Entra in contatto:

Calcio Serie A

Guidolin: Con il Chievo partita importante ma non decisiva

Guidolin: Con il Chievo partita importante ma non decisiva

Il tecnico del Parma preferisce smorzare i toni di una sfida casalinga che alla vigilia si presenta come uno scontro tra due squadre tra loro molto somiglianti per obiettivi e andamento in campionato. A Mimmo Di Carlo rinnova i complimenti: "Con lui il Chievo è rifiorito".

Ieri Galloppa ha detto che questa è una partita importante perché c’è la possibilità di arrivare a venti punti… Una sorta di giro di boa in vista della salvezza.
“Sì, è una partita importante come tutti gli altri scontri diretti. Lo stesso pensiero lo ha anche il Chievo, però. E’ una partita importante anche se ancora lontana dall’essere decisiva”.

Parma e Chievo fra l’altro si assomigliano…

“Questo non lo so. Il Chievo è una squadra da quasi dieci anni in serie A, sa cosa vuole e sa come ottenerlo. C’è una società saggia che costruisce sempre dei buoni gruppi, capaci di centrare quasi sempre l’obiettivo. Da quando è arrivato Di Carlo la squadra è rifiorita, per cui sono contento se mi dicono che assomigliamo al Chievo”.

Come sta la squadra?
“Secondo me sta bene. La stessa domanda me l’avevate fatta anche dopo l’Atalanta, poi abbiamo giocato una straordinaria partita sul piano fisico con il Bari e con il Milan, con cui si è retto il confronto. Anche Zenoni ha recuperato dall’influenza ed è fra i disponibili, mentre i lungodegenti rimangono fuori”.

Di Carlo ha detto che del Parma gli fa paura l’imprevedibilità del suo allenatore…

“Io credo che Mimmo ci abbia fatto un sacco di complimenti e credo anche siano sinceri. Ma il succo del discorso è che lui, a Parma, sarà super motivato. Quindi ci aspettiamo una squadra molto agguerrita, perché legata al proprio allenatore che con lui sta scrivendo una pagina importante della sua storia. E sono contentissimo per Di Carlo. M’immagino però che lui stia caricando la squadra perché qui ha avuto un inciampo. Poi come spesso succede nel calcio chi è bravo emerge e Parma è stata solo una parentesi”.

Domani con che modulo giocherà il Parma?

“Abbiamo fatto una settimana tradizionale lavorando su tante cose. Sappiamo di poter cambiare pelle, anche durante la partita. Salti nel buio non ne facciamo. Ma non è per questo che si vincono le partite, ma è la voglia di migliorarsi, di fare l’impresa, di arrivare che spingono una squadra a conquistare i tre punti”.

Zaccardo può essere il sostituto di Panucci al centro della difesa?

“Zaccardo può fare qualsiasi ruolo in difesa, il centrale, l’esterno, adesso valuterò bene le condizioni generali e speriamo di non avere altri casi di influenza”.

IN ALTO A DESTRA IL CONTRIBUTO AUDIO CON LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

Attached files

audio/guidolin_071109.mp3 ( B) 

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Calcio Serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA