Entra in contatto:

Parma Calcio

IL GEDE: «Il Parma ha sprecato una buona occasione, ci vuole un cambio di passo»

IL GEDE: «Il Parma ha sprecato una buona occasione, ci vuole un cambio di passo»

Il pareggio di Cagliari e la classifica del Parma sotto la lente di ingrandimento di mister Pietro Gedeone Carmignani all’interno della storico rubrica di Sportparma “Il Gede Risponde”.

A Cagliari il Parma ha sprecato una grossa occasione?
“Sì, sprecare è il termine giusto per quello che aveva fatto vedere la squadra di Pecchia nel primo tempo. Nella sostanza è stato un tempo a testa: nel primo tempo il Parma ha praticato un calcio di ottima qualità condito da diverse conclusioni in porta, ma non ha chiuso la gara, non ha fatto il secondo gol. N secondo tempo c’è stato il ritorno del Cagliari che però è stato più emotivo che organizzato. Poi un infortunio del portiere ha riaperto la partita. Il Cagliari è una squadra attrezzata per la serie A e ha avuto le sue occasioni per vincere ma è stato bravo Chichizola a rimediare. Il primo tempo del Parma è stato di calcio giocato, preparato molto bene, con pressione e gioco.
Rimane l’amaro in bocca per il pareggio finale”.

E’ un pareggio che non serve ai fini della classifica, che rinvia il definitivo salto di qualità?
“Per entrambe le squadre, blasonate, ci vuole un cambio di passo, perché entrambe non stanno facendo un campionato da vertice, quindi ci si aspetta che il loro rendimento sia migliore, più costante”.

Come spesso accade le sostituzioni del secondo tempo non hanno inciso, perché?
“le sostituzioni a volte cambiano la partita in maniera positiva e altre no. E’ un Parma che non convince del tutto, nella stessa partita ha momenti di grande calcio e altri di gioco confuso; atleticamente comincia alla grande per poi calare dopo. Anche psicologicamente la difesa è attenta e concentrato e a volte è confusa e indecisa. Anche tatticamente, prima corta e stretta, poi allungata. I cambi a volte incidono e altre no. Certo, continuano ad esserci tanti infortunati”.

Sta seguendo i Mondiali? Chi l’ha colpita di più?
“Ho visto un grandissimo Mbappé, in questo momento è il giocatore che sta facendo meglio al Mondiale. E’ il Mondiale dei numeri 10, vedi anche Messi. Aspettiamo Neymar. Torneo molto equilibrato, sono andate a case squadre che hanno vinto il Mondiale per anni e sono passate squadre ritenute di seconda fascia che però esprimono un calcio fisico e tecnico. Brasile e Argentina restano le favorite, la Francia sta bene, e poi c’è sempre l’effetto sorpresa. Ci sono squadre come il Giappone che possono andare avanti. Anche la stessa Australia ha rischiato di fermare l’Argentina. Il calcio va verso sempre più un equilibrio internazionale”.

 

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA