Entra in contatto:

Calcio Serie A

Il retroscena: Manzani dice no a Palmieri e resta a Parma per la rifondazione

Il retroscena: Manzani dice no a Palmieri e resta a Parma per la rifondazione

La tentazione è stata forte ma alla fine ha prevalso il cuore. Giovanni Manzani (nella foto) resta a Parma e continuerà l’opera di ricostruzione del settore giovanile (e non solo) iniziata qualche settimana fa. La tentazione si chiamava Sassuolo, dove è approdato l’amico ed ex collega Francesco Palmieri, il quale ha cercato di convincerlo fino all’ultimo. Un tentativo che si è scontrato con la passione, alacoerenza professionale e i sentimenti di Manzani, il quale ha preferito la “scommessa” Parma, un territorio che conosce molto bene, lui che è stato uno dei giocatori più forti del calcio dilettantistico nostrano.
Il retroscena (Manzani-Palmieri), che risale ad una settimana fa, non ha comunque minato la fiducia e l’amicizia che è nata tra i due, soprattutto dopo gli ottimi risultati del settore giovanile del Parma. Ora Palmieri è a Sassuolo, Manzani invece resta a Parma e insieme a Pizzi sta rifondando il settore giovanile crociato (l’intenzione è creare 7-8 squadre), tra mille problemi e una “fuga” generale post fallimento che è difficile da arginare. Manzani e Pizzi, dunque, sono i primi punti fermi del Parma 1913.

 

 

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Calcio Serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA