Connect with us

Promozione

Focus Promozione: il Felino passa di Potenza, Piccardo regina d’inverno. Riscatto Carignano

Focus Promozione: il Felino passa di Potenza, Piccardo regina d’inverno. Riscatto Carignano

Il campo principale del diciassettesimo turno ha regalato tante emozioni e tanto divertimento ai 200 circa spettatori presenti. Il Felino ha battuto il Colorno nell’atteso big match dell’ultima partita del 2017 (e per chi se lo fosse perso ci sono sempre i nostri highlights. Cliccare qui): 3-2 il risultato finale, al termine di una partita equilibrata e piena di cambi di fronte. Dopo un primo tempo finito sullo 0-0, ma non avaro di emozioni, è Lauriola dopo 8′ del secondo tempo a sbloccarla. Daolio, prima, e Delporto, poi, la ribaltano, facendo credere al Colorno di aver completato l’impresa. Poi nel finale succede di tutto: il Felino prende coraggio e, grazie ad un fallo da calcio di rigore (Caraffini stende Potenza lanciato a rete), si crea la chance per riportarsi in parità. Potenza dagli undici metri è implacabile, ma lo è ancor di più a 3 dal termine, quando nel più classico dei contropiede semina il vuoto dietro di sé e non dà scampo a Mambriani con un preciso destro all’altezza del primo palo. Festa grande per i rossoblù, che si mantengono in vetta. Sugli scudi Bottarelli, Lauriola e il debuttante Mazzera (schierato dal primo minuto), ma la copertina è tutta per Francesco Potenza, assoluto show man del pomeriggio del “Bonfanti”.

Festeggia il Felino, ma festeggia anche la Piccardo Traversetolo che – come da copione – in casa del San Secondo vince senza troppi problemi e si guadagna il titolo di regina d’inverno, grazie alla migliore differenza reti rispetto alla formazione di Leo Pioli. Le resistenze dei bianconeri durano solo 13 minuti, quando Dallaglio a rompe gli equilibri con la rete dello 0-1: Margini esce palla al piede dalla propria trequarti e serve un assist al bacio per Dallaglio, che azzecca il diagonale vincente di sinistro non lasciando scampo a Spaggiari. Poi si scatena Attolini che tra fine primo tempo e inizio della ripresa si iscrive per due volte sul tabellino dei marcatori: l’ex Bibbiano segna prima al 36′, finalizzando una serie di batti e ribatti all’interno dell’area sansecondina, e poi al 63′, quando insacca con violenza e precisione un traversone di Opoku.

Altra grande notizia di giornata è il risveglio del Carignano, che torna a vincere dopo quattro turni senza gioie. Basta un autogol, quello di Gandolfi al 25′, per battere il Montecchio al “Notari”. I parmensi, scesi in campo con un 3-4-3, vanno avanti alla prima palla gol del match: il nuovo acquisto Nardi (in campo fin da subito, così come Batchouo e Tognoni) semina il panico sulla destra e crossa in mezzo, Artich respinge addosso al compagno di difesa che fa rotolare goffamente la palla dentro la rete per lo 0-1. Il Montecchio tenta la reazione, ma l’unica occasione capita al 41′ su punizione di Rabitti parata da Dessena. Il nervosismo prevale nel finale di primo tempo e a farne le spese sono il tecnico dei reggiani Gussoni (allontanato per proteste) e il difensore parmense Conti (doppio giallo). Nella ripresa il copione è in favore del Montecchio, che spinge ma non crea grandi palle gol; unica chance al 35′ con Capitani che impegna con una girata Dessena. Il Carignano, pur giocando in dieci tutto il secondo tempo, alla fine ha portato a casa un risultato importante che gli permette di togliersi dal terzultimo posto in classifica e di trascorrere un Natale con qualche preoccupazione di meno.

Torna al successo anche la Langhiranese, che grazie al gol firmato Tazzioli (su rigore) batte in trasferta il Noceto e si lascia così alle spalle il periodo nero. Buono l’inizio dei grigiorossi, che sin dal fischio iniziale hanno messo sotto i rossoblù, dimostrando di essere in una giornata di grazia. Le scorribande iniziali di Rispoli mettono apprensione alla difesa di casa; poi, il break noceto affidato alla soluzione da fuori di Partelli che, al 16′ recuperata la palla, conclude impegnando in una parata a terra il rientrante Mingardi. Tra 18′ e 29′ ancora protagonista l’esterno offensivo langhiranese Rispoli, che si mette in mostra su un paio di punizioni insidiose per la porta difesa da Menta. Il Noceto, al 43′ ha una buona opportunità: Michelizza scende sulla fascia e crossa in area per Guarini che conclude a botta sicura, Tarasconi devia la traiettoria che supera Mingardi ma non Chierici, il quale salva sulla linea. La prima frazione sembra destinata a terminare senza goal, ma proprio allo scadere del 45′ Ogliari atterra in area Gennari. Per l’arbitro Belotti è penalty; Tazzioli, con freddezza, realizza lo 0-1 per la Langhiranese, che persisterà anche per tutto il corso della ripresa.

Chiude al quinto posto un ottimo girone d’andata la Medesanese. La squadra di Peraddi, tuttavia, esce dal “Maniforti” con l’amaro in bocca per essersi fatta recuperare il doppio vantaggio messo a segno nei primi minuti di gara grazie alle marcature di Dede (6′) e Ruffini (23′). Nella ripresa il Gotico Garibaldina esce allo scoperto e nel giro di 5 minuti, tra 60′ e 65′, acciuffa il pareggio che vale il definitivo 2-2 grazie al solito Cremona e a Volpe.

A Castel San Giovanni finisce 0-0 tra Castellana e Marzolara. Pareggio sostanzialmente giusto e risultato rispecchia i valori delle due squadre, molto vicine in classifica. Equilibrato il primo tempo, forse con un leggero predominio del Marzolara, schierato con Alessandro Colacicco alle spalle di Poka e Bruschi; il portiere della Castellana ha compiuto due ottimi interventi che hanno preservato la parità, prima della ricognizione negli spogliatoi. Il secondo tempo è stato appannaggio della Castellana che ha da reclamare per un rigore non non concesso. Un bell’intervento di Pierfilippo Colacicco ed una mischia paurosa (non finalizzata) nell’area dei biancoblù avrebbero potuto consegnare la partita ai locali. Ma si sa, la palla è rotonda e quando non vuole entrare non c’è modo di convincerla.

Un Borgo San Donnino decimato dalle assenze cade in casa dinnanzi ad un ritrovato Fontana Audax. A mister Bertani sono pesate le assenze di Marchignoli e Scaffardi, squalificati, Montali, fuori con 38 di febbre, Soregaroli e Cardillo, ai box per infortunio. Sin dalle prime battute, il Borgo tenta di fare la partita, ma il Fontana resta coperto senza correre rischi. Si arriva così fino al 15′, quando gli ospiti passano in vantaggio. La difesa borghigiana si fa sorprendere in occasione di una punizione sulla trequarti, con la palla che arriva a Zanaboni che, sottoporta, non lascia scampo a Spanu. La reazione dei padroni di casa è immediata. Il portiere piacentino Rebecchi, prima al 16′ su gran botta di Barbarini e poi al 17′ su conclusione ravvicinata, salva la sua porta con due grandi interventi. Poi al 19′ Barbarini in contropiede entra in area e cade in un contrasto mentre è lanciato a rete. Il direttore di gara lascia proseguire. Al 45′ arriva il raddoppio ospite: Vercesi indovina l’incrocio dei pali, approfittando di uno sbandamento difensivo. Ad inizio ripresa entra in campo un Borgo determinato, ma il Fontana Audax resta coperto e al 7′ Abbiati si rende ancora pericoloso. Dal 20′ in avanti la partita scade in un combattimento a tutto campo con gioco scarso e impreciso. Ancora al 41′ Oppedisano impegna severamente Spanu con un tiro dal limite. Qui di fatto finisce la gara, senza altri episodi di rilievo sino al termine. Risultato giusto oggi al “Francani” di Salsomaggiore: un Fontana Audax ordinato ha battuto con merito un Borgo San Donnino a cui non è bastata la grande determinazione messa in campo.

Sconfitta tra le mura amiche per la Biancazzurra nel derby contro il Brescello. La squadra allenata da Piccini ha vinto il match del “Balbo” senza correre troppi rischi e, anzi, nella prima frazione di gara ha sfiorato la via della rete in tre o quattro circostanze. Genova ha aperto il tabellino dei marcatori al 4′ della ripresa; da lì la Biancazzurra ha iniziato ad affidarsi a numerosi manchi lunghi per le sponde delle due punte Pozzi e Saccani; il portiere gialloblù Oppici ha salvato il risultato con una grande parata in mischia che ha preservato il vantaggio. Poi al 41′ ci ha pensato Ferretti a radoppiare, sfruttando la respinta del portiere ospite Fava, bravissimo a dire di no in un primo momento a Ouaden, ben imbeccato dal lancio di Urbano. La squadra di Sorbolo ha chiuso in dieci uomini per il rosso sventolato in faccia a La Rosa a 3′ dalla fine. Con questa sconfitta, la squadra di Delmonte è scivolata in terzultima posizione e chiude il girone d’andata a 6 punti dal Montecchio tredicesimo.

Finisce 1-1 il match valevole per la salvezza tra Viarolese e Terme Monticelli. Succede tutto nel quarto d’ora conclusivo: Cavalli porta in vantaggio la squadra del Cornazzano, che viene raggiunta a 9′ dal termine dal classico gol dell’ex firmato Talignani. Il Monticelli strappa così un altro risultato utile (il quarto consecutivo) e chiude il 2017 con la consolazione di non essere più ultimo in solitaria in classifica.


(L’attaccante Attolini in azione durante San Secondo-Piccardo Traversetolo – Foto by Piccardo Traversetolo ASD)

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Promozione

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi