Entra in contatto:

Parma Calcio

Juve, la cessione del parmigiano Cerri finisce nell’inchiesta Prisma

Juve, la cessione del parmigiano Cerri finisce nell’inchiesta Prisma

La cessione dell’attaccante parmigiano Alberto Cerri dalla Juventus al Cagliari, nel luglio 2018, è finita nell’inchiesta della Procura di Torino che in questi giorni ha provocato uno scossone nel mondo del calcio e non solo.

L’indagine denominata “Prisma”, partita nel 2021, punta il dito contro l’intero Cda della Juventus, dimessosi ieri sera. Le accuse sono di falso in bilancio, aggiotaggio, false comunicazioni e ostacolo all’esercizio delle autorità di pubblica vigilanza.
In sostanza, secondo l’accusa, la Juventus avrebbe alterato il proprio bilancio ricorrendo alle famigerate plusvalenze fittizie, o operazioni a specchio. Ma non solo, nell’inchiesta è finito l’acquisto di Ronaldo e l’accordo tra club e calciatori ai tempi del Covid.

Stando alle prime indiscrezioni, tra le oltre 40 operazioni di mercato finite sotto la lente di ingrandimento della Guardia di Finanza, ci sarebbe la cessione di Alberto Cerri dalla Juventus al Cagliari, per una cifra intorno agli 8 milioni di euro. L’accordo tra i due club prevedeva una clausola “segreta” per il riacquisto del giocatore da parte della Juventus (il club bianconero intento metteva subito a bilancio gli 8 milioni pattuiti); un’operazione di facciata secondo l’accusa.
Cerri, oggi al Como, non è coinvolto nell’inchiesta, così come il Cagliari, anche se è presto per emettere sentenze definitive, in ogni senso.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA