© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Parma Calcio

COMMENTO: suicidio Parma, 17 minuti fatali

COMMENTO: suicidio Parma, 17 minuti fatali

Una tranvata pazzesca. Da 0-2 a 3-2 in 17 minuti. Quanto basta per trasformare la festa del Tardini e il sogno di migliaia di tifosi di vedere in campo Baraye (striscione commovente in curva Nord), in un pomeriggio da incubo. E’ il bello e il brutto del calcio: imprevedibile, entusiasmante, crudele. La Spal ritrova la vittoria dopo una lunga astinenza che durava dal 20 ottobre scorso (Roma-Spal 0-2). E lo fa ai danni del Parma, battuto anche all’andata. E’ una sorta di maledizione, soprattutto se si rivede il film della prima ora di gioco: rigore di Inglese, gol annullato (sempre a Inglese) per un fuorigioco millimetrico di Gervinho, 2-0 ancora di Inglese e 3-0 mancato da Barillà per un soffio (tiro sull’esterno della rete). Il Parma recita il mea culpa, dunque, perché dopo un primo tempo autoritario, giocato a ritmi elevati, ha ceduto fisicamente, soprattutto a centrocampo (orfano di Grassi, Rigoni e Stulac), con Scozzarella costretto ad uscire per infortunio e Barillà e Kucka non al cento per cento della condizione. In poche parole i ducali hanno regalato le chiavi del centrocampo alla Spal perché la benzina nel serbatoio era finita. Le mosse di Semplici, partito inizialmente con un inedito 4-4-2 e poi passato al classico 3-5-2, hanno cambiato il volto della partita e disegnato una squadra a trazione anteriore che ha sorpreso tutti, anche i propri tifosi che a metà primo tempo contestavano i propri giocatori.
Se il Parma ha comandato le danze per oltre 50 minuti, la Spal di contro è rimasta vittima dei suoi errori e soprattutto dell’incapacità di velocizzare e rendere imprevedibile la manovra offensiva (solo due tiri di Petagna e Lazzari parati da Sepe). Poi il brutto anatroccolo si è trasformato in cigno, ferito anche dai cori rabbiosi che arrivavano dalla curva dei propri tifosi (circa 1500). Semplici fa due mosse e cambia l’inerzia della gara: fuori Simic e Valdifiori, dentro Antenucci e Valoti. Ed è proprio quest’ultimo a segnare il 2-1. E l’inizio di una rimonta impensabile: passano 5 minuti e Petagna di testa raccoglie un perfetto cross di Lazzari e firma il 2-2. Il Parma è alle corde, D’Aversa tarda a fare i cambi, anche perché in panchina non ha molte soluzioni per ridisegnare il centrocampo, e la Spal affonda il coltello: stupendo destro al volo di Fares, che raccoglie una respinta di testa di Bastoni, e indisturbato manda la palla nell’angolino. E’ il 2-3 definitivo che trasforma la festa gialloblù in delusione. Senza conseguenze per la classifica, però, perché il Bologna continua a perdere e il +14 sulla terz’ultima resta una grande certezza. In attesa degli ultimi colpi del mercato.

(Nella foto gli striscioni della curva Nord per Yves Baraye)

 

 

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio