© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Promozione

Anteprima Promozione: Langhiranese e Marzolara, la salvezza passa in casa

Anteprima Promozione: Langhiranese e Marzolara, la salvezza passa in casa

Un’altra domenica lunatica è alle porte. E i colpi di testa, nel girone A di Promozione, sono sempre all’ordine del giorno. Attenzione al programma di un trentunesimo turno che prevede molti testa-coda e qualche confronto ravvicinato: non sarà la domenica dei verdetti, ma chi non raccoglierà i tre punti rischierà di esser tagliato fuori dai giochi, sia in vetta sia in coda.

Apriamo la nostra preview con gli impegni di Marzolara (35) e Langhiranese (34): tornate entrambe a sorridere nell’ultima partita, le due compagini parmensi avranno la chance di imprimere un’importante accelerata in chiave salvezza e per riuscirci potranno sfruttare anche il fattore casalingo. I biancoblù, dopo il rotondo successo in quel di Carignano, faranno ritorno all'”Amoretti” dove ospiteranno la Viarolese (43), che si ritrova a metà classifica: ma l’undici di mister Pompini – privo degli squalificati Di Dio (out per due turni) e Sartori, ma forte dei rientri di Ogliari e Badiali – non si recherà in val Baganza in vena di regali. Un altro successo, il secondo consecutivo, avvicinerebbe di molto la truppa di coach Savi al traguardo salvezza. Stessa sorte anche per la Langhiranese (34) che può sfruttare un turno sulla carta agevole: al “Pertini” ci sarà il derby contro il già retrocesso Real Val Baganza (12). La squadra di mister Franzese, come dimostrato anche una domenica fa, vuole congedarsi dal campionato con onore e, perciò, giocherà a viso aperto; i grigiorossi (che perdono Bottarelli e ritrovano Faelli) hanno la Bobbiese alle calcagna, motivo per il quale non possono permettersi un passaggio a vuoto.

Anche la stessa Bobbiese (33) può pensare di far punti pesanti contro il tranquillo Montecchio e questo induce il Basilicastello (25), terzultimo della classe e a forte rischio retrocessione diretta, di dover fare l’impresa contro la capolista Borgo San Donnino (63). Il confronto del “Ballotta” di Fidenza è senza dubbio impari e, all’apparenza, avrebbe anche un esito scontato, ma la banda allenata da Craviari (ancora imbattuto nella sua gestione) dovrà fare i conti con la determinazione dei rossoblù, che non vogliono arrendersi e che sono già riusciti a fare lo sgambetto alle big (vedi la vittoria contro la Fidentina o il pareggio a reti bianche, all’andata, contro i borghigiani); inoltre, nel San Donnino avranno un peso specifico le assenze di Soregaroli, in difesa, e Montali in attacco, con quest’ultimo che sarà inutilizzabile causa squalifica anche nel prossimo weekend. Vietato fallire per il Borgo: alle spalle la Castellana, attesa da un match facile, ha pronta la freccia per il sorpasso.

Detto che il team di Basilicanova è atteso da un match da dentro o fuori, va altresì specificato che pure il Noceto (30) rischia di sprofondare nel baratro. La marcia di capitan Ferri e soci si è bruscamente arrestata nelle ultime 4 gare, in cui è arrivato 1 solo punto: per di più, i ko nei due recenti scontri diretti hanno lasciato il segno, nel morale e nella classifica. I nocetani sono costretti a battere la Pontenurese (52), che non è tagliata fuori dai playoff. Lo stadio del “Noce” sarà teatro di uno scontro drammatico, in cui i padroni di casa rischiano di recitare la parte della vittima sacrificale, anche a causa degli strascichi del match di Bobbio: oltre al secondo portiere Merli (punito con tre turni di stop per uno sputo), saranno squalificati fino al 17 aprile Cerri e Fassa, ovvero allenatore e vice in pectore.

Per la zona medio-bassa della classifica si giocherà al “Compagnoni” la sfida tra Luzzara (36) e Carignano (43). Come Marzolara e Langhiranese la compagine reggiana, reduce dal rocambolesco successo contro la Fidentina, può fare un bel passo in avanti in caso di vittoria; il Carignano invece è ormai salvo e mister Delmonte, con l’intento di preservare qualche “vecchietto” per il rush finale e, soprattutto, per la partitissima di Coppa contro il Del Duca, potrebbe dar spazio ancora a tanti giovani, ma chiede una reazione dopo la debacle interna contro il Marzolara.

Infine, la Fidentina (54): complice anche il big match in programma tra Bibbiano e Brescello, deve sfruttare la possibilità di tornare prepotentemente in corsa per un posto playoff. Ad oggi il distacco di -8 dal secondo posto costringerebbe Ferretti e soci addirittura a non prendere parte al post season. La squadra di mister Montanini, senza il difensore Spagnoli (out per un’ingiusta squalifica di due turni) giocherà in trasferta al “Levoni” di Piacenza contro uno scarico Gotico Garibaldina (40), capace di racimolare appena 4 punti nelle ultime 9 gare. Ultimo appello per la formazione granata di Fidenza: un altro inciampo potrebbe essere pagato a caro prezzo.

 

(In copertina, un momento di Carignano-Marzolara 0-3 – ©Foto SportParma di Lorenzo Fava)

 

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Promozione