Connect with us
 

Promozione

Focus Promozione: scivolone Felino, Colorno solo al comando. Langhiranese da batticuore

Focus Promozione: scivolone Felino, Colorno solo al comando. Langhiranese da batticuore

La ventitreesima domenica di campionato ci regala una capolista solitaria. A guidare la classifica del girone A ora c’è il Colorno, che torna a sedersi da solo sul trono così come non avveniva dalla settima d’andata. Al gruppo di mister Bernardi è bastato un pareggio sul difficile campo del Brescello; la gara si era impostata fin da subito bene per i ducali, passati in vantaggio all’8′ grazie alla rete di Pin, bravo a concludere una bella azione corale e a sfruttare l’intelligente velo di Galli (schierato in posizione di “falso nueve” in assenza di Delporto, acciaccato e in panchina per tutta la gara). Poco dopo, al 17′, i reggiani hanno trovato l’1-1 grazie a una caparbia azione di sfondamento di Ouaden, oggi in grande spolvero. L’undici di mister Piccinini, grande ex della partita, al 40′ era riuscito a ribaltare la situazione, portandosi sul 2-1 grazie a un colpo di testa di Benassi. Nella ripresa, però, l’inserimento di Contu (salito al posto di Bovi durante l’intervallo) ha dato maggiore verve ai canarini che, proprio con il neo entrato, in gol al minuto 72, hanno fissato il punteggio sul 2-2.

Se il Colorno si ritrova primo in classifica, parte del merito è anche del Felino, che non è riuscito a tenere il passo dei cugini e che oggi è finito al tappeto sul campo del Gotico Garibaldina. La squadra di Mazza, andata sotto dopo appena 9 giri d’orologio, per l’autogol di Maccagni, è riuscita a ribaltare la situazione: il pareggio è stato immediato ed è arrivato già al 14′ grazie al “solito” Cremona, poi al 77′ il gol partita firmato Moschetti. Nel Felino – ko dopo una serie utile durata 11 giornate – ha pesato e non poco l’assenza (per motivi familiari) dell’esterno Potenza. I rossoblù di mister Garulli mantengono il secondo posto a una sola lunghezza dal Colorno, ma questo scivolone rischia di riaprire le speranze playoff per il Gotico, che nonostante la voragine di punti sembra l’unica credibile outsider per le tre parmensi.

A proposito di zona playoff: nonostante il successo odierno,rimane al terzo posto la Piccardo Traversetolo che rialza la testa dopo due sconfitte consecutive. La squadra di Dall’Asta riduce dunque al minimo le distanze dai primi due posti. I gialloneri, scesi al “Tesauri” con il tridente Attolini-Martinez-Mantelli in campo dall’inizio (panchina iniziale per Spadacini e Dallaglio), hanno avuto la meglio del Terme Monticelli, penultimo della classe, per 2 reti a 0. Ma non inganni il punteggio: la vittoria è stata sudata più del previsto e si è materializzata solamente nel finale. Per sbloccare la contesa ci è voluto un calcio di rigore trasformato, all’82’, dal regista di casa Filippo Pioli; poi, 3′ più tardi, con i biancocelesti alla ricerca del pareggio dopo una prestazione gagliarda, è arrivato il sigillo di Spadacini che, al termine di un’azione personale, ha chiuso i conti e ha sancito il quindicesimo stop stagionale per i termali, la cui posizione in classifica torna a farsi complicata. Sì, perché sono aumentate le distanze dalle avversarie che occupano la griglia dei playout (diventato l’obiettivo stagionale per gli uomini di Botta): eccezion fatta per il Montecchio, tutte hanno fatto punti.

La sopracitata compagine della provincia reggiana è stata incredibilmente sopraffatta in un finale memorabile dalla Langhiranese, tornata al successo dopo 4 ko di fila.  I grigiorossi si erano ritrovati subito a inseguire la rete ospite di Gualtieri (12′). Poi, la reazione della truppa di Paoletti che dapprima non sfrutta una chance con Barone e poi impatta al 27′ grazie a Mercadanti – autentico spauracchio per la difesa montecchiese -, ben servito da Dalla Fiora. Il sostanziale equilibrio dei primi 45′ viene rotto nella ripresa quando gli uomini di Gussoni, approfittando di un errato disimpegno difensivo dei locali, trovano la via dell’1-2 con il giovane Lusetti (75′). Nel finale l’impresa sembra disperata, ma i grigiorossi gettano il cuore oltre l’ostacolo: la determinazione di Rispoli regala dapprima il pareggio al 94′, con un gol di rapina; poi giunge l’insperato sorpasso con Trevisan (96′) che supera Artich con un preciso colpo di testa. Grande gioia al “Pertini” per la Benemerita, domenica dal sapore molto amaro per il Montecchio. 

