Entra in contatto:

Calcio Serie A

Parmacaos, la grande fuga: tanti giocatori con le valige pronte

Parmacaos, la grande fuga: tanti giocatori con le valige pronte

Nelle prossime ore altri giocatori potrebbero seguire Antonio Cassano e svincolarsi dal Parma. Una grande fuga, l’ennesimo indizio delle conclamate difficoltà economiche della vecchia (Tommaso Ghirardi) e nuova proprietà (Rezart Taçi). Le promesse dei giorni scorsi sono state disattese, la data del 16 febbraio è quella decisiva per le sorti del Parma, perché se entro quella data la proprietà non salderà tutte le pendenze scatterà la messa in mora. Prima di quella data, però, diversi giocatori stanno pensando di abbandonare la barca che affonda, anche perché hanno diverse richieste di club italiani.
Ieri Gabriel Paletta avrebbe raggiunto un accordo di massima con la Sampdoria dello scatenato Ferrero, ma sulle tracce del difensore italo-argentino ci sono anche Milan, Napoli e Bologna. nella casse del Parma, però, non entrerà un euro perché Paletta, come molti altri giocatori, nelle prossime ore potrebbero chiedere la rescissione del contratto per inadempienze contrattuali.
La Juventus è intenzionata a richiamare Paolo De Ceglie per poi girarlo in prestito al Milan (o al Genoa). Acquah ha già fatto sapere ai dirigenti crociati di voler cambiare squadra, anche in questo caso c’è la Sampdoria, anche se deve guardarsi dalla concorrenza del Torino. Galloppa piace a Sassuolo e Pescara. Rispoli sta trattando con il Palermo; ai siciliani piace anche il difensore Costa. Lodi (e Cassano) potrebbe ripartire da Bari, in serie B. Anche il portoghese Mendes cerca una nuova sistemazione. Coric e Jeraldinho hanno già firmato la rescissione del contratto. Bidaoui è stato ceduto al Latina. Mirante sta valutando il proprio futuro, ma lui ed altri, in linea di massima, sarebbero disposti ad aspettare il 16 febbraio. Comunque, per gli svincolati come Cassano c’è tempo fino al 28 febbraio per trovare una nuova squadra.
Lascia anche Energy.T.I. Group (uno sponsor da 25 milioni in 10 anni) che ha rescisso il contratto di sponsorizzazione, pur mantenendo il 10% delle quote della società.La grande fuga, avvolta nel silenzio generale dei vertici della società, Leonardi compreso.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Calcio Serie A