proverà ad arginare l’emorragia creatasi in seguito agli ultimi tre ko; i piacentini, in serie positiva da quattro turni (in cui hanno portato a casa 10 punti), sono la squadra più quotata del momento per aggiudicarsi il settimo posto finale. nelle fila del club di Viarolo mancherà Matteo Riccardi, squalificato dopo il decimo cartellino giallo stagionale. Tutto sarà affidato ai piedi del beniamino di casa, il fantasista Talignani, molto abile specialmente sui calci piazzati.

Il positivo Borgo San Donnino (37) di quest’ultimo spezzone di torneo riceverà tra le mura del “Noce” l’incognita Marzolara (27), squadra che veleggia nelle acque più calde della classifica. Nonostante il tredicesimo posto, però, la squadra della val Baganza continua a mantenere un certo margine di sicurezza sulla terzultima e, inoltre, nelle precedenti partite ha offerto buone prestazioni, dando filo da torcere alle prime due della classe. Il San Donnino, al contrario, ha già archiviato il problema della salvezza e può dedicarsi a un finale di stagione sereno e senza grossi affanni. Il tecnico locale, Cecchini, dovrà fare a meno degli indisponibili Lacerra e Molinari (quest’ultimo è squalificato) e dovrà valutare la condizione di Camara non al meglio: potrebbe andare in panchina e lasciare le incombenze del reparto avanzato sulle spalle del duo Dattaro-Cattri. Nel Marzolara, oltre ai soliti infortunati cronici, non ci sarà Jacopo Izzo, squalificato al pari del mister Savi.

Se non vorrà correre il rischio di essere coinvolta nella bagarre per non retrocedere in questo finale di stagione, la Langhiranese (32) dovrà superare il momento di difficoltà; i grigiorossi sono reduci da tre ko consecutivi e in quattro gare non sono riusciti ad andare oltre un pareggio. Con il rientro del centrocampista Truffelli, il tecnico della Benemerita, Enore Paoletti, ha potuto lavorare in settimana con l’intero gruppo; non si escludono colpi di scena nell’undici di partenza che sfiderà il tranquillo Montecchio (34) domani sul sintetico del “Pertini”. Per la squadra della val Parma, che sembra aver staccato la spina un po’ troppo in anticipo, è giunta l’ora di invertire la rotta e di tornare a fare la voce grossa.

Al Noceto (35) manca una spicciolata di punti per tagliare il traguardo della salvezza. Ma la squadra rossoblù, che attualmente può considerarsi più che tranquilla, arriva all’impegno del weekend col peso di tre sconfitte arrivate dietro fila sul groppone; una mini serie negativa che ha fatto perdere un paio di posizioni in graduatoria ai rossoblù. Davide Bacchini vorrà dai suoi una pronta reazione e la massima determinazione nel portare a casa i tre punti nella trasferta sul campo della Castelnovese/Meletolese (16): l’ostacolo non pare essere dei più difficili da superare, anche se la squadra reggiana guidata dall’allenatore Massimo Abbati è fresca di successo nello scontro con Il Cervo. La partita avrà una valenza senz’altro più importante per i locali, i quali con un altro risultato pieno potrebbero clamorosamente rilanciarsi in ottica play out. I nocetani, che dovranno fare a meno dei lungodegenti Ogliari, Bellini e Rizzoli, affronteranno l’impegno senza l’aiuto del difensore Ferri, squalificato.

Calcio di avvio previsto, come di consueto, per le 14.30. Lorenzo Fava 

 

PROMOZIONE

Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner

Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner

(Nella foto di Leandro Cavanna, il gol di Moltini che ha deciso il big match della 27^ giornata Agazzanese-Carignano)

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement
Advertisement

Altro in Calcio Dilettanti

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br>Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br><br> Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi