Connect with us

Calcio Dilettanti

Promozione: Busseto e Carignano i campi caldi. Il San Donnino ospita l’Agazzanese, giornata jolly per il San Secondo

Promozione: Busseto e Carignano i campi caldi. Il San Donnino ospita l’Agazzanese, giornata jolly per il San Secondo

Il campionato di Promozione (girone A) più bello degli ultimi anni ha ancora parecchie sorprese da riservare. E la dodicesima giornata – statene certi – non deluderà le aspettative: il calendario è ricco di incroci che promettono importanti movimenti di classifica.

Due saranno i campi principali di questa prima domenica calcistica di novembre. A prendersi la scena sarà il derby, tutto in salsa parmense, che si giocherà al “Cavagna” di Busseto tra la capolista Pallavicino (27) e la corazzata Piccardo Traversetolo (22), a cui il momentaneo quarto posto va decisamente scomodo. Un match che ha bisogno di poche presentazioni. I padroni di casa, dall’alto dei loro otto successi e tre pareggi conquistati nelle prime undici apparizioni, sono gli unici a esser rimasti imbattuti nella competizione. Piscina poi ritroverà l’esterno Eugenio Nadotti, rientrato in gruppo; sempre indisponibile invece l’infortunato cronico Mazza. Più altalenanti i gialloneri, che alle sette vittorie totali hanno alternato anche un pareggio e ben tre ko, l’ultimo dei quali la scorsa settimana nello scontro diretto col Carignano. Alcuni rumors degli ultimi giorni hanno avvicinato Cannata e Osio alla panchina della Piccardo: crediamo che il bravo Bazzarini riuscirà a puntellare la propria posizione ma, qualora il team di Traversetolo dovesse perdere l’ennesimo scontro diretto per la seconda domenica di fila, non sarebbero da escludersi clamorosi stravolgimenti.

Bella sfida anche tra Carignano (23) e Montecchio (21), due formazioni che ambiscono a restare in pianta stabile nelle posizioni play off e che hanno tutte le carte in regola per scombinare i piani delle altre pretendenti. Il Carignano sul campo amico del “Padovani” sinora ha incontrato più difficoltà del previsto (appena 7 punti in cinque partite), tuttavia le recenti affermazioni ottenute ai danni di Borgo San Donnino, Marzolara e soprattutto Agazzanese e Piccardo Traversetolo fanno dei giallorossi la squadra del momento. Marcotti, inoltre, avrà un grosso nodo da sciogliere per un allenatore di calcio: quello dell’abbondanza. Ferrato e Cila hanno recuperato dai rispettivi problemi fisici, mentre Dessena e Delfante torneranno abili e arruolatili dopo le rispettive squalifiche. Unico assente l’attaccante Nardi, ancora ai box.

L’altalenante Agazzanese (23) di questo periodo avrà il compito di trovare continuità di risultati per avvicinarsi al primato. E dovrà farlo a partire già da domani nella sfida tutt’altro che scontata contro l’incognita Borgo San Donnino (16), che dalla sua avrà il vantaggio di giocare dinnanzi al proprio pubblico. La compagine di Fidenza, sicuramente attrezzata per disputare un campionato ben al di sopra della zona salvezza, sin qui sta andando a corrente alternata (cinque vittorie, cinque sconfitte e un pareggio). Il mese di ottobre per i ragazzi di mister Cecchini ha portato in dote pochi punti: appena sette, sui diciotto disponibili. E inevitabilmente i biancoblù sono precipitati in classifica. Ma già in questo weekend i borghigiani sperano di poter tornare ad essere quella terribile matricola che tutte le avversarie a inizio anno temevano. Cecchini sta studiando qualche nuova soluzione: possibile che per l’occasione si adotti il 4-4-2, che vedrà comunque il rientro di Soregaroli al centro della difesa; recupera anche il centrocampista Saimir Cattri (classe ’97), mentre alza bandiera bianca il terzino destro Cattani. Solito ballottaggio tra i giovani Maggi, Montanini e Ruggeri.

Dopo la sconfitta con il Brescello e l’1-1 di San Secondo dell’ultimo turno, il Terme Monticelli (20) per rimanere sul treno play off avrà un solo risultato a disposizione nel match con il Fontana Audax (16), a sua volta scottato dal primo ko subìto in campionato: sette giorni fa, infatti, tra le mura amiche i piacentini si sono arresi per due reti ad una di fronte alla sorprendente Viarolese. Paolo Gussoni, coach dei termali, dovrà rinunziare a diverse pedine fondamentali del proprio scacchiere: il difensore Gandrabur sarà squalificato per un turno dal giudice sportivo, Paini non ha del tutto risolto i guai fisici dopo il recente strappo muscolare, Gennari non è ancora in condizione, Rampini è tormentato dalla pubalgia e anche la presenza di Rabitti sembra in discussione a causa di un virus intestinale che lo ha colpito nelle ultime ore. I biancocelesti si augurano di poter recuperare almeno gli ultimi due: in caso di forfait per la maglia da difensore esterno ballottaggio tra Mozzoni e Alfieri, mentre per il ruolo di attaccante potrebbe avere una chance Volponi.

Al “Furlotti” di Basilicanova classico mismatch tra Davide e Golia: i locali del Basilica 2000 (5) cercheranno in tutti i modi di salvare la pelle, mentre gli ospiti del Brescello (21) vorranno imporsi pero diventare l’anti Pallavicino nel più breve tempo possibile. I rossoblù allenati da Ferrari sono rinfrancati dalla prima vittoria stagionale, che ha aumentato le consapevolezze di una squadra molto giovane e alle prime armi con il campionato di Promozione; l’obiettivo dei parmensi sarà quello di strappare almeno un punto alla corazzata di Piccinini, sfruttando soprattutto il “fattore C” tanto predicato dal direttore sportivo Federico Viglioli (così come nell’intervista rilasciata in settimana ai nostri microfoni): coraggio, condivisione, crescita. Nelle fila della squadra di Basilicanova assenti forzati Addona (andato all’estero per motivi di studio) e Imperiale (alle prese con guai muscolari).

Nel menù della dodicesima giornata non mancano i derby parmensi riguardanti la lotta per non retrocedere. Aperto a ogni risultato il derby appenninico tra Langhiranese (16) e Marzolara (10): la formazione della Val Parma, dopo la vittoria sul San Donnino di due turni fa, è stata piegata per 2-0 dal Montecchio nella precedente giornata e per questo sarà desiderosa di tornare a far risultato. Il team della Val Baganza, invece, che ha smarrito la via del successo da quel 13 ottobre in cui, con un netto 3-1, era riuscito a piegare le resistenze della Viarolese, ora si ritrova invischiato in piena bagarre play out, ma con un discreto margine di cinque punti sulla zona rossa. Capitolo formazioni: Paoletti, mister dei padroni di casa, confermerà sicuramente al centro dell’attacco la coppia  Aracri-Anceschi, complice l’assenza di Roncarati (che dovrà smaltire un risentimento muscolare che lo sta tenendo lontano dai campi) e ritroverà dall’inizio il mediano Kone, tenuto in panchina la scorsa settimana; in difesa il rientrante Dallafiora dovrebbe sostituire lo squalificato Tarasconi, punito con un turno di stop assieme al compagno Truffelli, mentre per Barone le chance di recupero sono pari allo zero. Il Marzolara di Giorgio Savi (che ha scontato la propria pena disciplinare) non dovrebbe discostarsi più di tanto da quello visto domenica: l’esperto Ceruti in mezzo al campo sarà chiamato a fare della legna, mentre il centravanti Poka farà il bello e il cattivo tempo con la difesa dei grigiorossi. Da monitorare la situazione di Manuel Bruschi, entrato in diffida e a rischio squalifica in vista del delicato confronto salvezza del tredicesimo turno con il Fidenza.

Fidenza (9) che riceverà al “Ballotta” un avversario di tutto rispetto quale il Noceto (18), che con un risultato pieno potrebbe affacciarsi alla zona play off. I padroni di casa hanno stretto bisogno di interrompere l’emorragia di quattro sconfitte di fila e di tornare a centrare quel successo che latita da oltre un mese (2-0 a Il Cervo nella sesta giornata). Invece, la matricola team rossoblù – unica squadra a non aver ancora colto un risultato di parità – vuole continuare il momento positivo dopo il successo di misura strappato alla Castelmeletolese; Davide Bacchini dovrà scegliere chi sarà il sostituto dello squalificato Ogliari in difesa e, inoltre, dovrà fare a meno dell’indisponibile Marchini.

All'”Unicef” la Viarolese (10) proverà a far valere il fattore casalingo contro l’enigmatico Il Cervo (7). I collecchiesi sono reduci da una settimana burrascosa, in cui hanno cambiato la guida tecnica, sostituendo Stefano Brianti con Paolo Germini; il nuovo tecnico dovrà già fare a meno degli indisponibili Perugino (stiramento) e Fuseini (infortunio al ginocchio). Clima più disteso in quel di Viarolo, dove la squadra di Fabbi ha potuto godersi i quattro punti ottenuti nelle due quasi impossibili con Piccardo e Fontana Audax; i granata, con la vittoria, avrebbe la ghiotta opportunità di distanziare in modo notevole i neroverdi, i quali a loro volta non hanno più attenuanti. Chi perde è (quasi) perduto.

A conclusione del nostro approfondimento pre-partita settimanale l’incontro tra Castelnovese/Meletolese (4) e San Secondo (9) che potrebbe dire tanto nella lotta in coda: in caso di successo del team di Abbati la corsa salvezza si riaprirebbe e avrebbe una concorrente in più, ma se ad avere la meglio dovessero essere i bianconeri parmensi ecco che questi farebbero un bel palo in avanti in classifica e che affosserebbero una diretta concorrente. La formazione di mister Giandebiaggi – che per l’occasione ritroverà Casisa, che andrà a fare coppia a centrocampo con Greci – potrà sfruttare un importante jolly per agevolare il proprio percorso salvezza.

Tutte le gare di domani prenderanno il via a partire dalle 14.30. Lorenzo Fava

 

(Nella foto un momento di Fidenza-San Secondo 0-2, valevole per la 10^ giornata. Scatto di Alberto Poldi-Allay tratto dal sito del Fidenza Calcio)  

 

PROMOZIONE

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti

Commenti Recenti

Altro in Calcio Dilettanti