Entra in contatto:

Parma Calcio

GERVINHO: «Contento di tornare in Italia, il calcio migliore. Sono pronto»

GERVINHO: «Contento di tornare in Italia, il calcio migliore. Sono pronto»

Secondo giorno di presentazioni in casa Parma sempre al Centro Sportivo di Collecchio). Oggi è stato il turno di Biabiany , Sprocati e soprattutto Gervinho, il colpo ad effetto del mercato estivo dei crociati. Tre ali (esterni) per far decollare Inglese (o Ceravolo) e tutto il Parma.
Per Gervinho è stata fondamentale la volontà dello stesso giocatore di tornare in Italia e nel calcio che conta, dopo 2 anni in Cina, lontano dai grandi riflettori. Ha giocato l’ultima partita 3 settimane fa, si è detto pronto a scendere in campo, anche se tutto dipenderà dalle valutazioni di D’Aversa e dalla stato di integrazione col il resto della squadra.
Ecco le parole di presentazione del ds Faggiano a seguire quelle del 31enne ivoriano raccolte da Sportparma:

FAGGIANO: “Qui alla mia sinistra c’è il ‘boss’, Gervinho! E’ venuto con lo spirito giusto. E’ stata un’operazione dura per le nostre casse. I suoi agenti mi hanno prospettato questa soluzione e io ho fatto il possibile; lui vuole fare la Coppa d’Africa e questo è uno stimolo in più. Ci è venuto in contro e ci ha agevolato nella chiusura della trattativa, questo dimostra quanto voleva il Parma.
Domenica non è venuto alla partita perché è andato a prendere i documenti necessari per potersi allenare già da martedì scorso: anche da questo si capisce quanta voglia ha”.

GERVINHO: “Sono contento di essere qui, è un piacere tornare nel campionato italiano, tra quelli nei quali ho giocato è uno dei migliori. Qui in Italia ho vissuto bei momenti, ora per me si tratta di una nuova avventura. Conosco la storia del Parma, abbiamo un collettivo importante, una dirigenza importante, possiamo raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati.

Foto Parma Calcio 1913

La condizione fisica? Sono pronto. Sono a disposizione dell’allenatore, non gioco match ufficiali da due o tre settimane ma non ho problemi.
Non c’è niente di difficile nella vita e nel calcio, abbiamo una bella squadra, c’è bisogno dell’aiuto di tutti, darò il cento per cento: restando uniti possiamo farcela. La Coppa D’Africa? La mia motivazione ora è quella di fare bene nel club, voglio ripagare la fiducia della società: certo, la Coppa D’Africa è importante, ma questo altro aspetto lo vedremo a fine stagione.
Vengo da un campionato diverso, ho parlato con il Mister anche se ancora non siamo entrati nei dettagli, mi adatterò a quel che lui mi chiederà di fare sul campo. Non sento pressioni, sono sempre stato rilassato nei miei vari passaggi di carriera: non focalizziamoci sulla Juventus, ma pensiamo a migliorare in ogni partita, senza sottovalutare nessun avversario. Contro la Spal si tratta di una partita molto importante, purtroppo domenica non siamo riusciti ad ottenere i 3 punti, ora vogliamo cercare di farlo già nella prossima gara”.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio