Entra in contatto:

Parma Calcio

D’Aversa: «Non abbiamo sfigurato». Conte: «Complimenti al Parma»

D’Aversa: «Non abbiamo sfigurato». Conte: «Complimenti al Parma»

I commenti a caldo dei due allenatori, Roberto D’Aversa e Antonio Conte, nelle interviste del dopo partita Parma-Inter (1-2).

D’AVERSA: «Abbiamo finito la partita nella loro metà campo. Il Parma stasera non ha sfigurato contro la prima in classifica.  Il rammarico è nei due gol, nel primo hanno sfruttato un errore nostro, nel secondo un errore di concetto dove ci siamo andati ad imbottigliare e sappiamo che sono bravi a ripartire. Abbiamo riaperto la partita, aumentato il potenziale offensivo, ma non è bastato a portare a casa il risultato.
Sicuramente il fatto di aver giocato alla pari con l’Inter ci deve far credere di più nei nostri mezzi, ma allo stesso tempo dobbiamo ragionare sul fatto che spesso e volentieri concediamo alcune occasioni perché non abbiamo il senso del pericolo. Continuando a giocare come stiamo facendo potremo fare risultato pieno.
Il Parma si può salvare? Non sarà semplice ma la gara di stasera ci deve far affrontare nel modo giusto il resto del campionato, fino all’ultimo minuto dell’ultima partita, per cercare di raggiungere il nostro obiettivo. La prestazione di stasera ci dà l’obbligo di lottare fino alla fine.
Io credo che per quanto riguarda le prestazioni, nelle ultime tre abbiamo sempre finito in crescendo, sia a livello fisico che di gioco. Ma se analizziamo i gol presi dobbiamo ragionare su dei miglioramenti che facciano sì che si possano portare a casa dei risultati positivi. Nel secondo gol dovevamo essere più bravi, sappiamo le caratteristiche della squadra avversaria.
In questi momenti gira tutto male. Sullo 0-0 la prima occasione l’abbiamo avuta noi, il primo gol subito è entrato per poco. Tante situazioni a favore non sfruttate. Le grandi squadre devono esserci d’esempio, dobbiamo migliorare sotto l’aspetto della determinazione e della cattiveria. Sono aspetti che in Serie A non ti puoi permettere di abbassare la guardia. E’ un rammarico tornare a casa con zero punti dopo una prestazione del genere. Ma ci farà approcciare alla gara con la Fiorentina con più convinzione nei nostri mezzi. Ma commettiamo troppi errori che stanno condizionando la posizione di classifica. La qualità c’è, dobbiamo essere più concreti, su tutto. Fisicamente stiamo crescendo e facendo bene, ma le partite sono sempre meno.
Pellè, Inglese e Cornelius? Sicuramente nel momento clou del campionato avere a disposizione giocatori importanti come loro determina. C’è stato impegno ma la loro condizione ancora non è ottimale. Quella di stasera è stata una forzatura per provare a recuperare la partita».

CONTE: «Partita sporca? Non penso, è stata giocata bene da ambedue le squadre. Noi abbiamo fatto due gol, ma abbiamo avuto tante altre occasioni per arrotondare. Detto questo, complimenti al Parma: è una squadra che ci ha sempre messo in difficoltà, che in organico ha giocatori importanti, che ha un ottimo allenatore. Loro cercavano di tirarci fuori per spezzarci la squadra in due e di lanciare su Kucka per cercare di recuperare la seconda palla. Sono stati bravi. Auguro il meglio al Parma, anche perché mi lega un’amicizia con Roberto. Io penso che questa squadra abbia tutte le carte in regola per salvarsi e mi sorprende il fatto che loro siano in quella posizione. Ecco perché prima delle due partite con Genoa e Parma avevo detto che erano due esami di maturità: quando c’è da tirar fuori le unghie i denti bisogna essere bravi e noi su questo stiamo migliorando. Sul 2-0 abbiamo concesso questo gol e sicuramente potevamo fare molto meglio. Inevitabile che poi ti viene apprensione: loro erano molto strutturati fisicamente e hanno provato a buttare in mezzo qualche palla. Ma non penso che Samir abbia fatto interventi».

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio