Connect with us

Eccellenza

Anteprima Eccellenza: sfide reggiane per Salso e Pallavicino. Fidentina, col Fiorano è l’ultima chiamata

Anteprima Eccellenza: sfide reggiane per Salso e Pallavicino. Fidentina, col Fiorano è l’ultima chiamata

Le partite del mercoledì hanno stravolto nuovamente la classifica del campionato di Eccellenza. Se in testa non cambia nulla e le gerarchie fra la capolista Axys e la seconda Rosselli Mutina non accennano a cambiare, in coda è piena bagarre per quanto concerne il discorso playout, oltre che per la retrocessione diretta.

In questo gorgo è da tempo invischiata la Fidentina (20), che proprio non riesce a dare continuità di risultati al proprio percorso. Una stagione davvero storta quella dei borghigiani che soltanto una domenica fa erano riusciti a espugnare il “Cavagna” di Busseto con un secco e perentorio 0-3, preservando così la supremazia nei derby con il Pallavicino; poi, però, è arrivata la solita secchiata di acqua gelata e con la sconfitta nel derby di mercoledì contro i cugini del Salso Ferretti e soci sono andati al tappeto per la sedicesima volta in stagione. I punti rimasti a disposizione sono ancora 24: facendo un rapido calcolo, ai granata ne servirebbero almeno 21 (cioè, 8 successi) per scalare l’Everest ed evitare addirittura gli spareggi. Quasi impensabile, però, poter pensare di vedere una simile serie positiva: a questo punto l’obiettivo resta quello di ricucire il gap dalla tredicesima, il Nibbiano, (a +11 punti sui parmensi) e giocarsi il tutto per tutto ai playout, evitando così l’onta della prima retrocessione in promozione nella storia del club. Domani i ragazzi di Francesco Montanini avranno probabilmente l’ultima chance di rimanere a galla: la Fidentina sarà chiamata a rispondere presente nel match del “Ballotta” contro un Fiorano (41) quasi salvo e, forse, in leggera flessione. I biancorossi, che hanno conquistato 1 punto nelle ultime 3, hanno avuto anche un calendario non semplice, dovendosi confrontare in questa settimana contro squadrerei calibro di Rolo e Bagnolese. La redazione amica di Indipendente Sportivo ci presenta l’undici di mister Mirko Fontana come una squadra che fa della solidità difensiva, della velocità sugli esterni, della compattezza e della distanza ravvicinata tra i reparti i suoi punti di forza. Il centravanti di riferimento è Zamble, uno che ha dimestichezza con il gol (9 centri in stagione), ma il vero faro della squadra è capitan Alicchi, cuore e cervello della squadra in mezzo al campo.

Per le altre due parmensi del gruppo A di Eccellenza il ventottesimo turno riserverà due incroci con formazione del vicino territorio reggiano. In ottica playout sarà molto importante per il Salsomaggiore (24) fare punti al “Francani” contro l’ultima in classifica, la Casalgrandese (10), che è reduce dalla batosta infrasettimanale che ha ridimensionato la clamorosa vittoria della scorsa domenica avvenuta contro la Folgore Rubiera. La squadra allenata da Ingari- che in stagione ha vinto appena 2 volte, la prima proprio nel match d’andata con i termali – ha un margine troppo ampio da colmare per poter rientrare i gioco nel discorso relativo agli spareggi per non retrocedere.  Spareggi che, al contrario, potrebbe addirittura evitare il Salsomaggiore se dovesse prendere un po’ di continuità nei risultati in questo finale di campionato. Certamente la vittoria nel derby con la Fidentina ha aumentato l’autostima del giovane gruppo a disposizione di Vittorio Bazzarini; il tecnico parmense in vista della partita di domani dovrà rinunciare al jolly offensivo Di Mauro, espulso mercoledì. I diffidati Compiani e il portiere Bonati dovranno fare attenzione a non rimediare un altro giallo per non dover stare a casa la settimana prossima, quando i gialloblù dovranno preparare il derby con il Pallavicino.

A proposito di Pallavicino (32): la squadra ha racimolato pochi punti (appena 3 pareggi nelle ultime 5) e ora lo spauracchio dei playout rischia di avvicinarsi. I verdiani, undicesimi classificati, hanno ancora un discreto margine sulle inseguitrici – specialmente sul terzultimo posto (+12) della Fidentina – ma la classifica lì in basso potrebbe subire scossoni da un momento all’altro. Perciò, gli uomini di mister Alessandro Piscina devono tornare a vincere al più presto e raggiungere il traguardo salvezza, discorso che fino a qualche settimana fa sembrava essere una pratica solamente da archiviare. I blues, orfani da qualche settimana del bomber Girometta, che a tutti gli effetti non fa più parte della rosa, saranno di scena in trasferta sul campo di una Folgore Rubiera (42) che da qui alla fine potrà recitare la parte dell’outsider: la cifra tecnica dei reggiani è senza dubbio superiore, ma i risultati stagionali ci dicono che la squadra si è mantenuta spesso su livelli incostanti. Negli ultimi 2 match i rubieresi sono dapprima caduti clamorosamente contro il fanalino di coda Casalgrandese, poi hanno saputo rialzarsi e pareggiare contro la prima della classe, l’Axys, nel turno infrasettimanale. Il Pallavicino non potrà fare affidamento su Andrea Mosca e Matteo Cambielli, entrambi squalificati.

Fischio d’inizio su tutti i campi alle ore 14.30.

(In copertina, l’ingresso in campo di Salsomaggiore-Virtus Castelfranco 0-2 del 19^ turno – Foto da salsomaggiorecalcio.it)

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Eccellenza