© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Calcio Serie A

Crespo, 200 reti in Italia, risponde a Jeda: il Parma pareggia 1-1 anche a Lecce

Crespo, 200 reti in Italia, risponde a Jeda: il Parma pareggia 1-1 anche a Lecce

Un pareggio tutto sommato da non buttare per il Parma al "Via del mare" di Lecce. All'ormai solito rigore a sfavore (il quarto, oggi però ineccepibile), subito nel primo tempo a causa di una clamorosa leggerezza di Gobbi e realizzato da Jeda, ha risposto l'idolo della tifoseria gialloblù Hernan Crespo, che bagna il suo debutto da titolare in campionato con la prima rete stagionale e la 200eesima in carriera. Una rete inoltre molto pesante per i crociati in quanto il Lecce stava difendendo con i denti il vantaggio acquisito. Una rete da vero e proprio rapinatore d'area qual'è, propiziata dall'intuizione di Pasquale Marino, bravissimo a cambiare "pelle" alla squadra a gara in corso e inserire l'ex di turno Angelo, autore dell'assist per "Valdanito" che ha rimesso a posto le cose e sancito il pari. Un pari alla fine giusto per quanto visto, anche se il Parma ha rischiato grosso nella prima metà Â  della ripresa, quando Di Michele e Piatti hanno sfiorato il 2-0. Unica nota stonata l'infortunio muscolare per Sebastian Giovinco, infortunatosi a fine primo tempo.

La tattica. Marino conferma il consueto 4-3-3 con il rientro di Lucarelli in difesa e l’esordio dall’inizio di Crespo in attacco al centro, al posto dell’ex Bojinov. Terzino sinistro al posto di Antonelli è sato scelto Gobbi. A centrocampo al fianco di Morrone giocano Valiani a destra e Candreva a sinistra. I padroni di casa del Lecce schierano invece un 4-3-1-2 con Giacomazzi in regia al fianco di Grossmuller e Mesbah, e Piatti trequartista alle spalle dei due attaccanti Di Michele e Jeda, quest’ultimo all’esordio dal 1′ minuto.

Primo tempo. Le squadre giocano prevalentemente a centrocampo e si annullano a vicenda, concedendo poche occasioni da gol. La prima vera occasione è per il Parma, che tiene sempre il pallino del gioco, al 12′: punizione di Giovinco da circa 35 metri, la barriera devia il pallone che finisce tra i piedi di Zaccardo dopo uno stop sbagliato da Lucarelli, ma il tiro, secco, del difensore, viene ribattuto da Rosati. Il predominio territoriale del Parma prosegue, ma la squadra di Marino punge poco in attacco: Marques con Vives non la vede mai, Crespo è poco servito e di conseguenza nullo. Il Lecce invece cresce e al 30′ trova il vantaggio grazie ad un’ingenuità di Gobbi. Goffo retropassaggio del terzino, che serve Jeda, che entra in area e con un taccco serve Di Michele: il tiro dell’attaccante viene salvato da Paci, ma sulla ribattuta sempre Gobbi stende lo stesso Di Michele appenna dentro l’area ed è rigore, il quarto al passivo per il Parma. Jeda spiazza Mirante ed è 1-0 per i salentini. La replica del Parma arriva ma nè Marques al 37′, con un tiro ad effetto poco alto, ne Paci, con un debole colpo di testa su corner, trovano il pareggio. Allo scadere Giovinco cade malamente e dovrà uscire per infortunio.

Secondo tempo. Bojinov sostituisce Giovinco e si piazza a destra nel tridente, nessun cambio per il Lecce. L’inizio è vivace e si registrano due ghiotte occasioni per parte nei primi 20 minuti: il Parma è pericoloso al 7′ con un tiro di Candreva di poco alto e al 12′ quando Vives devia un cross di Marques rischiando l’autogol, ma rosati salva; il Lecce sfiora invece il raddoppio al 12′ quando Mirante si supera su Mirante, poi con Piatti che si libera magostralmente di Paci e Lucarelli ma con un diagonale sfiora il secondo palo. Poi inizia la girandola di cambi: per il Lecce entrano Ofere e Olivera, mentre Marino toglie candreva e mette dentro Angelo, passando a un 4-4-2 che assomiglia molto a un 4-2-4 con il nuovo entrato e Marques alle ali. Cambio indovinato in quanto al 24′ è proprio una fuga sulla destra di Angelo a portare al pareggio: l’esterno brasiliano mette al centro per Crespo che da intramontabile uomo-gol qual’è non fallisce la deviazione sotto porta. Acquisito il pareggio Marino torna al 4-3-3 inserendo Dzemaili per Crespo. Prima del fischio finale ci provano anche Ofere da una parte, con un colpo di testa alto al 42′, e Marques, con un tiro sull’esterno della rete un minuto dopo.

200esimo sigillo di Crespo in maglia italiana

La rete di stasera consente ad Hernan Crespo di tagliare un traguardo importante: “Sono contento, questo è il mio 200esimo gol in maglia italiana. E’ stata una partita difficile, abbiamo condotto sempre il gioco ma facciamo ancora fatica ad essere concreti; paghiamo troppo certe situazioni. In queste prime quattro partite ce la siamo giocata con tutte, nessuna squadra ci ha mai messo sotto. La partita l’abbiamo fatta noi, ma alla fine va bene il pari. Teniamo presente che il Parma quest’anno è cambiato tanto, sia nei giocatori che nesso staff tecnico; ci vuole un pò di tempo. Perquanto mi riguarda sono davvero contento, oggi era la mia prima da titolare e credo di aver fatto bene; spero di giocarne ancora tante dall’inizio”.

IL TABELLINO

LECCE-PARMA 1-1 (1-0)
Reti:
pt 31′ Jeda (L) su rigore. St 24′ Crespo (P)
LECCE (4-3-1-2): Rosati, Vives, Gustavo, Ferrario, Giuliatto; Grossmuller, Giacomazzi, Mesbah; Piatti (19’st Olivera); Jeda (23’st Ofere), Di Michele (35’st Corvia).
A disposizione: Benassi, Fabiano, Rispoli, Coppola. All. De Canio
PARMA (4-3-3): Mirante; Zaccardo, Paci, Lucarelli, Gobbi; Valiani, Morrone, Candreva (21’st Angelo); Giovinco (1’st Bojinov), Crespo (31’st Dzemaili), Marques.
A disposizione: Pavarini, Dellafiore, Paletta, Pisano. All. Marino
Arbitro: Brighi di Cesena
Note: Serata calda, terreno in eccellenti condizioni. Ammoniti Gobbi (P) e Vives (L), entrambi per gioco falloso. Recupero: pt 1’; st 4’. Corner 4-4.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Calcio Serie A