Connect with us

Calcio Serie A

Donadoni: Vittoria meritata Giovinco, ottavo sigillo. E' record

Donadoni: Vittoria meritata Giovinco, ottavo sigillo. E' record

Roberto Donadoni festeggia il suo esordio sulla panchina del Parma con una vittoria sul Siena (3-1). Il 3-4-3 iniziale ha spostato in avanti il baricentro della squadra, ma ha dato anche maggiori sicurezze al reparto difensivo oggi orfano di Mirante (infortunato).

Indicazioni positive e importanti, ma guai a montarsi la testa, perché i difetti del parma sonon ancora tanti. Ecco le voci degli allenatori e di Sebastian Giovinco al termine della partita. Con il gol di oggi (il 3-1) la Formica Atomica ha superato il suo record personale ddi 7 reti in serie A.

DONADONI: “Il Siena non è una squadra facile da affrontare, ha messo in difficoltà tanti avversari, veniva da un risultato importante contro la Lazio. Questa vittoria da’ ancora più merito ai ragazzi che sono scesi in campo e ha meritato questo risultato. Devo ringraziare Colomba. Ho trovato una squadra in buone condizioni che non a caso aveva già 19 punti. Merito dunque anche a chi c’era prima di me ci sarà da lavorare ma la base è valida. Il gruppo ha reagito bene al 5-0 al cambio di allenatore. A volte anche i cambiamenti tattici possono complicare le cose, invece cosi non è stato anche se c’è tanto da lavorare. In difesa ci sono ad esempio aspetti che vanno migliorati sotto il profilo della convinzione. Provare di più a determinare il gioco e non aspettare quello che può fare l’avversario. Questo vale anche per gli altri reparti. Ci vuole tempo. Ma oggi devo dire bravi bravi bravi ai ragazzi, hanno sfoderato prestazioni di sostanza conquistando una vittoria che ci ridà ossigeno e ci permette di ragionare con più serenità. Giovinco? Ha grande qualità, grande talento. E’ da nazionale. Può migliorare in fase di non possesso. Cercherò di farglielo capire. Dedico questa vittoria a Sergio Buso. Mi manca tanto”.

GIOVINCO: “E’ stata una vittoria fondamentale, prima queste partite le pareggiavamo, a volte le perdavamo. Una vittoria bella e sofferta, ci sta. Cosa ha portato Donadoni? Forse il nostro unico difetto era non fare molto gioco, aspettavamo troppo l’avversario, mentre il mister propende per un gioco più offensivo. L’importante è che si faccia bene e si vinca il più possibile. La Nazionale? Non sapevo che il C.t. fosse in tribuna. Sono contento del gol e di aver superato il mio record, non voglio fermarmi”.

PEREIRA: “Questi sono 3 punti importanti. Certo alla fine abbiamo sofferto un po’, anche perché il Siena ha attaccato di più per cercare la rimonta. Però abbiamo fatto bene, con un atteggiamento nuovo. Il mister trasmette bene quello che vuole: con questo allenatore sappiamo che non c’è una squadra titolare, tutti possono scendere in campo dal primo minuto, lavoriamo bene e chi è in forma può giocare. Adesso dobbiamo dare solo continuità, guardiamo prima alla salvezza e poi più avanti. Il mio futuro? Io voglio restare qui perché a Parma posso fare bene”.

SANNINO: “E’ un risultato pesante per quello che si è visto in campo, ma questo è il calcio, dobbiamo subito voltare pagina e pensare al Napoli. Nel primo tempo non abbiamo cominciato con l’intensità giusta, dopo ci siamo ripresi, ma purtroppo torniamo a casa senza punti. Forse non siamo stati sempre lucidi nel capovolgere la situazione, tuttavia loro hanno trovato il gol per tre volte, ma non ricordo grandissime occasioni da parte del Parma”.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA