Connect with us

Calcio Dilettanti

Focus Promozione: Fidenza, derby a senso unico. Il San Secondo espugna Noceto, quattro rigori a Carignano

Focus Promozione: Fidenza, derby a senso unico. Il San Secondo espugna Noceto, quattro rigori a Carignano

La ventiseiesima giornata di campionato vede l’inciampo della Piccardo che al “Furlotti” di Basilicanova non va oltre lo 0-0. Nel derby di Fidenza il B.go S. Donnino mantiene i favori del pronostico e si accaparra tre punti che fanno morale, brutto ko invece per il team di Barbuti, a secco per la tredicesima volta di fila. Partita mozzafiato a Carignano, con due rigori assegnati per parte; la spuntano i padroni di casa solo al fotofinish. Grazie ad un super Lorenzini, vince nel recupero anche il San Secondo. Tutto ok per Pallavicino, Agazzanese, Brescello e Monticelli.

Basilica 2000 – Piccardo Traversetolo 0-0
Secondo 0-0 consecutivo per il piccolo Basilica che, a dispetto di un calendario ostico, dimostra i progressi fatti nell’ultimo periodo; i rossoblù, in dieci dal 26′ della ripresa per il doppio giallo a Guareschi, riescono nell’impresa e stoppano un’altra big del campionato, la Piccardo Traversetolo. La squadra di Bazzarini, dall’alto del suo elevato tasso tecnico, conduce la partita per tutti i 90′ ma non trova il varco giusto. I gialloneri adesso scivolano a -5 dalla vetta e vengono agganciati al terzo posto dalla rinata Agazzanese. Il team di Basilicanova rimane nella zona rossa, ma almeno aggancia Il Cervo a quota 15 punti: per provare a rientrare nei play out la giovane compagine di mister Ferrari dovrà ridurre il gap dalla quattordicesima, ad oggi lontana dieci lunghezze.

Carignano – Marzolara 2-3 5′ Fiordelmondo su rig (C), 47′ Bottali su rig (M), 52′ Bottali su rig (M), 70′ Fiordelmondo su rig (C), 90′ Belli (C) 
Partita dai due volti al “Padovani” di Carignano. Nel primo tempo partono forte i padroni di casa che, dopo appena 5 minuti, beneficiano di un penalty per atterramento di Mantelli: rigore sacrosanto, che Fiordelmondo realizza. La squadra di Marcotti ha il difetto di sbagliare molto e di lasciare aperta la contesa. E infatti la ripresa inizia in salita: dopo un solo minuto il centravanti Poka viene messo giù in area da Ferrari: l’arbitro fischia ed espelle lo stesso Ferrari. Dal dischetto si presenta Bottali, che realizza il gol dell’1-1. Dopo 5 giri di lancette, un’altra azione penetrante di Poka mette scompiglio nella difesa avversaria e Graziano si vede costretto a fermarlo con le maniere forti; il team della val Baganza chiede l’espulsione del giocatore (che, a detta dei padroni di casa, poteva starci, ndr), il quale invece viene graziato dal direttore di gara. Rigore tirato e nuovamente realizzato da Bottali. Sorpasso Marzolara, 1-2. Il Carignano si scuote e, dopo alcuni cambi in corsa fatti da Marcotti, nonostante l’inferiorità numerica, riesce a mettere in grossa difficoltà il Marzolara, costringendo il portiere Colacicco a superarsi in un paio di parate prodigiose. Fino al nuovo rigore (il quarto di giornata): è ancora Mantelli, toccato duro e costretto poi alla sostituzione, a procurarsi il tiro dal dischetto che viene trasformato in gol al 70′ da Fiordelmondo. Doppietta anche per lui.
Dopo un assedio costante, con tante occasioni create e l’ennesimo rigore di giornata (stavolta, però, non fischiato, tra le proteste dei giallorossi), il Carignano al 90′ arriva al gol con Belli che, dopo una punizione battuta da Ferrato verso Tognoni, riceve dallo stesso e trafigge l’incolpevole Colacicco.

Fidenza – Borgo San Donnino 0-4 16′ Camara su rig, 19′ Camara, 59′ Camara, 81′ Dattaro
Le due squadre scendono in campo davanti ad una tribuna gremita, in una giornata primaverile. Il Fidenza si riversa subito in attacco, pressando il Borgo che si limita a contenere le manovre avversarie. Fofo, molto attivo, si presenta nei pressi della porta di Spanu, ma viene chiuso in angolo. La partita è spigolosa, con falli frequenti. Nel momento di massima pressione del Fidenza, è il Borgo che trova il vantaggio. Su un disimpegno difensivo sbagliato del Fidenza, si inserisce Camara, che salta Di Martino, e punta la porta. Lo affianca Cazzato: i due giocatori cadono e l’arbitro assegna il calcio di rigore agli ospiti. Nell’occasione, Cazzato viene espulso per fallo da ultimo uomo. Realizza Camara con un tiro angolato. Il Fidenza cerca subito il pareggio, ma è il Borgo a raddoppiare al 19′. Dattaro semina tutta la difesa del Fidenza e tira. Respinge Di Martino, ma sui piedi di Camara che butta dentro il 2 a 0. Poco dopo Fofo si mangia in girata il gol che può riaprire la gara. Il Fidenza perde spinta e il Borgo si porta in avanti con la regia di un ritrovato Ibrahimi. Al 37′ Camara impegna severamente Di Martino, riprende Dattaro che sbaglia una facile occasione. Il Borgo domina ma manca di concretezza. Al 43′ Dattaro, servito da Donati, spreca malamente un’ottima occasione davanti all’area piccola. Nel secondo tempo Cattri è costretto a lasciare il campo. Entra Montanini sul fronte sinistro dell’attacco. Anche ridotto in 10, il Fidenza attacca a pieno organico e il Borgo si fa schiacciare. Gli ospiti si affidano al contropiede e approfittano dei larghi spazi a disposizione. Camara tiene alta la squadra lottando su ogni pallone, dietro Soregaroli chiude tutti gli spazi agli attaccanti del Fidenza. Su un fulmineo cambiamento di fronte, è Camara al 14′ della ripresa a firmare la sua storica tripletta da derby: un altro errore difensivo, gli fa piovere sulla testa un pallone che non lascia scampo a Di Martino. La gara è di fatto finita. Entra Premi per l’infortunato Sanella: un mai domo Fidenza attacca ora quasi a 4 punte. Al 75′ i padroni di casa sono stremati e la partita perde intensità. All’81’ Molinari si lancia in un affondo solitario e non contrastato: dal limite lascia partire un tiro che beffa Di Martino. La palla arriva tra i piedi di Dattaro, che indisturbato sigla il 4 a 0. Cinque minuti dopo, l’arbitro concede un altro rigore al Borgo per fallo di Kassi. Tira Cortesi ma Di Martino intuisce e con un grande intervento devia in angolo, riscattandosi così dopo l’incertezza precedente. Saltano tutti gli schemi e Fofo all’86’ va vicino al gol della bandiera. Poi viene espulso anche il fidentino Martinelli (in panchina). Poco dopo arriva il triplice fischio. Netta e meritata vittoria del Borgo San Donnino. Molto dubbio il rigore concesso nell’occasione del primo gol. Il rigore e l’espulsione hanno certamente condizionato l’esito di questa gara. Tuttavia, per quello che si è visto in campo, il Borgo ha dimostrato maggiore solidità e qualità rispetto al Fidenza. Mattatore Camara, sugli scudi Ibrahimi è Dattaro, ma il migliore in campo è il centrale difensivo borghigiano Soregaroli, insuperabile dietro e pericoloso in avanti. Come Camara, principale ex di turno.

Langhiranese – Agazzanese 0-2 8′ Delfanti, 74′ Bonomi
La Langhiranese inizia con un piglio deciso, tuttavia sono gli ospiti a passare all’8′ con Delfanti, che batte Mingardi su cross di Peretti. I padroni di casa cercano il pareggio: prima Gennari tira fuori di poco, poi al 23′ Trevisan centra la traversa con un tiro dal limite. La Langhiranese spreca un altro paio di buone occasioni prima di andare al riposo. Nel secondo tempo, entrano Aracri e Kone tra i grigiorossi, ma nonostante i tentativi di raggiungere il pareggio, è l’Agazzanese a raddoppiare al 74′ con Bonomi, che approfitta abilmente di una palla sottoporta. Nel finale Truffelli viene atterrato in area ospite e l’arbitro concede il rigore. Tira Roncarati, ma il portiere piacentino Serena para, negando all’esperto bomber parmigiano il decimo gol in campionato. Si chiude qui la giornata no della Langhiranese. Sconfitta che ci può stare, ma i grigiorossi hanno sprecato troppo.

Noceto – San Secondo 2-3 45′ Lorenzini rig (S), 51′ Terranova (N), 57′ Greci (S),89′ Ferri (N), 94′ Lorenzini (S)
Un San Secondo bisognoso di punti salvezza fa visita al Noceto, settima forza del girone A. I bianconeri, guidati da mister Delgrosso in panchina, si presentano al “Noce” con l’ormai collaudato 5-3-2, in cui i due esterni Badiali, a destra, e Balestrazzi, a sinistra, sono chiamati a fare le due fasi e a servire qualche traversone per le punte Lorenzini e Gualtieri. Nel 4-4-1-1 di Bacchini, tecnico del Noceto, non c’è spazio per Palumbo e Boateng: in attacco parte il solo Morsia supportato da Terranova. La prima emozione, al 20′, è una ripartenza imbastita dal sansecondino Greci che serve Lorenzini, il cui mancino esce a lato. Quattro minuti dopo, cross dalla destra, sponda di Gualtieri di testa per il tiro al volto di Greci: controlla in due tempi Menta. Ancora pericolosa la formazione ospite, che sciupa un gol quasi confezionato, al minuto 32: Lorenzini addomestica di petto il traversone di Badiali dalla destra, serve in mezzo per il solito Greci che apre troppo il piatto e non trova il gol davanti alla porta. L’occasione più pericolosa dei nocetani nel primo tempo è in realtà un maldestro tentativo di appoggio all’indietro del difensore Bottioni, che di testa prende in controtempo Terenzio: il numero 1 bianconero, al limite dell’area, alza il braccio istintivamente ed evita il peggio. Nessuna protesta da parte dei locali all’indirizzo dell’arbitro Pedrini di Reggio, che giudica che la parata è avvenuta all’interno dell’area di rigore. Al 45′ il San Secondo trova il meritato vantaggio su calcio di rigore, fischiato per atterramento di Tagliavini su Lorenzini; lo stesso bomber ex Colorno realizza lo 0-1, spiazzando il portiere avversario. Nella ripresa il Noceto scende in campo con un approccio decisamente più determinato e riesce a essere più presente in fase d’attacco. Al 51′ arriva il pareggio firmato Thomas Terranova sugli sviluppi di un corner: il centrocampista chiede ed ottiene uno scambio corto e con un pregevole sinistro a giro sul secondo palo sorprende Terenzio. Ma la formazione bianconera non accusa il colpo e al primo affondo passa di nuovo in vantaggio: è il 57′ quando Balestrazzi pesca in area Lorenzini, il quale inventa un assist vincente per Greci che stavolta non sbaglia. Ottima esecuzione tecnica da parte del mediano numero 8, il quale nell’azione era rimasto a terra a centro area per qualche secondo prima di ricevere il pallone dell’1-2. Non succede più niente fino all’85’ quando il Noceto inizia a sfruttare i cambi del proprio allenatore che in corso d’opera, nel frattempo, aveva inserito le bocche di fuoco Palumbo, Boateng e Dellapina: nella circostanza è capitan Giordani a farsi pericoloso, ma la sua conclusione rasoterra non entra per un’unghia. I locali iniziano a spingere: all’86’ Guarini serve sull’out di destra Morsia, che mette in mezzo dove c’è appostato Billal: tiro ciabattato, nulla di fatto. Continua il forcing del Noceto. Minuto 87′: Boateng per Guarini che tira di sinistro, Terenzio respinge corto, ma la ribattuta di Palumbo si stampa sul “muro” Piazza che salva a porta sguarnita. La tenacia dei padroni di casa viene premiata all’89’. Corner di Morsia, inzuccata vincente di Ferri che, lasciato tutto solo all’altezza del secondo palo, non dà scampo all’incolpevole portiere ospite. Sembra il gol del definitivo pareggio, ma all’ultimo secondo dei 5′ di recupero assegnati dal direttore di gara il solito Lorenzini (man of the match della partita) sfrutta l’errore del giovane Melegari – che si lascia sorprendere da un cambio gioco – e con un destro chirurgico in diagonale mette la palla all’incrocio, vanificando il volo di Menta. Esplode la gioia di tutta la truppa della bassa parmense. Poi non c’è nemmeno il tempo di riprendere a giocare, finisce 2-3. Partita piacevole e spettacolare nei minuti conclusivi. Noceto forse troppo rinunciatario nel primo tempo e con l’atavico problema di essere poco pericoloso con i propri attaccanti nell’area avversaria; per il San Secondo Parmense, che ha giocato in trasferta una partita gagliarda, tre punti tutto sommato meritati e forse decisivi ai fini della salvezza.

Pallavicino – Montecchio 2-0 13′ Lucev, 73′ Nadotti
Nel posticipo delle 17 (per consentire alla cittadina di Busseto di godersi la Maratona delle Terre Verdiane, clicca qui), il Pallavicno padrone di casa strappa con personalità tre punti importanti dinnanzi alla mina vagante Montecchio. Buon approccio alla partita e incoraggiante sviluppo di gioco per i ragazzi di Piscina, che creano tantissime palle-gol e non subiscono praticamente nulla in fase difensiva, nonostante le assenze di Musi e Batchouo, oltre al forfait dell’ultimo momento di capitan Cardillo. Lucev porta in vantaggio i blues al 13′ sfruttando un assist di Cortellazzi, dopo uno spunto iniziale di Corbellini. Poi, lo stesso Lucev si divora in un paio di occasioni il raddoppio; ma prima ancora Cossetti aveva tirato alto solo davanti all’estremo reggiano Bolzoni. Nel secondo tempo, solito dominio bussetano, con occasioni a ripetizione. Ma Nadotti, in mezza rovesciata, sullo sviluppo di un angolo sigla il 2-0 al 73′ che chiude definitivamente la pratica. Ventesima vittoria stagionale per il Pallavicino, che resta in testa alla classifica del girone A con 63 punti.

Terme Monticelli – Il Cervo Collecchio 3-0 13′ Setti, 25′ Orrero, 80′ Sghia
Dopo una breve fase di studio, il Monticelli passa in vantaggio al 13′ con Setti, che approfitta di un errore in uscita di Dall’Asta. Dieci minuti dopo proprio il portiere Dall’Asta atterra in area Orrero e l’arbitro concede il calcio di rigore. Batte Orrero e sigla il 2 a 0. Nel secondo tempo il Cervo si organizza ed ha una buona occasione con Bertolini al 9′. Al 24′ Bertolini centra un palo su errata
copertura difensiva di Mozzoni. Si infortuna il portiere ospite Dall’Asta e, al suo posto, entra Esposito. Al 34′ il Monticelli trova il terzo gol con Sghia, imbeccato da Rabitti. Il risultato potrebbe essere più rotondo nel finale, ma la partita si chiude 3 a 0. Sempre più complicata la situazione in coda per il Cervo; il Monticelli raggiunge quota 50 punti, a sole tre lunghezze dalla griglia play off; Il Cervo viene agganciato in coda dal Basilica e perde la settima partita nelle ultime otto.

Viarolese – Brescello 0-1 38′ Siciliano
All'”Unicef” di Viarolo scontro tra due squadre dagli opposti obiettivi: i padroni di casa sono invischiati nella bagarre per evitare i play out, mentre gli ospiti devono recuperare il terreno perduto per confermarsi al quinto posto e stare di entrare nei play off. A dispetto di quanto dica la classifica, si assiste a un match equilibrato, sbloccato al 38′ dalla rete decisiva firmata dal gialloblù di Siciliano. La squadra di mister Fabbi nella ripresa va all’arrembaggio alla ricerca del pari costruendo buone occasioni, ma Frigeri e soci non sono ispirati sotto rete. L’attitudine offensiva dell’undici granata regala al Brescello di Piccinini ampi spazi per farsi pericoloso in ripartenza. Ma il risultato non cambierà più: i tre punti vanno al Brescello. La Viarolese, appena tre punti in cinque gare, scivola al quattordicesimo posto che ad oggi la costringerebbe al play out contro il Fidenza. Fulvio Delnevo e Lorenzo Fava

 

(Un momento del match del “Noce” Noceto-San Secondo, giocato oggi per il 26ì turno – Foto by SportParma)

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti

Commenti Recenti

Altro in Calcio Dilettanti