SEGUICI SUI SOCIAL

Carignano – Langhiranese 0-0, highlights e interviste

Promozione

Carignano – Langhiranese 0-0, highlights e interviste

Zero a zero al “Padovani” nel derby dell’ottavo turno di Promozione tra Carignano e Langhiranese. Partita combattuta e piuttosto contratta, alla fine il pareggio fa contenti tutti: i padroni di casa, che non vincono dalla giornata d’esordio e reduci dal ko di Traversetolo, tornano a muovere la classifica ottenendo un punto che fa morale; gli ospiti, invece, si confermano nei quartieri altissimi della graduatoria e continuano a non perdere di vista la vetta.

Barbarini dispone in campo il suo Carignano con un 4-4-1-1, in cui non trova spazio l’esperto Fiordelmondo; Greci e Ferrato sono lo schermo davanti alla difesa, i giovani Vuka e Guastalla chiamati alla doppia fase sugli esterni e il fantasista Pin di supporto all’unica punta Volponi. Paoletti risponde con il 4-3-3: Tazzioli è il riferimento centrale offensivo, mentre Aracri e Rispoli agiscono ai suoi lati; a centrocampo, complice l’assenza di Gennari (squalificato), gioca il classe 2000 Bertolazzi.
Favorito alla vigilia, dopo i 16 punti delle precedenti 7 giornate, il team della val Parma prova sin dalle prime battute a fare la partita. La prima emozione prova a regalarla, all’11’, Musi che, spalle alla porta, si gira e calcia, ma abbondantemente a lato. Nell’occasione, il centrocampista accusa un problema muscolare, che lo costringerà 3 minuti più tardi a lasciare spazio al giovane Babboni. La chance più grande di tutta la gara capita al 19′ sui piedi di Tazzioli, ben imbeccato da un lancio dalle retrovie che coglie di sorpresa la retroguardia locale. Il centravanti dei grigiorossi, però, solo davanti a Dessena, si fa ipnotizzare dal portiere avversario, che con una parata da fuoriclasse salva il punteggio. Il Carignano risponde due giri di lancette più tardi: dopo un batti e ribatti all’interno dell’area, la palla schizza sul mancino di Greci che colpisce a botta sicura: il numero uno Pagani (sostituto dell’infortunato Mingardi) vola e con la mano di richiamo toglie un insidioso pallone ben indirizzato sotto la traversa. Al 34′ c’è spazio per un tiro violento di sinistro di capitan Ferrato, dopo lo scarico di Volponi: ma la conclusione si perde alta di un paio di metri. L’ultima azione degna di nota arriva al 37′ quando su calcio di punizione dalla sinistra Tazzioli, con una soluzione rasoterra, cerca di sbloccare il punteggio. Dessena, però, ha altre intenzioni e la tiene lì.

Nel secondo tempo si fa vedere ancora in avanti la Langhiranese: all’8′ il solito pallone filtrante in area di rigore pesca Aracri che tenta invano lo scavetto su Dessena, ancora una volta attento e ben posizionato. Sul fronte opposto, al 9′ un pallone crossato dalla destra mette in crisi la difesa di capitan Tarasconi e soci, che riescono comunque a sbrogliare una situazione confusa non sfruttata dal Carignano. I ritmi di gioco calano alla distanza e le squadre sembrano accontentarsi del pareggio. Al minuto 22 i grigiorossi hanno un’altra opportunità da gol: il portiere di casa Dessena si concede un’avventura fuori area, ma perde il possesso della palla che finisce a Tazzioli. Il tiro del numero 9, ribattuto dal muro difensivo, diventa un assist per Aracri, che viene anticipato dalla tempestiva uscita bassa dell’estremo di casa. Nel finale, le occasioni da gol si sprecano e la partita scorre via verso l’inesorabile 0-0. De Angelis si fa apprezzare al 33′ per una sgroppata sulla sinistra con conseguente conclusione fuori dallo specchio della porta del ventenne Pagani; al 39′ la punizione dalla fascia sinistra di Pin viene corretta dalla spizzata di testa di Comani che libera sul secondo palo Graziano: ma il numero 5 è in ritardo e manca l’impatto vincente. Al 3′ dei 4 minuti di recupero, concessi dal direttore di gara Donno di Piacenza, ultimo tentativo su calcio da fermo affidato al mancino sempre pericoloso di Fiordelmondo, da poco entrato in campo: Pagani blocca agilmente il tiro e mantiene inviolata la porta. Poi arriva il triplice fischio che manda le squadre negli spogliatoi. Appuntamento rimandato con i tre punti per i parmensi di Barbarini che non sanno più vincere dal 3 settembre, ma la prestazione offerta lascia ben sperare per le prossime settimane. La Langhiranese esce indenne da un campo ostico e si conferma tra le big del campionato: per la zona playoff ci sarà da fare i conti con i grigiorossi, ancora imbattuti fuori casa.

 

CARIGNANO-LANGHIRANESE 0-0
Carignano: Dessena, Conti, De Angelis, Greci, Graziano, Manicone (37′ st Fiordelmondo), Guastalla, Ferrato (25′ st Lombardi), Volponi (33′ st Comani) Pin (44′ st Lo Giudice), Vuka (28′ st Tagliavini). A disposizione: Aschieri, Cila. All. Barbarini
Langhiranese: Pagani, Chierici, Trevisan, Kone (25′ st Truffelli), Tarasconi, Bottioni, Aracri (41′ st Dalla Fiora), Bertolazzi (20′ st Barone), Tazzioli, Musi (14′ pt Babboni), Rispoli (36′ st Coppa). A disposizione: Corradi, Galloni. All. Paoletti
Arbitro: sig. Donno di Piacenza
Assistenti: sig. Lo Re di Piacenza e sig. Scafuri di Reggio Emilia
Note: cielo coperto, giornata nuvolosa e, a tratti, piovosa. Terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Kone, Chierici. Corner: 4-5. Recupero: 1′ pt, 4′ st.

 

(Foto copertina da Asdb Langhiranese Calcio)

Leggi i commenti o commenta tu stesso



 


Pubblicità
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità

ALTRO IN Promozione