In terzultima posizione (a +8 dalla zona rossa) restano i piacentini del Fontana Audax, tornati a muovere la graduatoria dopo la debacle dell’ultima gara. Al “Soressi” di Castel San Giovanni i padroni di casa non sono andati oltre l’1-1 con la Viarolese che continua a seguire la politica dei piccoli passi per tenersi a debita distanza dalle zone paludose. I ragazzi di Fabbi si erano ritrovato subito a rincorrere i locali, già in vantaggio dopo soli 2′; Mazzini da zona centrale allarga sulla destra destra per Battaglino, che è bravo a saltare l’uomo ed a raggiungere il fondo: assist in area dove l’accorrente Cerati piazza il destro al volo che trafigge Marcobello. La prima frazione si gioca costantemente su alti ritmi e continui cambi di fronte, ma al 40′ è su un pasticcio difensivo dei piacentini che arriva il tanto ricercato gol della formazione di Viarolo. Al 46′, Rebecchi in uscita e Battaglino in copertura non si intendono: il malinteso fra i due favorisce Cavalli che ringrazia e deposita in rete prima del duplice fischio. Nella ripresa cala il ritmo, ma non l’agonismo. Al 22′ viene allontanato Lazzarini, coach locale per proteste. Un minuto dopo l’intervento in area di rigore del piacentino Fassina viene giudicato punibile con rosso e penalty: Fontana Audax in dieci uomini, ma graziato dall’errore dal dischetto di Camara, che calcia sul palo.

Secondo successo consecutivo per il Carignano, che supera in trasferta il Marzolara grazie a una rete di Tognoni giunta ad inizio partita dopo uno svarione difensivo della truppa di Savi. La cura Brandolini (6 punti in due partite e 0 gol subiti) sembra aver rigenerato il gruppo giallorosso, che dopo il prezioso successo odierno si è portato a -1 dal club della val Baganza, al momento la spartiacque tra la zona playout e la salvezza diretta. Finale giusto: partita poco spettacolare, ma gli ospiti hanno fatto qualcosa in più, mentre i padroni di casa pagano la cronicità di un attacco sterile e di un centrocampo poco efficace, complici le numerose assenze dei titolari. Affermazione con lo stesso punteggio (0-1) anche per il Borgo San Donnino, che sbanca il “Maniforti” di Medesano con una rete di Pingiotti al 90′: l’ex Basilica 2000 Pingiotti, subentrato nel secondo tempo a Pellegrini, raccoglie una palla in area su corner di Billone e da pochi metri buca il portiere di casa Esposito. Altro tonfo per la Medesanese, che anche a causa delle tante defezioni sta vivendo un momento delicato della stagione. Prezioso risultato per i fidentini, che escono dalle paludi della classifica.

Noceto e Biancazzurra si dividono la posta in palio al “Noce” in una partita ricca di gol ed emozioni. A partire meglio erano stati i padroni di casa, che avevano beneficiato di una autorete per portarsi sull’1-0: al 5′, tutti lisciano nell’area piccola l’angolo battuto da Bocchi, il pallone sbatte su Quagliotti che involontariamente deposita alle spalle del proprio portiere. Al 43’ la reazione dei sorbolesi. Larosa imposta per Melegari che, sulla sinistra, evita Cabrini e crossa: Pozzi trova inizialmente la buona opposizione di Michelizza, poi con un movimento rapace gli ruba la palla e la mette in area piccola dove si avventa Vinaglio, che da due passi supera Menta. Nella ripresa si riprende con lo spartito del primo tempo: Noceto padrone del gioco e alla ricerca del vantaggio, Biancazzurra arroccata e che si affida ai lanci lunghi. Dopo 2′ i ragazzi di Bacchini mettono la freccia: angolo di Guarini sul secondo palo per Molinari che fa da sponda per Di Maio, il quale davanti a Fava schiaccia di testa sotto le gambe del portiere. Nel finale arriva la doccia fredda per i locali, raggiunti a 5′ dal termine quando un lungo lancio di Bianchi mette in affanno Menta e Ferri che non si intendono; sulla respinta del difensore, Biondi sbaglia lo stop al limite dell’area e Degli Angeli ha vita facile nel scodellare un assist al bacio per Vinaglio che, indisturbato, gonfia la rete per il gol del pareggio e della personale doppietta. Finisce 2-2.

Da registrare, infine, l’ennesima domenica nera del San Secondo, battuto a domicilio per 1-3 dalla Castellana. I piacentini si esaltano con Bertelli (14′), Zarbano (56′) e D’Aniello (59′); per il team della bassa la rete di Balestrazzi (34′) aveva dato soltanto l’illusione del momentaneo pari. Nona sconfitta consecutiva per l’undici di mister Macchetti, che ormai ha entrambi i piedi in Prima Categoria.


(In copertina, il duello tra Martinez e Gennari durante Piccardo Traversetolo-Terme Monticelli 2-0 – Foto by Piccardotraversetolo.it)

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Promozione

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi