Entra in contatto:

Pallamano

Azeta Cariparma, pesante sconfitta con il chieti

Azeta Cariparma, pesante sconfitta con il chieti

Pesante sconfitta per l'AZETA Cariparma sul campo di Chieti. Squadra diversa dalle ultime partite quella a disposizione di Mister Fanti: diverse assenze, tra cui il vice capitano Faiull, per motivi di studio o per infortuni non ancora recuperati.

Presente Andrea Varacca (classe 1991) al suo esordio in questo campionato dopo un lungo infortunio, presenti 2 giovani della squadra Under 16, Zerbini e Piletti.
Partenza subito in salita per Parma che al 4° minuto perdeva per squalifica Maximiliano Maffei, uno dei principali artefici dell’ultima vittoria contro la Farmigea. Ai più è sembrata un’azione premeditata in quanto, già dalle prime battute, i giocatori del Chieti picchiavano costantemente Maffei, senza particolare motivo: alla prima reazione dell’italo-argentino del Parma, esasperato dai continui falli subiti, l’arbitro ha estratto il cartellino rosso. Va detto, ad onor di cronaca, che l’allenatore del Chieti e l’atleta Stanevicius conoscono molto bene Maffei in quanto, rispettivamente, allenatore e compagno di squadra di Maximiliano quando questi giocava nelle squadre giovanili in Argentina.
A questo punto privo di Faiulli, di Belli e ora di Maffei l’allenatore parmense ha dovuto schierare, per gran parte della partita il giovanissimo Piletti nel ruolo di centrale.
A tutto ciò si aggiunga una direzione arbitrale sicuramente non all’altezza che ha consentito di tutto (3 o 4 dirigenti sulla panchina di casa, dirigenti che entravano in campo per parlare con gli arbitri) e non vedeva falli più che evidenti.
Il Chieti ha condotto in vantaggio tutta la partita; il momento migliore del Parma al 20° del primo tempo quando, sotto di 6 gol, nei 5 minuti successivi riusciva a pareggiare (3 gol consecutivi di Maiavacchi nel giro di un minuto). Al ritorno dagli spogliatoi, il primo tempo era finito col vantaggio del Chieti per 21 a 18, un break di 4 gol consentiva ai padroni di casa di godere di un vantaggio di 7 reti, vantaggio che conservavano fino al 45° per poi aumentarlo e finire l’incontro col risultato di 39 a 28.

Con questa sconfitta Parma vede allontanarsi il Nonantola, vincitore sul campo dell’Apuania (28 – 31), ma mantiene il 5° posto grazie alla sconfitta di Città S.Angelo col Sassari (31 a 38). Negli altri incontri il Monteprandone ha perso lo scontro-salvezza con l’Ascoli (30 a 28) mentre lo Spallanzani Casalgrande, battendo il Cingoli (33 a 28) ha guadagnato la matematica certezza della promozione in A1 con 3 turni di anticipo.

Chieti – Azeta Cariparma 39-28
Azeta Cariparma:
Bolzoni 4, Carboni, Del Bono, Ferrari, Grandi 10, Maffei 1, Maiavacchi 7, Oppici, Pieracci 5, Varacca, Vigliotti, Piletti 1, Zerbini. All. Fanti
Chieti:. Baldassarre 1, Concas, Di Girolamo 1, Giampietro 2, Mariotti, Stanevicius 12, Rossetti 4, Colaprete, Caglitano 5, Savini A. 11, Savini M. 3, Viola, Santucci, Zazzara. All. Menendez
Arbitri sigg. Rossi e Armerio

Rigori: Parma 3 su 5 – Chieti 6 su 6
Ammonizioni/Esclusioni: Parma 4/7, Chieti 3/6
Squalificati: Maffei (Parma) e Menendez (All. Chieti)

La classifica: Spallanzani Casalgrande 45, Sassari 38, Rapid Nonantola 30, Apuania Farmigea 28, AZETA Cariparma 25, Pharmapiu Città S. Angelo 25, Chieti 20, Pescara 18, V.I.E.G. Cingoli 16, Monteprandone 14, Ascoli 13.

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Pallamano