Connect with us

Calcio Serie A

La proposta che fa discutere: «Manleva per i dirigenti di A»

La proposta che fa discutere: «Manleva per i dirigenti di A»

L’ultima frontiera della serie A si chiama “manleva”. Di cosa si tratta? «È un’obbligazione, assunta verso altri, di sollevarli dalle conseguenze patrimoniali dannose di eventi o di atti il cui verificarsi sia del tutto eventuale» scrive la Treccani. In poche parole, la manleva “grazia” il debitore inadempiente. È una sorta di scudo penale
La proposta è arrivata sul tavolo di Governo, Figc e Lega di serie A. La firma in calce è quella di Giampaolo Pozzo, presidente dell’Udinese, il proprietario più longevo della serie A. «Il Governo – scrive Pozzo – valuti l’adozione di un provvedimento legislativo ad hoc, che possa manlevare i dirigenti delle società dalle altrimenti ostative responsabilità che dovremmo essere costretti ad indebitamente accollarci».
La lettera è stata visionata dall’Ansa, che conferma i contenuti del presidente dei friulani. Un argomento che a quanto pare ha agitato gli animi all’interno della Lega, in attesa di un primo parere da parte del Governo e del ministro Spadafora. La soluzione piace a molti presidenti di A, ma allo stesso tempo solleva una questione morale che rischia di inasprire i rapporti tra il calcio, i suoi tifosi e il resto del Paese.

 

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br>Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br><br> Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi