Connect with us

Ciclismo

Malori a Sportparma: “Niente proclami, ma il mio esordio è vicino”

Malori a Sportparma: “Niente proclami, ma il mio esordio è vicino”

Anno nuovo, vita nuova. Così si dice, così si deve fare. Dodici mesi fa di questi tempi Adriano Malori era in viaggio per il Sudamerica tra il sopralluogo olimpico di Rio e il Tour de San Luis, ma ormai del suo tormentato 2016 si è detto di tutto e di più ed arrivato per lui il momento di voltare decisamente pagina.
Basta parlare del passato, il traversetolese della Movistar – che mercoledì 25 gennaio raggiungerà i suoi compagni a Madrid per la presentazione della squadra – guarda avanti, anche più di quello che ha fatto finora, apprestandosi ad iniziare la sua ottava stagione tra i big del ciclismo: “Possiamo dire che per il 2017 mi vedo più come un giovane neoprof con già diversi anni di esperienza alle spalle. E devo recuperare il tempo perso a fine dicembre, causa un fastidioso viru,s perché il mio esordio è vicino. Di sicuro lo farò in Spagna dove correrò due gare in linea, la Vuelta de Murcia l’11 febbraio e la Clasica de Almeria il giorno dopo, anche se inizialmente i propositi, prima del mio stop influenzale, prevedevano le gare di Maiorca a fine gennaio. Comunque sto continuando ad allenarmi duramente per essere pronto il prima possibile, poi è normale che per il resto dell’anno la squadra ed io vivremo alla giornata. Al momento abbiamo fatto un programma indicativo valutando di volta in volta dove andrò a correre”.
Voglia di tornare in corsa Malori – 29 anni il prossimo 28 gennaio – ne ha tanta e le sue giornate sono intense, nelle quali le sudate in bici si alternano a quelle di pilates: “Onestamente ho sempre pensato che non fosse così faticoso farlo, però mi sta servendo tanto per recuperare e ogni giorno, anche quando faccio riposo o scarico, ne faccio una seduta. Non ho aspettative particolari per questa stagione, voglio solo tornare a correre, essere protagonista e fare molta meno fatica delle gare fatte in Canada lo scorso settembre. Niente proclami, navigherò a vista ma mi vedrete. Aspettatemi, ci sarò”.
Adriano Malori ha già dimostrato di uscire da mari tempestosi, adesso sa che rotta vuole e deve prendere.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Ciclismo

© RIPRODUZIONE RISERVATA