Connect with us

Calcio Serie A

Parma: la sfortuna di Mariga e le speranze di Coda

Parma: la sfortuna di Mariga e le speranze di Coda

Coda e Mariga, due nomi dal futuro incerto. Per il difensore di proprietà  dell'Udinese, arrivato nel mercato di gennaio con la formula del prestito con diritto di riscatto (8 presenze in tutto con la maglia crociata), si prospetta un altro anno a Parma.

Donadoni, infatti, ha espresso alla società il desiderio di trattenere il giocatore ancora per un anno prima di decidere se riscattarlo definitivamente e farlo tornare in Friuli. I buoni rapporti tra l’ad Pietro Leonardi e l’Udinese fanno pensare ad un rinnovo del prestito, anche se i bianconeri vorrebbero cedere almeno metà cartellino. E poi c’è la volontà del giocatore che vorrebbe restare in Emilia.
Situazione più complicata per Mariga, un giocatore perseguitato dalla sfortuna, tant’è che a breve il giocatore dovrà operarsi nuovamente al ginocchio infortunato un anno fa (sempre con la maglia del Parma). Questo preclude la possibilità che il Parma riscatti il giocatore, anche perché i tempi di recupero post-operazione saranno lunghi. A meno che Parma e Inter (proprietaria del cartellino, scadenza 2014) le due società non trovino un accordo per rinnovare il prestito in Emilia, dato che il keniota si trova molto bene in città. Comunque, per conoscere il futuro di mariga bisognerà apsettare almeno due mesi.

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi