© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Parma Calcio - Settore Giovanile

Under 16, Mister Di Benedetto e la prodezza di Ribaudo con la Samp: “Chiunque in quel momento avrebbe gestito il pallone in maniera diversa, ma lui ha nel suo repertorio questi colpi…” (CLIP)

Under 16, Mister Di Benedetto e la prodezza di Ribaudo con la Samp: “Chiunque in quel momento avrebbe gestito il pallone in maniera diversa, ma lui ha nel suo repertorio questi colpi…” (CLIP)

(www.parmacalcio1913.com) – La prodezza di Salvatore Ribaudo, autore di un gol dal cerchio di centrocampo con la Sampdoria nella scorsa giornata del Campionato Serie A & B Under 16 al Centro Sportivo Garrone, il cui video ha fatto rapidamente il giro del web incluse le maggiori testate nazionali come Sky.it e Sport Mediaset, è stata il pretesto per una chiacchierata in diretta a Palla in Tribuna sui 102 e 104 megacicli di Radio Parma tra il conduttore della striscia quotidiana radiofonica dedicata al mondo Parma Calcio Marco Balestrazzi e l’allenatore della formazione U 16 Crociata Stefano Di Benedetto che, ai tempi del Palermo, aveva già conosciuto ed apprezzato il numero 7 Crociato classe 2004, da lui spesso chiamato nei 2003 rosanero.

Queste le parole di Mister Stefano Di Benedetto:

STEFANO DI BENEDETTO DOPO GENOA-PARMA 2 GIORNATA CAMPIONATO UNDER 16 15 09 2019“La nostra stagione come Parma Under 16 è iniziata bene come atteggiamento, mentre i risultati sono l’ultima cosa che guardiamo perché ricordiamoci sempre che parliamo di un Settore Giovanile, quindi i risultati vengono dopo, per noi la priorità è la crescita di questi ragazzi, per cui globalmente tra il Precampionato e questo inizio di Campionato la squadra ha fatto vedere delle cose interessanti: sicuramente ci sono tante aree di miglioramento, sulle quali lavoriamo nel quotidiano, giorno dopo giorno. L’aspetto della crescita dei giovani è quello più importante: noi, purtroppo, in Italia abbiamo la brutta abitudine di guardare solo ed esclusivamente il risultato ed è sbagliato soprattutto in un Settore Giovanile, perché si perde di vista l’aspetto più importante che è la crescita di questi ragazzi che molto presto si affacceranno ai campionati degli adulti dove i punti saranno più pesanti, ma in questa fascia di età sicuramente il focus deve essere rivolto al loro miglioramento tecnico, tattico, fisico e soprattutto mentale, perché poi ricordiamoci sempre che l’aspetto mentale è il collante di tutto e può fare arrivare un ragazzo ad alti livelli. Ribaudo ha gusto a far gol da centrocampo? Io Salvo lo conosco bene: è un ragazzo di Palermo e anch’io sono nato lì ed ho anche avuto il piacere di allenarlo in maglia rosa-nero, dove spesso, sotto età, lo convocavo con i più grandi. Anche l’anno scorso, se ricordate aveva fatto un gol molto simile con la Cremonese: lui è abituato a queste prodezze; nel Precampionato aveva fatto un gol molto bello direttamente su calcio d’angolo. Sono contento anche per la squadra: ricordiamoci sempre che le qualità del singolo devono essere messe al servizio della squadra e del collettivo. Salvo è indubbiamente un ragazzo molto molto interessante, del resto come tanti altri giocatori che stanno nel Settore Giovanile del Parma e domenica, con una prodezza del genere, ha dato risalto alle sue qualità e così ha finito per fare il giro dei social perché in effetti è un gol davvero molto bello. Anche nello stile e nel modo di calciare ricorda un po’ Recoba, che era un grande mancino. E’ stata una prodezza importante perché è arrivata in un momento molto delicato del match durante il quale eravamo sì in vantaggio, ma per 2-1, in rimonta e mancavano pochi minuti: Quel pallone lì chiunque lo avrebbe gestito a centro campo, magari in maniera diversa, però proprio questo è il bello del calcio. Se mi sarei arrabbiato se avesse preso il palo o fosse finita fuori? Io ho tanti difetti, però difficilmente mi arrabbio coi miei calciatori quando provano una giocata nella quale c’è del coraggio. Quando un giocatore ci mette coraggio nelle giocate non va mai rimproverato, perché la personalità di un ragazzo non va inibita, anzi va stimolata. Quindi è stato veramente bravo, ha avuto coraggio ed è stato premiato. Lui ha questo tipo di giocate nelle sue corde e un allenatore, secondo me, deve essere bravo a non ingabbiare il talento del calciatore dentro gli schemi o altre situazioni: bisogna capire, comprendere, perché il talento e le qualità di un ragazzo come Ribaudo vanno gestite in una determinata maniera, facendogli capire che non devono essere fini a se stesse, ma messe al servizio della squadra e allora si può fare un lavoro importante. Noi, da programma formativo, abbiamo una base abbastanza solida sul sistema di gioco 4-3-3, però più che sugli schemi noi lavoriamo molto sui principi di gioco. Abbiamo un diretto che ci ha dato un programma formativo con delle linee guida da seguire che sono poi dei concetti di calcio molto moderno, dei concetti molto importanti che alla lunga possono portare a migliorare le squadre, portandole ad essere propositive, coraggiose, quindi non ci aggrappiamo ai moduli di gioco ma ai principi che poi sono delle idee che noi riportiamo anche un ambito lavorativo giorno dopo giorno in allenamento e questo ci permette alla lunga di creare una mentalità vincente, ma non in termini di risultati, ma a fa sì che la squadra sia sempre attiva in gara, sia in fase di possesso che in quella di non possesso palla. Noi siamo un bel mix di ragazzi del territorio, altri di fuori ed è il bello di questa squadra, di questo gruppo, In questo momento siamo 24: 12 o 13 sono locali, mentre 11 o 12 sono nel convitto e vengono da Roma, Palermo e varie regioni e questo bel mix porta nuove esperienze all’interno del gruppo, perché ognuno ha le proprie origini, le proprie abitudini, le proprie tradizioni e ognuno nel suo piccolo contribuisce a far sì che il gruppo giorno dopo giorno possa crescere e migliorarsi perché c’è questo interagire. Ovviamente non siamo tutti uguali: pian piano con il tempo riusciremo a conoscerci meglio e la squadra, da questo punto di vista, cresce giorno dopo giorno proprio per questo motivo. Grazie per avermi chiamato: per me è stato davvero un piacere e un onore aver parlato con voi. Vi ringrazio di cuore”.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

MISTER STEFANO DI BENEDETTO OSPITE IN DIRETTA DI PALLA IN TRIBUNA (RADIO PARMA)

Intervista di Marco Balestrazzi

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio - Settore Giovanile