Entra in contatto:

Parma Calcio

Iachini: «Lo spirito della squadra è sempre stato positivo»

Foto Parma Calcio 1913

Iachini: «Lo spirito della squadra è sempre stato positivo»

Esordio sulla panchina crociata e primo punto conquistato per Beppe Iachini. L’-1 conquistato dal Parma a Como rappresenta un punto di partenza.

Il tecnico ha elogiato lo spirito della squadra, capace di rimanere in partita fino alla fine e sfiorare il gol della vittoria nel finale con Benedyczak (leggi qui): “In tre giorni non si cambia il mondo ma mi interessava vedere lo spirito della squadra, il giocarsi la partita fino in fondo. Lo spirito della squadra è sempre stato positivo, abbiamo provato a vincere fino alla fine, peccato per quella mischia finale, dovevamo essere più cinici. Stiamo costruendo, c’è molto da migliorare ma era inevitabile dopo pochi giorni, abbiamo cercato di verticalizzare, a volte anche esasperando qualche situazione, ma adesso è il momento di farlo per cambiare la nostra idea e cercare la porta senza rallentare per fare riposizionare i nostri avversari“.

Il modulo di partenza, il 4-3-1-2, ha sorpreso ma probabilmente è stato dettata dalle assenze: “Abbiamo fatto bene la prima mezzora poi abbiamo allentato i tempi dell’accorciata, della prima pressione, ma ci dobbiamo abituare ad un atteggiamento tattico nuovo“.

La classifica resta congelata: “Sarà un campionato livellato, con molte squadre che possono giocarsi la chance di lottare per andare in A, ci sono anche squadre sorpresa come in ogni campionato. Va data continuità alla squadra, al lavoro, alla mentalità che serve per questo campionato. Oggi ho avuto buone risposte nell’andare al contrasto, tutte le squadre ci aspettano per fare la partita dell’anno. Sotto questo aspetto la squadra ci ha creduto, stiamo mettendo i primi mattoni“.


INGLESE: “Un cambiamento si è visto, ci tengo a questa maglia”

L’autore del pareggio crociato Roberto Inglese ha incontrato i giornalisti al termine dell’1-1 del Sinigaglia tra Como e Parma.

Il mister ha avuto poco tempo, l’aspetto che ha curato di più è l’aggressività. Penso che oggi un cambiamento si sia visto. Sta a noi metterci sotto, lavorare.
Vengo da due anni nei quali ho subìto due infortuni gravi, sto cercando di riprendermi, serve tempo, sono sempre stato zitto e ho lavorato sodo, sperando di tornare a togliermi le soddisfazioni di un tempo e soprattutto vedere tornare il Parma dov’era: ci tengo a questa maglia, sono rimasto proprio per questo. La B è molto difficile, di bianco affrontarla solo con il lavoro e lo spirito di partecipazione della squadra. Ci sono diversi giocatori stranieri, dobbiamo capire prima di tutto cosa vuole il mister, ma credo che la società abbia preso la persona giusta per fare comprendere il campionato italiano a tutti questi ragazzi potenzialmente forti. Se si adattano tutti assieme al gruppo dei più grandi, il Parma può ottenere un grande risultato“.

Classifiche fornite da SofaScore LiveScore

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio