Connect with us

Calcio Serie A

Giocatori di serie A e cittadini di serie B, le differenze al tempo del coronavirus

Giocatori di serie A e cittadini di serie B, le differenze al tempo del coronavirus

Cittadini di serie A e cittadini di serie B (e C). Il trattamento sanitario italiano è differente, secondo i casi, secondo lo stipendio e la fama. C’è chi i tamponi li fa a casa, come ricevere un pacco di Amazon, e chi invece deve aspettare settimane e non ricevere neanche una risposta. O chi addirittura il tampone non lo ha mai fatto, come migliaia di medici e infermieri impegnati in prima linea negli ospedali di Parma e in tutta Italia. Il resto delle considerazioni le lascio a voi lettori, qui mi limito a riportare due storie.

CASO 1 – Michela Persico (29 anni), fidanzata di Rugani, il primo giocatore di serie A positivo al coronavirus, ha rilasciato una lunga intervista ai colleghi di TPI (leggi qui) in cui racconta la sua vicenda, come ha contratto il virus e come lo ha gestito. Anche lei è risultata positiva al Covid-19. E’ in isolamento nella propria abitazione a Torino, mentre Rugani si trova alla Continassa, sempre in isolamento.
“Daniele ha fatto il tampone domenica 8 marzo e il risultato è arrivato il 9 – ha raccontato la Persico -. Io l’ho fatto il 16, una settimana fa. A quel punto, quando ho saputo di Daniele, che non vedo da lunedì 9, anche io non mi sentivo granché bene. Così hanno fatto il tampone anche a me. Sono venuti a farmelo a casa, il personale sanitario pubblico a cui si appoggia la società. Non mi hanno dato farmaci, se mi sale la febbre devo prendere la tachipirina. Ora attendiamo i prossimi tamponi: se saranno negativi, almeno altri due dobbiamo farne, io e Daniele potremo tornare a stare nella stessa casa”.

CASO 2 – M.N. è un ragazzo di 20 anni della provincia di Parma. Nei giorni scorsi ha avuto la febbre a 40 ma per fare un tampone presso un ospedale della provincia di Reggio Emilia ha impiegato più di una settimana. Ad oggi, cioè 14 giorni dopo il tampone, non ha ancora ricevuto i risultati; in compenso, dopo essersi sottoposto ai raggi x, ha scoperto di avere un inizio di polmonite. Insomma, tutti i sintomi fanno pensare al Covid-19. Il ragazzo è in quarantena a casa, i famigliari pure, ma a differenza della moglie di Rugani non sono stati sottoposti ad alcun tampone (malgrado le insistenti richieste), né presso la propria abitazione né presso una struttura ospedaliera.

 

 

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi