Entra in contatto:

Parma Calcio

Brutto Parma, altra sconfitta: il Lecce ne fa tre

Foto Parma Calcio 1913

Brutto Parma, altra sconfitta: il Lecce ne fa tre

Calcio estivo, afoso e senza senso (il 15 agosto), ma è calcio vero. Il Parma saluta subito la Coppa Italia, al Tardini vince il Lecce 3-1.

Una sconfitta che alimenta perplessità, dubbi e punti interrogativi, perché il Parma è certamente un cantiere aperto (lo sapevamo), ma non immaginavamo che davanti ad una squadra di pari categoria facesse così fatica (anche atleticamente). Colpa di una difesa sconclusionata, in preda a continue amnesie, e un centrocampo inesistente il cui compito di interdizione era affidato al solo Juric (un disastro), anche perché dalla cintola in su il Parma era pieno zeppo di trequartisti e giocatori offensivi, come se tutto il resto non contasse nulla. Insomma, oggi il calcio di Maresca si è visto poco, se non nei primi 20 minuti. Il Lecce ha meritato di vincere, anzi nel finale poteva dilagare.
Il campionato di serie B inizia tra una settimana e il Parma deve farsi un lungo esame di coscienza perché la strada sembra tutta in salita.

LA TATTICA – Parma in campo con un 4-3-3 molto elastico, Lecce con lo stesso modulo tattico ma più ordinato e equilibrato. Squadre disordinate nella fase difensiva, soprattutto il Parma che non riesce a fare filtro a centrocampo e scopre la difesa alle pericolose incursioni salentine (Coda sembra Lukaku); una costante di tutta la partita. In attacco, invece, molto dipende dall’ispirazione di Man, che però si accende a sprazzi, e dalle giocate di Brunetta. Da rivedere Vazquez, ancora lontano dalla forma migliore.

PRIMO TEMPO – Nei primi 20 minuti va in scena il festival delle occasioni con le due squadre che si affrontano a viso aperto e senza troppi tatticismi (colpa delle difese). Prima un rasoterra di Coda (parato) e poi un gol annullato a Brunetta per fuorigioco. Al 7’ il Parma passa: D.Iacoponi va via sulla sinistra, entra in area e scarica per Brunetta che calcia subito in porta e manda la palla nell’angolino. Due giri di lancetta e il Lecce pareggia: erroraccio di Juric che spalanca le strade al contropiede salentino concluso con un preciso diagonale rasoterra di Coda. E’ 1-1.
La partita resta frizzante, complici le maglie larghe delle due difese: il Parma spreca due ottime occasioni con Iacoponi e Man (decisivo Gabriel), il Lecce risponde sempre con Coda (sinistro parato da Colombi) e al 40’ trova il gol del vantaggio: angolo dalla destra e inzuccata vincente di Tuia (1-2). Prima del gong è Valenti a tentare il jolly da 25 metri ma trova la risposta del portiere (angolo).

SECONDO TEMPO – Il film è identico a quello dei primi 45 minuti: la difesa crociata balla e Coda si infila un po’ ovunque come al 54’ quando salta Valenti e dal limite dell’area piccola calcia ma non trova la porta (alto). Due minuti dopo punizione di Brunetta, un destro angolato ma senza potenza (parato). Al 66’ il subentrato Strefezza, all’esordio, si divora la palla del 3-1 a porta semi vuota (tiro alto), dopo l’ennesimo regalo della difesa gialloblù. Al 71’ Paganini sfiora l’incrocio dei pali col sinistro. E’ l’anticamera del 3-1 che arriva al 71’ dopo un altro errore a centrocampo questa volta di Valenti; il gol lo segna ancora l’ex Coda, indisturbato al centro dell’area, con i due difensori del Parma a oltre un metro di distanza dall’attaccante dei salentini. E nel finale Colombi evita il peggio murando un tiro forte di Rodriguez.


PARMA – LECCE 1-3
Reti: 7′ Brunetta, 9′ Coda, 40′ Tuia, 76′ Coda

PARMA (4-3-3): Colombi; Sohm, Osorio, Valenti (27′ st Balogh), Gagliolo; Brunetta, Juric, Brunetta; Man (15′ st Tutino), Benedyczak (25′ st Inglese), D. Iacoponi.
A disposizione: Turk, Iacoponi, Dierckx, Brugman, Busi, Camara. All. Maresca.

LECCE (4-3-3): Gabriel; Gendrey (35′ st Calabresi), Tuia, Lucioni, Vera; Hjulmand (43′ st Rodriguez), Blin, Majer (35′ st Björkengren); Helgason (15′ st Strefezza), Coda, Olivieri (15′ st Paganini).
A disposizione: Bleve, Borbei, Monterisi, Bjarnason, Vulturar, Burnete, Milli. All. Baroni.

ARBITRO: Serra di Torino
NOTE: spettatori 1306. Ammoniti Gendrey, Olivieri, Sohm. Recupero pt 3′, st 3′.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio