Connect with us

Parma Calcio

Le controversie di un’esultanza

Le controversie di un’esultanza

Sono trascorsi tre giorni dalla vittoriosa trasferta di Salerno, ma le polemiche per l’esultanza di Jacopo Dezi, al 33° minuto del primo tempo della sfida dell’Arechi (0-1), continuano a generare pensieri negativi (per usare un eufemismo) tra la tifoseria.
La corsa sotto la curva con le mani portate alle orecchie fa parte di una mutlitudine di esultanze e gestualità controverse, che nella maggior parte dei casi, le tifoserie di tutto il mondo, interpretano e metabolizzano allo stesso modo.
Facciamo alcuni esempi: il “ciuccio” di Totti, le capriole di Oba-Oba Martins, il violino di Gilardino o l’arrampicata sulla “ramata” di Barbuti, generano un’euforia incontenibile tra i propri tifosi; momenti che restano indelebili nella mente di migliaia di persone e che si tramandano di generazione in generazione, dentro e fuori da un campo da calcio.

Poi ci sono altri tipi di esultanze, che irritano e vengono interpretate come mancanza di rispetto o, addirittura, come messaggi di sfida. Consuetudini che sono entrate a fare del Dna del calcio e di tutto il movimento che ruota attorno.
In questa sfera di esultanze, quelle che normalmente fanno arrabbiare la stragrande maggioranza dei tifosi (in curva, in tribuna o sul divano), rientra sicuramente il gesto di portare le mani alle orecchie e dirigersi verso la curva dei propri tifosi. I propri, non gli avversari, perché in quest’ultimo caso si tratterebbe di sfottò e provocazione.

Torniamo al nocciolo del discorso: l’esultanza di Dezi. Il ragazzo, nel post partita di Salerno, si è subito giustificato dicendo che il suo gesto «non era rivolto ai tifosi ma a me stesso, perché devo dare di più». Una giustificazione che può avere un senso e una logica, soprattutto se si ripercorre la difficile stagione in maglia crociata del centrocampista 26enne, la cui media voto è al di sotto della sufficienza (e delle attese).
Tutto questo per dire che ognuno è libero di comportarsi come vuole, di esultare o non esultare, di provocare o infiammare, purché alla fine si prenda sempre le proprie responsabilità. Perché certi gesti generano sempre gli stessi effetti e le stesse reazioni tra il popolo “pallonaro”.

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi