Connect with us

Football Americano

IFL 2015, semifinale: Panthers – Giants 14-7, gli highlights

IFL 2015, semifinale: Panthers – Giants 14-7, gli highlights

Il destino a volte si diverte a disegnare intrecci degni della trama di un film: al Tardini di Parma i Panthers si aggiudicano la semifinale contro i Giants Bolzano per 14-7 e staccano il biglietto per il Superbowl 2015. In finale affronteranno i Seamen, i Campioni in carica subentrati alle Pantere dopo 4 titoli consecutivi.

La finale che i Panthers volevano per avere la possibilità di riscattare la pesante sconfitta subita a Ferrara l’estate scorsa.
Ma arrivare al Superbowl non è stato facile, i Giants avevano già battuto i parmigiani nella stagione regolare e anche oggi hanno dato filo da torcere a Monardi e compagni. Partita sconsigliata ai deboli di cuore, tiratissima e aperta fino all’ultimo secondo.
L’inizio del match è dominato dalle difese.
Il primo possesso è dei Panthers, ma Monardi non riesce a guadagnare terreno e subisce anche un sack. Entra in campo l’attacco Giants guidato da Steven Adams che incontra le stesse difficoltà e subisce anch’egli il sack. Nuovo Punt e le Pantere tornano all’attacco. Monardi riesce a muovere la palla grazie a Martinek che trova la sua corsa potente ed efficace, ma non riesce comunque a chiudere il secondo down ed è ancora turnover. Adams trova la ricezione di Bonacci che guadagna yards lungo la sideline sinistra, poi, nonostante la forte pressione della difesa neroargento trova la ricezione profonda di De Jesus che porta i Giants a meno di 20 yards dal td. Ma la difesa dei Panthers e qualche fallo di troppo respingono gli assalti dei bolzanini e li costringono a tentare il fg dalle 25 yards allo scadere del primo quarto. Lo snap non viene ricevuto bene e Guariento non riesce nemmeno a tentare il calcio.
Dopo il cambio di campo sono i Panthers a provare la strada per il td: Martinek chiude subito il down ma Monardi non riesce a trovare ricevitori liberi e i Panthers sono di nuovo costretti al punt. L’attacco Giants riparte dalle proprie 10 e non riesce a chiudere il down, palla di nuovo a Monardi che riparte dalle 40 in campo Panthers: stavolta il qb parmigiano trova Canali in profondita che riesce a portare la palla fino alle 6 yards. Monardi si affida a Martinek: i blocchi della linea gli aprono il varco giusto per il td che scatena l’entuasiasmo egli oltre mille tifosi sugli spalti del Tardini. Diaferia trasforma per il 7-0.
Dopo due cambi di possesso i Giants riescono a mettere in campo azioni efficaci e con una bella ricezione di Capogrosso Adams arriva sulla linea delle 30. Poi è Petrone a trovare il varco giusto, lasciato colpevolmente aperto dalla difesa neroargento, che vale il td per i Giants. La trasformazione di Guariento riporta le squadre in parità, sul 7-7. Prima dell’intervallo lungo c’è il tempo di vedere un bell’intercetto di De Jesus, ma nessuna delle due squadre riesce a portare attacchi incisivi.

Il secondo tempo vede subito i Giants all’attacco ma un fumble prontamente ricoperto dalla difesa neroargento. Ma MOnardi, spesso costretto a correre, non riesce a macinare yards. I Panthers decidono di provare il fg con Martinek, forse per una finta di calcio e corse dell’americano, ma lo snap difettoso vanifica ogni tentativo. Ma la difesa neutralizza in 4 down l’attacco ospite e riporta in campo Monardi e compagni: il qb continua a non trovare ricevitori liberi, guadagna qualche yards con Malpeli Avalli e poi si incarica di persona di andare a segnare il td che risulterà poi decisivo. Diaferia non sbaglia e il punteggio è di 14-7 e le starlight cheerleders festeggiano a bordo campo.
Il terzo quarto si chiude senza altri sussulti e l’ultimo periodo si apre con i Panthers di nuovo in possesso palla. Ma le difese sono padrone del campo e sull’ennesimo punt Morant sirma un bel ritorno fino alle 40 in campo Panthers, ma è un episodio isolato. Un lancio lunghissimo di Adams sotto pressione viene intercettato da Diaferia annullando le velleità dei Giants. Ma l’ennesimo punt dei Panthers preoccupa il presidente Tira sulla sideline, infatti i Giants con poco tempo a disposizione provano il tutto per tutto con una corsa di Bonacci e una ricezione di Morant servito dallo stesso Bonacci in posizione di qb arrivano fino alle 20 yards dal td. Da qui Bonacci prova ripetutamente a pescare un ricevitore in end zone, ma la difesa neroargento fa buona guardia impedendo ogni ricezione. A MOnardi non resta che inginocchiarsi per far trascorrere gli ultimi secondi che separano le Pantere dal sesto Superbowl consecutivo. Appuntamento il 4 luglio al Vigorelli di Milano, dove i Panthers cercheranno riscatto contro i Seamen, per un lieto fine rappresentato dal quinto titolo nazionale.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Football Americano

© RIPRODUZIONE RISERVATA