Connect with us

Calcio Serie B

26a giornata: crisi Palermo, Kragl trascina il Foggia, Venezia di forza

26a giornata: crisi Palermo, Kragl trascina il Foggia, Venezia di forza

Sesta vittoria consecutiva per l’Empoli di Andreazzoli, sono tre invece le sconfitte consecutive per il Palermo. Il Cittadella vince a Cesena e tiene il passo del Bari (vittorioso ieri a Cremona). Vincono anche Venezia e Foggia, solo pari a Novara, Salerno e Chiavari.

CESENA – CITTADELLA 0-1
Ottava vittoria esterna per il Cittadella che grazie al gol di Kouame (29’) mette in cassaforte i tre punti e resta saldamente al quarto posto in classifica. Superiorità per tutto il primo tempo degli ospiti, che colpiscono anche due legni con Strizzolo. Nella ripresa il Cesena prova a reagire con l’entrata in campo di Jallow, senza però riuscire ad agguantare il pareggio; ora i bianconeri sono in zona playout.

EMPOLI – PARMA 4-0 (leggi qui)

FOGGIA – CARPI 3-0
Il Foggia stende il Carpi allo Zaccheria con un sonoro 3-0. Gli ospiti non sono mai entrati in partita o quasi, solo qualche timido tiro dalla distanza per gli uomini di Calabro. Apre le marcature Mazzeo di testa al 20’, poi si scatena Kragl: al 42’ con una sassata su punizione a due dai trenta metri, e al 57’ innescato da un ottimo filtrante di Deli. I rossoneri balzano così al dodicesimo posto in classifica a quota 34 punti, due in meno del Carpi, che rimane fermo al decimo posto.

NOVARA – SPEZIA 1-1
Non si mettono i bastoni fra le ruote Novara e Spezia. Molto nervosismo nella prima frazione meglio i padroni di casa che trovano per primi il gol con l’incornata di Puscas (24’) su assist di Calderoni. Lo Spezia attende e sfrutta al meglio un corner calciato da Lopez al 38’ sul quale si avventa Forte che insacca alle spalle del portiere avversario. Squadre più pacate nel secondo tempo, nessuna rete, da segnalare solo l’incrocio dei pali colpito da Sansone al 63’, poi nulla fino al triplice fischio. Lo Spezia si trova ora a ridosso della zona playoff, mentre il Novara tira un sospiro di sollievo grazie ai tre punti che lo separano dai playout.

PERUGIA – PALERMO 1-0
Successo interno per gli uomini di Breda che riescono a spuntarla al 92’ con Di Carmine dopo una brutta partita (a dir poco). Ritmi bassissimi per entrambe le frazioni di gioco, per la prima vera emozione bisogna attendere fino al 79’, quando Di Carmine tenta di scavalcare Pomini con un colpo di testa, il portiere rosanero tocca quanto basta per mandare la palla sulla parte superiore della traversa. In pieno recupero arriva il gol che vale i tre punti per i padroni di casa: Cerri pesca Di Carmine con un lancio lungo, il quale è bravo ad anticipare col destro l’estremo difensore ospite. Si allontana la vetta della classifica per i rosanero (ora a 6 punti dalla vetta), il Perugia sale a 34 punti, a parimerito col Foggia. Per la squadra di Tedino è la terza sconfitta consecutiva e da stasera tutti in ritiro punitivo.

SALERNITANA – PRO VERCELLI 0-0
Pareggio a reti inviolate all’Arechi di Salerno. Le due squadre hanno dato vita ad una gara molto vivace, non risparmiandosi sul piano fisico e tecnico. Meglio i padroni di casa in entrambe le frazioni, Bocalon (S) ci prova al 10’ con un destro a giro, ma Pigliacelli non si fa cogliere impreparato, al 40’ Colantuono viene allontanato per proteste. Nella ripresa l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Rosina, il suo calcio di punizione però si stampa sul palo. La Salernitana mantiene così la distanza di sicurezza che la separa dalla zona playoff, dalla quale la Pro non riesce a uscire.

VENEZIA – AVELLINO 3-1
Prova di forza del Venezia che conquista tre punti tutt’altro che facili. Per tutto il primo tempo gli uomini di Inzaghi schiacciano gli avversari nella propria area di rigore. Al 35’ Litteri insacca di testa su cross di Stulac, e solo un grande Lezzerini (A) impedisce un passivo peggiore ai suoi al termine dei primi 45’. Nella ripresa l’Avellino è più spigliato e riesce a trovare il pareggio al 73’ con Asencio. Saltano tutti gli schemi, entrambe le squadre attaccano a testa bassa, il Venezia si riporta in vantaggio con Domizzi (80’), Inzaghi si sfoga con un tifoso e viene espulso (non ci sarà a Parma), poi in pieno recupero il gol di Zigoni che chiude il match. Il Venezia conquista tre punti che danno morale in vista della trasferta di Parma, l’Avellino si avvicina pericolosamente alla zona playout.

VIRTUS ENTELLA – PESCARA 0-0
Non si va oltre lo 0-0 al Comunale di Chiavari, un pareggio che non serve a nessuna delle due compagini. Tutto sommato è stata una bella partita, combattuta da entrambi i lati continui capovolgimenti di fronte, seppure non sono state tantissime le occasioni da gol. Merito soprattutto dei portieri Iacobucci e Fiorillo, che si sono opposti con autorevolezza su ogni palla. Ci prova Aramu (V) su punizione al 72’, l’incrocio dei pali gli nega la gioia del gol a portiere battuto. C’è ancora tempo per altre occasioni, ma nessun gol fino al triplice fischio. Il Pescara rimane a ridosso delle migliori 8, l’Entella conquista il punto che la porta momentaneamente in zona salvezza.

 

(Foto Facebook AS Cittadella 1973)

 

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie B

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi