© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Football Americano

Rhinos Milano – Panthers Parma 22-23, gli highlights

Rhinos Milano – Panthers Parma 22-23, gli highlights

I Panthers tornano dalla trasferta milanese sul campo dei Rhinos con la vittoria in tasca, ma consapevoli di aver giocato una pessima partita. Una vittoria che riporta le Panthere in vetta al girone Nord con 4 vittorie e 1 sconfitta, a pari merito con Seamen e Giants, ma che non può lasciare tranquilli coach Papoccia e il presidente Tira.

Avanti 16-0 a metà del secondo quarto, grazie soprattutto agli errori dei padroni di casa, si sono fatti rimontare dai Rhinos che sono pervenuti al pareggio nel terzo quarto. Nell’ultimo periodo un td per parte, ma la differenza la fa la trasformazione di Diaferia.

Pensare che la partita è subito in discesa per i Panthers, al primo drive la difesa dei Panthers costringe subito al punt i Rhinos, ma lo snap non è preciso e l’intervento di Malpeli Avalli vale la safety che da i primi due punti ai Panthers. Palla di nuovo a Monardi che guadagna campo grazie a una bella corsa di Malpeli Avalli e una ricezione di Finadri, ma la difesa dei Rhinos prende le misure alle corse del giovane rb e il qb non trova il solito feeling con i suoi ricevitori. Panthers costretti al punt e palla che torna nelle mani di Pryor; il qb americano dimostra di saper correre e crea qualche grattacapo alla difesa neroargento, che riesce comunque a piazzare un sack con Pryor che perde il pallone ricoperto da Bernardoni. Torna in campo Monardi che guadagna yards grazie a qualche fallo dei Rhinos, e una bella corsa del solito Malpeli. Arrivato sulle 13 yards il qb lancia sull’esterno destro dove Barbuti si fa trovare pronto alla ricezione che vale il td. La trasformazione di Diaferia porta il parziale sul 9-0, parziale con cui si chiude il primo quarto. Da questo punto fino alla parte finale del secondo periodo gli attacchi dei Panthers perdono di efficacia e le difese la fanno da padrone. Si vede solo qualche azione degna di nota, ma entrambe le formazioni di attacco mancano di efficacia e continuità. Pryor pesca Gementi con un lancio lungo sull’out sinistro, ma il ricevitore prende palla con un piede fuori campo secondo gli arbitri. L’attacco Rhinos lascia il campo e i Panthers iniziano un lungo drive, con una bellissima ricezione di Matteo Malpeli, che li porta fino alle 5 yards dal td. Ma i neroargento non riescono a sfondare e provano il field goal con Diaferia, che viene però stoppato dalla difesa di casa. Torna in campo Pryor ma ci resta poco: lancio per Arioli che non trattiene e il fumble è ricoperto ancora una volta da Bernardoni. Ma Monardi e soci non chiudono nemmeno un down, torna in campo Pryor che subisce la stessa sorte. Ma sul punt ancora una volta lo snap è da dimenticare, il punter subisce il placcaggio di Malpeli Avalli e Marco Della Bernardina è il più lesto a recuperare la palla e riportarla in td. Trasformazione tra i pali di Diaferia e punteggio che recita 16-0. Partita che sembra in cassaforte per i Panthers, ma al primo gioco i Rhinos riaprono il match: Pryor trova Gavazzi con un lancio millimetrico di 50 yards che sorprende la difesa neroargento. Trasformazione da due che va a buon fine con la ricezione di Bonanno per il 16-8 che porta le squadre all’intervallo lungo.

Nel terzo quarto i Panthers continuano a faticare nello sviluppo del gioco d’attacco, con Monardi che subisce anche un intercetto ad opera di Meregallimentre la difesa contiene abbastanza agevolmente gli avversari, pur con qualche patema come quando Bonanno pescato da Pryor sull’angolo destro in td non riesce a catturare la palla.
L’equilibrio permane fino ai minuti finali del periodo quando Monardi subisce ancora un intercetto, stavolta da Parker Orms che riporta la palla in td. Una doccia fredda per i Panthers, che si completa con la incredibile trasformazione da due completata da Pryor che sbilanciato prima di cadere prova un lancio disperatoche trova la ricezione bella e fortunosa di Gavazzi che vale il 16-16. Tutto da rifare.
Monardi costruisce a fatica un lungo drive nella prima parte dell’ultimo periodo, subendo un sack, ma riuscendo anche a uscire da situazioni difficili con coraggio, come una situazione di quarto e uno chiuso con una corsa di Malpeli. I Panthers trovano così il td all’ultimo tentativo possibile: in una situazione di quarto e goal Papoccia decide di non tentare il field goal ma di affidarsi alla premiata ditta MOnardi Malpeli che offre ampie garanzie e non tradisce le aspettative. Determinante la trasformazione di Diaferia che porta il punteggio sul 23-16. La replica dei Rhinos è quasi immediata: Pryor si affida prima ad Arioli che con una bella ricezione porta la squadra in zona calda, poi corre direttamente fino alle 18 yards del campo Panthers. Da qui trova la ricezione centrale di Gementi che supera due difensori neroargento e segna il td che potrebbe riaprire il match. Stavolta i Rhinos non osano la trasformazione da due, che se completata lascierebbe ai Panthers poco più di tre minuti per tentare di recuperare, ma vanno per i pali alla ricerca del pareggio. Diaferia esce come un fulmine dalla linea e va a stoppare il calcio di Parker Orms negando l’overtime ai padroni di casa. Nell’ultimo drive Monardi lascia scorrere il tempo, prendendosi anche il rischio di chiudere un down al quarto tentativo con una azione personale che spegne le ultime speranze dei Rhinos.
Alla fine gli uomini di Papoccia possono tirare un sospiro di sollievo, ma l’umore non è dei migliori, tanto che nessuno ha voglia di commentare la partita. C’è infatti consapevolezza che sabato prossimo, sempre sul sintetico del Vigorelli, servirà una prestazione ben diversa per affrontare nella prima giornata di ritorno i Seamen Milano, campioni d’Italia.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Football Americano