© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Parma Calcio

Giocatori in silenzio, parlano Minotti e Apolloni: “Facciamo il mea culpa tutti”

Giocatori in silenzio, parlano Minotti e Apolloni: “Facciamo il mea culpa tutti”

Il dopo partita di Parma-Padova è amarissimo in casa crociata. I giocatori hanno chiesto di restare in silenzio, ai microfoni della sala stampa del Tardini si sono presentati il direttore dell’area tecnica Lorenzo Minotti e il tecnico Luigi Apolloni:

MINOTTI: “E’ molto difficile fare un’analisi della partita odierna, perchè nella prima parte mi è parso di vedere una buona squadra, che aveva impattato bene con la partita; eravamo andati in vantaggio meritatamente, e poi purtroppo siamo incappati in alcune disattenzioni ed errori abbastanza evidenti e li abbiamo pagati a caro prezzo. Nella ripresa la squadra era entrata con un certo piglio, avevamo avuto una palla abbastanza clamorosa per fare il 2-2, poi invece al primo contropiede abbiamo subito il 3-1. Dopo lì credo che la squadra abbia accusato il colpo. Mai come oggi abbiamo creato così tanto. Sono venuto oggi a parlare perchè i giocatori erano molto amareggiati, hanno accusato molto il colpo, e per una volta possiamo dare loro la possibilità di mantenere il silenzio e riflettere. Comunque, complimenti al Padova, ha fatto un gran partita. Purtroppo non riusciamo ancora ad essere liberi dal punto di vista mentale ed a mettere in campo quelle qualità e quelle cose che prepariamo e facciamo durante la settimana. Non dobbiamo nemmeno fare un dramma, la sconfitta fa male, è pesante, però ce lo prendiamo e siamo già pronti a ripartire. La classifica è questa, non ne usciamo assolutamente ridimensionati. Sappiamo che è un campionato difficile, non ci saranno solo due o tre squadre che si giocheranno il primo posto, ma per il momento regna il più totale equilibrio. Gli alti e bassi possono succedere, e gli scontri diretti si vincono e si perdono, abbiamo perso gare importanti ma ne abbiamo vinte altre, e fuori casa non abbiamo mai perso. C’è tanto da lavorare, c’è tanto da soffrire, dobbiamo essere tutti uniti e sapere che ogni domenica c’è da fare un salto in avanti. Limiti strutturali? Non è il momento di parlare di questo. Ora il problema più grosso è quello di mettersi alle spalle uno schiaffo che fa male, perchè perdere 4-1 in casa credo che non faccia piacere a nessuno. Siamo consapevoli di aver deluso una piazza che da noi si aspetta tanto, facciamo il mea culpa tutti, dallo staff ai giocatori, e da domani cercheremo di dare ancora di più”.

APOLLONI: “Oggi la differenza l’ha fatta chi ha segnato e chi no. Abbiamo giocato bene nella prima parte della gara, mettendo il Padova in difficoltà, ma non abbiamo sfruttato tutte le occasioni. Negli spogliatoi c’era amarezza e insoddisfazione per il risultato così pesante. Abbiamo girato bene il pallone all’inizio, ma non abbiamo visto il nostro lavoro concretizzato. Abbiamo commesso errori, gli avversari ne hanno approfittato. La solidità difensiva è venuta a mancare. Ne prendo atto. Può capitare. Non è una giustificazione. Dobbiamo lavorare per limitare gli errori. Bisogna mettere da parte la delusione e l’amarezza per questa battuta d’arresto, che ormai non si può più recuperare. Dobbiamo metterla da parte tutti noi e anche i tifosi. Sapendo che lavoreremo per migliorare. Il cambio di Giorgino è stata una scelta tecnica. A inizio ripresa ho inserito Miglietta, che ha più qualità in manovra e costruzione e meno in interdizione. Ho schierato Simonetti dal primo minuto, perchè l’ho visto bene in settimana. Così come Evacuo e Calaiò insieme. Hanno già giocato insieme e in settimana erano migliorati nell’intesa. Stasera abbiamo creato, ma non realizzato”.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio