Connect with us

Calcio Serie A

Clamoroso: arrestato Giampietro Manenti con l’accusa di rimpiego di capitali illeciti

Clamoroso: arrestato Giampietro Manenti con l’accusa di rimpiego di capitali illeciti

(Ore 7,57) – La mattinata si apre con una notizia bomba: Giampietro Manenti è stato arrestato dagli uomini della Guardia di Finanza con l’accusa di rimpiego di capitali illeciti. L’operazione che ha portato all’arresto del presidente del Parma è stata coordinata dalla Procura di Roma. Nell’operazione sono state arrestate altre 21 persone. Tra i reati contestati ci sono peculato e autoriciclaggio con l’aggravante del metodo mafioso. Secondo l’accusa, dunque, Manenti avrebbe cercato di immettere nelle casse della società crociata soldi di dubbia provenienza; soldi in odore di mafia. Proprio un mese fa Sportparma aveva anticipato la notizia delle indagini della Dia per presunte gravi irregolarità, ma i nomi degli indagati erano top secret. A quanto ci risulta gli arresti di oggi si aggiungono ad ulteriori indagini, sempre per mafia,  che vede coinvolti gli uomini della Dia di Bologna.  I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza stampa in programma alle ore 11 a Roma nella sede del Nucleo della Polizia tributaria della Guardia di finanza, alla presenza dei procuratori aggiunti Nello Rossi e Michele Prestipino.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement
Advertisement

Altro in Calcio Serie A

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br>Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br><br> Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi