© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Calcio Serie A

Lazio-Parma, le pagelle

Lazio-Parma, le pagelle

La sconfitta dell'Olimpico brucia, anche perchè il Parma non meritava di perdere. Comuqnue, sono diverse le note stonate della serata, a partire da alcune incertezze di Bajza. Convincente le prove di Cassani e Biabiany. Deludente la prova di Cassano.

.

BAJZA 5 Due incertezze nel primo tempo, da una di queste (la prima) nasce il gol del vantaggio laziale. Meglio nel secondo tempo. Incolpevole sul 2-1.

CASSANI 6,5 Firma l’assist per il gol di Biabiany. Sfrutta le concessioni della coppia Keita-Radu e si propone in avanti con costanza. A fine partita è stremato, anche a causa di un problema alla gamba sinistra.

PALETTA 5,5 Ha voglia di riprendersi il tempo perduto. Gioca una partita tutta grinta e contrasti. Poco reattivo in occasione di entrambe i gol laziali. Ha sulla coscienza soprattutto il secondo gol.

FELIPE 5,5 Si limita a fare lo stretto necessario, dimostrando diverse lacune in fase di copertura.

GOBBI 6 Incerto sul gol iniziale di Perea (doveva chiudere su Felipe Anderson), ma non si fa condizionare. Dalle sue discese nascono sempre dei pericoli per la difesa laziale.

GARGANO 5,5 Non è ancora al top, lo si capisce ad occhio nudo. Ma solo giocando può ritrovare brillantezza e vigore fisico. Nel secondo tempo ha sul destro la palla del 2-1 ma la calcia in curva.

MARCHIONNI 5 Un primo tempo anonimo, senza le solite geometrie. Più incisivo nel secondo, anche se è poco presente nella costruzione del gioco. Grave incertezza sul gol del 2-1.

PAROLO 6,5 Fosforo e muscoli. Buca con frequenza il centrocampo avversario.

BIABIANY 7 Una spina nel fianco destro e sinistro della difesa laziale. Le sue accelerate sono letali. Freddo e sicuro sul gol del momentaneo pareggio.

CASSANO 5 Impiega un po’ ad entrare in partita. Nella ripresa è quasi sempre innocuo, se non in occasione di un assist che Gargano non sa sfruttare. Insomma, non è la partita che ci si aspettava, soprattutto dopo due panchine consecutive in campionato e una valanga di polemiche.

SANSONE 6 Poco incisivo e poco reattivo, anche se l’impegno non manca. Sbaglia a porta semi vuota il gol del possibile 2-1. I suoi movimenti senza palla sono un’arma pericolosissima.

(21′ st) PALLADINO 6 Costringe Cavanda a fare sempre e solo la fase difensiva. Nullo in zona tiro.

ALL. DONADONI 5,5 La formazione iniziale ha un suo perché, ma nella ripresa resta immobile, effettua solo un cambio: Palladino al posto di Biabiany, fino a quel momento il migliore in campo. Deludente la risposta di Cassano.

LAZIO: Berisha 6.5; Konko 6, Ciani 6, Novaretti 5.5 (31′ st Dias 6), Radu 5 (14′ st Cavanda 5.5); Onazi 6.5, Biglia 6; Felipe Anderson 6.5, Ederson 5.5 (24′ st Candreva 6), Keita 6; Perea 8. All. Reja 7

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A