SEGUICI SUI SOCIAL

Promozione

Focus Promozione: frenano Colorno e Langhiranese. Biancazzurra, primi tre punti

Focus Promozione: frenano Colorno e Langhiranese. Biancazzurra, primi tre punti

Non sono mancate le sorprese nei risultati della settima giornata di Promozione. In vetta non cambiano le gerarchie ma, complici i mezzi passi falsi di Colorno e Langhiranese, si accorciano le distanze: le prime cinque squadre sono racchiuse nel giro di soli tre punti; in coda alla classifica, invece, va registrata la prima vittoria stagionale della Biancazzurra.

Partiamo dalla formazione sorbolese che vince, per 2 reti a 0, lo scontro col San Secondo Parmense tra le più in crisi del momento: entrambe in settimana erano state protagoniste di due rivoluzioni in panchina. Al “Delgrosso” passano gli ospiti, a segno con il neo giocatore/allenatore Fabris (85′) e La Rosa (93′). La Biancazzurra riscrive così le gerarchie nella zona calda, salendo a quota 4 e lasciandosi alle spalle tre compagini. Operazione sorpasso completata ai danni dei bianconeri sempre più in difficoltà. Grillo e soci si confermano la difesa più perforata del girone A (20 gol subiti).

Fanno rumore – come dicevamo prima – le mancate vittorie di Colorno e Langhiranese, tutte e due fermate sul pareggio da avversarie in lotta per la salvezza. La trasferta nel fortino dell'”Amoretti” in casa del Marzolara, poteva essere l’occasione giusta per il Colorno per allungare ulteriormente sulle inseguitrici. E invece l’undici di mister Bernardi è stato fermato sullo 0-0 dai padroni di casa. Partita contratta e avara di emozioni, ma pareggio sostanzialmente giusto: ospiti pericolosi solo con un paio di punizioni (che non hanno creato grattacapi al portiere Colacicco), ma bloccati dalla solida coppia difensiva Spagnoli-Peri del team della val Baganza, che ha costruito con Poka la palla-gol più nitida del pomeriggio. Ma il bomber di casa, davanti a Mambriani, ha cestinato la chance preferendo un dimenticabile pallonetto a un tiro a botta sicura. Il Colorno accetta lo 0-0 sapendo comunque di aver conservato il primato, per il Marzolara arriva l’undicesimo punto dall’inizio nel torneo.

La Langhiranese, invece, perde due punti nelle battute conclusive della sfida con il Terme Monticelli, giocata al “Pertini”. Tazzioli, pericoloso in almeno tre circostanze, Xeka e Gennari già nel primo tempo segnano il predominio dei grigiorossi, che schiacciano i termali nella loro metà campo. La squadra di Botta abbozza una reazione con due tentativi di Rampini e Sghia, ma è un fuoco di paglia, perché al 36′ Xeka, in mischia, sigla il vantaggio di piatto. Nella ripresa, i termali provano a scoprirsi maggiormente alla ricerca del pareggio e hanno diverse occasioni, in particolare con Sghia, Robotti e Paini. Poi è Sghia a trovare l’1-1, all’87’, su punizione. Le due squadre hanno finito in dieci uomini: tra i padroni di casa espulso Gennari, tre gli ospiti Bigi.

Ad approfittarne sono le inseguitrici, che accorciano il gap in classifica in attesa di provare a completare il sorpasso. Il Felino riscatta il ko casalingo di domenica scorsa ed espugna il difficile campo di Medesano, confermandosi squadra formato trasferta (4 vittorie su 4). La Medesanese tiene testa ai cugini felinesi, ma alla fine non riesce a evitare il primo stop tra le mura amiche. Partenza sprint per i biancoblù, avanti con Cucchi (5′), bravo a capitalizzare con un pallonetto una palla servita in mezzo all’area da Metitero. Al 10′ Ruffini sfiora il raddoppio su punizione, e poi al 16′ è Dede ad andare vicino alla marcatura personale in mischia sugli sviluppi di un corner. Gol sbagliato, gol subito: Mezgour (17′) realizza il prezioso assist di Miftah, che aveva reato palla a Barbarini a centrocampo. Al 19′ si completa la rimonta ospite: Lauriola calcia, Esposito para, Mezgour ribadisce in rete. Mister Peraddi prova ad andare a caccia del pareggio e a inizio ripresa si gioca la carta Montali, ma ancora una volta sono gli uomini di Pioli a trovare la via della rete: l’1-3 che sembra chiudere i conti arriva al 56′ grazie all’esterno Lauriola. La formazione di casa però dimostra ancora una volta grande carattere e riesce ad accorciare le distanze. Al 70′ il pallone di Bruno Messineo, messo al centro dalla fascia destra, viene colpito da un avversario con la mano. Per l’arbitro è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Metitiero, che batte e spiazza Terenzio. Nel recupero Alessandro Guida avrebbe il match point per il possibile pari, ma a tu per tu con Terenzio dimostra poca freddezza, sparando alto.

Con il 2-0 ai danni del Carignano, la Piccardo Traversetolo si porta a un solo punto di distanza dalla coppia Langhiranese-Felino (attualmente seconde) e a -2 dal Colorno capolista. Al “Tesauri” indirizzano la contesa la rete di Mantelli (52′) e l’autogol di Graziano (86′), venuti entrambi nella ripresa. I gialloneri si sono presentati con i freschi ex Tognoni, Pioli e Mantelli dall’inizio, mentre Nardi – al rientro nei diciotto dopo l’infortunio che lo aveva costretto ai box – è stato inserito al 72′. Al 15′ del primo tempo gli uomini di Dall’Asta hanno fallito un calcio di rigore con Dallaglio, ben parato dal portiere Dessena. Nel prossimo turno, la squadra di Traversetolo potrà tentare il sorpasso sul Colorno (entrambe sono ancora imbattute) nello scontro diretto che le vedrà a confronto; il Carignano, invece, dovrà provare a invertire la rotta nel derby casalingo con la Langhiranese. Mister Barbarini vorrà tornare a fare i tre punti (che mancano dal primo turno) per togliersi dall’attuale scomoda posizione di classifica.

Continua il magic moment del Noceto che sale a quota 15 punti dopo il successo odierno sul Borgo San Donnino. Al “Noce” finisce 3-2 per gli uomini di mister Bacchini, che centrano il sesto risultato utile consecutivo. Vantaggio immediato firmato dall’ex Soragna Testa (oggi preferito a Morsia, lasciato inizialmente in panca), in gol dopo 2′. Poi, al 17′ raddoppia il centrocampista Jibril; prima di andare negli spogliatoi, i fidentini abbozzano cenni di ripresa e vanno in gol con Luca Montali (42′). Nella seconda frazione, però, la rete di Mbersi (77′) sancisce l’ennesima domenica di gloria per i nocetani, che soffrono solo qualche secondo negli istanti finali, quando Montali (92′) realizza la personale doppietta, battendo di nuovo il portiere debuttante Mora. Ma la sostanza non cambierà: Noceto alle stelle, San Donnino al secondo ko di fila.

Perde, infine, la Viarolese, che esce sconfitta di misura da Castel San Giovanni. Con la Castellana la partita è molto equilibrata, specialmente nel primo tempo; i piacentini colpiscono una traversa, i parmensi, invece, reclamano per un rigore non concesso. Nel secondo tempo, la squadra di casa passa in vantaggio dopo una ventina di minuti quando, al termine di una bella triangolazione che porta alla conclusione a rete, Canzian intercetta il pallone col braccio all’interno dei 16 metri. Rigore concesso e trasformazione vincente di Zarbano, che risulterà decisiva. A nulla serve il forcing finale della formazione di Fabbi, ogni tentativo risulterà vano. Gli azzurro-granata tornano a Viarolo a bocca asciutta, ma il distacco sulla zona playout (+4) rimane invariato.

 

(In copertina l’ingresso in campo di San Secondo e Biancazzurra nella gara del “Delgrosso”)

Leggi i commenti o commenta tu stesso



 


Pubblicità
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità

ALTRO IN Promozione