Entra in contatto:

Parma Calcio

Da rimpianto a tesoretto: Cheddira ancora nel destino del Parma

©Foto: Lorenzo Cattani

Da rimpianto a tesoretto: Cheddira ancora nel destino del Parma

Walid Cheddira, rivelazione di questo primo scorcio di Serie B, a Parma lo abbiamo visto solo da avversario con la maglia del Bari. Ed è stato subito un rimpianto.

Il 12 agosto scorso, l’attaccante italo-marocchino, pur non facendo gol, ha fatto “piangere” il pubblico del Tardini: non solo per le sue giocate da applausi, ma soprattutto perché ha fatto male alla squadra di mister Pecchia, entrando nei gol dei Galletti con il rigore procurato per l’1-1 e con l’assist per Folorunsho in occasione del momentaneo 1-2.
Da lì in poi il suo astro ha iniziato a illuminarsi sotto i riflettori della Serie B, andando a segno nelle successive 5 gare della squadra pugliese con una rete a partita. I numeri – 6 gol, 2 assist, 522′ giocati in 7 turni di B – parlano per lui e fanno rimpiangere i tifosi crociati che non hanno avuto e non avranno la possibilità di apprezzarlo nel Ducato.

Tuttavia, il destino di Cheddira – comprato dal Bari che aveva esercitato, per quasi un milione di euro, il diritto di riscatto dopo la promozione in cadetteria – resterà legato a doppio filo al Parma: la cessione degli scorsi mesi potrebbe essersi rivelata un affare e il giocatore potrebbe rappresentare un importante tesoretto. Come riportato infatti dal giornalista Nicolò Schira, in futuro la società ducale potrà incassare il 50% sulla rivendita del 24enne di Loreto, sul quale sono forti le attenzioni non solo da parte della nazionale del Marocco (con cui ha esordito di recente), che a lui pensa per i Mondiali in Quatar di questo inverno, ma anche da parte di diversi club di Serie A. Kyle Krause e tutto il Parma si sfregano già le mani.

 

(In copertina, Cheddira in azione in Parma-Bari 2-2 – ©Foto: Lorenzo Cattani/SportParma)

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA