Entra in contatto:

Prima Categoria gir. B

Da bomber a portiere d’emergenza: Calestanese, sei in buone… Comani

Da bomber a portiere d’emergenza: Calestanese, sei in buone… Comani

Contro il logorio della vita moderna, dal girone B di Prima Categoria arriva una storia che ha dell’incredibile: un attaccante s’infila i guanti per due partite e difende la porta della sua squadra, per altro allenata dal direttore sportivo. Tutto talmente senza logica da essere vero.

La Calestanese, in completo stato di emergenza, si è letteralmente inventata un nuovo numero uno. Simone Comani, di ruolo attaccante, si è scoperto portiere. Per necessità.
Privi del titolare Mirko Dall’Aglio, per una squalifica di due turni, e del dodicesimo Tommaso Cerdelli, non più disponibile, i blu-granata hanno dovuto fare di necessità virtù, mandando tra i pali il classe ’98, che in carriera con le maglie di Fidentina, Carignano, Marzolara, Basilicastello e San Leo, fin qui aveva corso, sfornato assist e segnato gol. Ma mai aveva dovuto evitare di subirli: «All’inizio avevo un po’ di ansia nel passare da un estremo all’altro del campo – ha detto Comani nell’odierna puntata di “DDAY, il giorno dei dilettanti” (clicca qui) perché avevo sempre giocato con i piedi e mi trovavo a dover usare le mani».

E così, contro Basilicastello e Valtarese, è toccato a un attaccante parare per salvare la porta del team di Calestano, ora allenato dal ds Luca Bruschi, il quale, dopo l’esonero di mister Amanzio Melegari a novembre, ha preso in carico un gruppo che lotta per evitare l’ultimo posto in classifica: «Dopo avermi visto in partitella, in cui mi ero messo trai pali perché avevo un problema alla caviglia, il nostro mister mi ha detto: “Adesso ti mandiamo in porta”» ha confessato Comani, che ha anche svelato da dove nasce la passione per il ruolo del portiere: «Da piccolino mi tuffavo in piscina per parare le palline che mio papà, allenatore di baseball, mi lanciava: avevo già allora l’indole da portiere, era un ruolo che mi piaceva fare».

E va detto che Comani, in versione “numero uno”, ha fatto pure il suo (non) mestiere, rendendosi protagonista anche di diversi interventi strappa applausi e subendo appena 3 gol: uno da Kenao, a Basilicanova, in una gara terminata 1-1, gli altri da Ghirardi e Manneh (su rigore) nel ko di domenica contro la Valtarese (0-2).
I 3 gol incassati da Comani sono giunti da sviluppi di palle inattive. Neanche uno su azione. Altro aspetto curioso di una storia fuori dall’ordinario.

 

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Prima Categoria gir. B