Entra in contatto:

Parma Calcio

Gagliolo e Iacoponi ai saluti, è finita un’era

Gagliolo e Iacoponi ai saluti, è finita un’era

E’ finita un’era, nelle prossime ore, oltre a Brugman, saluteranno anche Iacoponi e Gagliolo, due bandiere del nuovo Parma post fallimento.

La mancata convocazione per la sfida di domani sera al Tardini contro il Benevento (ufficialmente per scelta tecnica) è il segnale inequivocabile della fine dell’avventura, oltre alla conferma delle diversi voci di mercato che circolavano da alcune settimane.
Una scelta figlia della rivoluzione voluta dal presidente Krause che ha praticamente tagliato i ponti con il passato (sia in campo che nelle stanze dei bottoni) e sacrificato due giocatori che con il tempo, l’ impegno, l’umiltà e i risultati sul campo si sono guadagnati il rispetto dello spogliatoio e di tutta la piazza gialloblù. Scelte strategiche, ma non di cuore. Scelte che oramai nel calcio moderno sono all’ordine del giorno.

Iacoponi (34 anni) non era più funzionale al gioco del nuovo allenatore (quasi mai utilizzato dall’inizio del ritiro), mentre Gagliolo (31 anni), che fino a ieri ha indossato la fascia di capitano (dopo Kucka) contro Lecce e Frosinone, non ha convinto la dirigenza a un rinnovo del contratto in scadenza a giugno 2022 e alla fine ha accettato il richiamo del “maestro” Castori che ora lo aspetta a braccia aperte a Salerno, in serie A.

Una valanga di ricordi, battaglie, emozioni, imprese, gol, sacrifici, feste promozione, salvezze e un’amara retrocessione. Un solo articolo non basterebbe a elencarle tutte. Così come le amicizie e i legami creati in città dal 2016 (l’anno dell’arrivo a Parma di Iacoponi) ad oggi.
Al di là dell’ultima disgraziata stagione, Iacoponi e Gagliolo resteranno per sempre nei libri della storia gialloblù.

Per celebrare i numeri dei due difensori basta rileggere le loro statistiche con la maglia del Parma: Iacoponi 157 presenze tra serie A, B, C e Coppa Italia (5 gol e un assist), Gagliolo 139 presenze tra A, B e Coppa Italia (11 gol e 5 assist). Due pilastri del “vecchio” Parma.

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio