Entra in contatto:

Calcio Serie A

Gravina: «Il calcio va avanti, ma rischio porte chiuse»

Gravina: «Il calcio va avanti, ma rischio porte chiuse»

Dopo la telefonata di ieri del premier Draghi al presidente della Figc Gravina, per provare a fermare il calcio italiano, oggi è intervenuto pubblicamente il numero del calcio italiano.

“Il capo del governo non ci ha chiesto di fermare i campionati – ha spiegato Gravina -né tantomeno di proclamare una chiusura dei tornei a tempo indeterminato. Draghi ha voluto conoscere lo stato di un movimento che conta un milione di tesserati, è l’espressione di una fra le prime dieci aziende italiane, con un sistema professionistico che ha subito danni per oltre un miliardo di euro a causa del Covid. Di fronte all’incremento delle positività, La Lega B, la Lega Pro e i Dilettanti hanno già procrastinato i rispettivi tornei con una decisione saggia e tempestiva”.

I contagi aumentano in modo vertiginoso anche tra le squadre ma il problema del calcio sono i calendari: “Ho spiegato al Presidente del Consiglio quanto i calendari nazionale e internazionale costituiscano l’ostacolo più difficile da superare poiché in giugno scatteranno gli impegni della Nazionale”.

Gravina continua: “Come già accadde due anni fa, al tempo della prima e della seconda ondata, il Sistema Calcio ribadisce la ferma volontà di andare avanti, di superare i nuovi ostacoli che la recrudescenza del Covid sta frapponendo sulla sua strada. Esiste, evidentemente, il rischio che un ulteriore incremento dei contagi ci riporti agli stadi con le porte chiuse: è già avvenuto in Bundesliga”.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Calcio Serie A