Entra in contatto:

Calcio Dilettanti

TOP5: le “sante mani” del Borgo, i profeti fuori patria, la prima del Solignano

Foto: Alberto Poldi-Allay

TOP5: le “sante mani” del Borgo, i profeti fuori patria, la prima del Solignano

Ottavo appuntamento della stagione 2022/2023 con la rinnovata rubrica di Sportparma.com riservata esclusivamente al calcio di Parma e provincia.

TOP5 sarà l’appuntamento del lunedì per riassumere le grandi imprese e i risultati migliori delle squadre parmensi impegnate nei campionati di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria.
Una classifica virtuale per esaltare vittorie, gol e parate del weekend calcistico e per ripercorrere i principali avvenimenti della giornata.

 


TOP 5


L’EUROGOL DI DALLA FIORA IN LANGHIRANESE-POVIGLIESE
Una prodezza balistica che ha fatto, letteralmente, godere i presenti sugli spalti del “Pertini”: Alex Dalla Fiora, terzino destro e capitano della Langhiranese, ha regalato il momentaneo 1-1 ai grigiorossi nel difficile match contro la Povigliese (squadra con la miglior difesa del girone B di Prima) con un autentico capolavoro. Sotto per effetto del gol di Gjoka (25′), al minuto 41 il numero 2 ha dato la scossa alla Benemerita, calciando da fermo all’altezza dei 25 metri: destro a sorvolare la barriera dei reggiani, pallone che bacia l’incrocio e non dà scampo al portiere Fava. La carica data da questo gol artistico e l’energia del pubblico ha permesso alla squadra della val Parma di andarla a vincere nel secondo tempo, ancora con un gol di un difensore (Sana al 77′). Secondo successo consecutivo e terzo turno da imbattuti per i ragazzi di mister Bianchi, che iniziano a risalire la china. Ma la copertina è tutta per l’eurogol del capitano.

 

LE MANI DI MONTEVERDI SUL PUNTO DEL BORGO
Ancora una volta a salvaguardare un pareggio del Borgo San Donnino sono state le “sante mani” di Michele Monteverdi, che ha compiuto il massimo gesto atletico che un portiere possa sperare: parare un calcio di rigore. Era già avvenuto il 25 settembre scorso, quando l’estremo parmense classe 2003 si era esaltato dagli undici metri contro il bomber Ridolfi del Cittadella VM. E ieri, ancora dinnanzi a un cliente modenese, Monteverdi – che non è il maestro Paganini – si è ripetuto. Nel match di Formigine i biancoblù si sono visti fischiare contro un penalty al 76’ per fallo di Donati su Cremaschi: Habib, esperto attaccante del Real, ha piazzato col destro il tiro dal dischetto, ma il promettente portiere borghiano si è disteso alla sua sinistra e lo ha respinto, permettendo così ai suoi di tornare a Fidenza con un punto prezioso e il quinto clean set stagionale.

 

PROFETI FUORI PATRIA: SUTERA (ALSENESE) E NARDOMARINO (GATTATICO)
Nemo propheta in patria, ci insegna un antico adagio in latino. E così per far emergere le proprie capacità alcuni giovani parmensi sono andati a giocare (e a segnare) in ambienti estranei. Meritevole di podio l’avvio strabiliante di stagione del tizzanese classe 2001 Giacomo Sutera, negli scorsi anni a Colorno e Langhirano: il fantasista, quest’anno in forza ai piacentini dell’Alsenese, ha risolto da solo il derby contro gli imbattuti del Gotico Garibaldina, indirizzando il match (vinto 3-0) con una doppietta in 20′; i due gol di ieri lo hanno fatto balzare in vetta alla classifica marcatori di Promozione con 8 segnature. Chapeau. Anche il coetaneo Francesco Nardomarino, attaccante parmigiano, è andato a segno fuori provincia: suo il gol al 24′ del momentaneo 0-2 del Gattatico con un taglio vincente sul primo palo a insaccare un cross dalla destra; bella soddisfazione personale dopo un paio di stagioni travagliate, ma non è bastato per mettere al tappeto la mai doma Valtarese che, tra le mura amiche, si è presa la vittoria con una rimonta epica (3-4) e anche il trono di capoclassifica in Prima B. 

 

SOLIGNANO, UNA VITTORIA CHE NON SI SCORDA
La prima volta non si scorda mai: il Solignano, grazie a un gol di rapina del suo capitano Francesco Leoni, ha strappato il primo successo di sempre in Promozione. Finalmente, all’ottavo tentativo, il team della val Taro ha potuto festeggiare i tre punti. Successo decisivo in chiave salvezza, ancor più perché ottenuto contro una diretta concorrente come il Brescello. Il primo “urrà” di sempre nella nuova categoria non poteva non essere tra le mura amiche del nuovo campo sintetico della “Solignano Arena” e, per più, nel giorno della consegna della coppa da parte della Federazione per la vittoria della Prima Categoria ’21/’22. Un’affermazione importante anche per mister Francesco Bertani che torna a vincere una gara di Promozione a 2912 giorni di distanza: l’ultimo successo in Cadelbosco-Medesanese (1-2) del 9 novembre 2014.

 

TORNA IL SERENO A MARZOLARA E FIDENZA
Dopo un mese difficile, sembra essere tornato il sereno a Marzolara e a Fidenza. I biancoblù della val Baganza infliggono la prima sconfitta al Terre Alte Berceto (per altro, già battuto in Coppa Italia): successo di misura all'”Amoretti” nell’anticipo del sabato di Prima B, decisivo ancora una volta su rigore Simone Comani, a segno per la terza partita di fila con 4 centri in questi 270′. Il suo destro spiazza Benelli e fa felice mister Estasi, che si aggiudica il confronto con il suo recente passato. Nell’altro girone, finalmente esulta il Fidenza, che era reduce da due punti in quattro turni: i bianconeri si aggiudicano con un gol per tempo (Cocchi su rigore al 43′ e Tommasini in contropiede al 91′) il derby contro la Viarolese Sissa, che invece è in crisi nera dopo il settimo ko di fila. Ancora lontane dai rispettivi obiettivi, ma Marzolara e Fidenza prendono una bella boccata d’ossigeno.

 

(In copertina, Tommasini in Fidenza-Viaroelse Sissa 2-0 – ©Foto: Alberto Poldi-Allay)

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Calcio Dilettanti

© RIPRODUZIONE RISERVATA