© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Parma Calcio

Milan, Gattuso: «A Parma ci giochiamo tanto»

Milan, Gattuso: «A Parma ci giochiamo tanto»

La conferenza pre gara di Rino Gattuso parte dalle polemiche della settimana scorsa (post Lazio). Poi il Parma, la lotta al quarto posto e la semifinale di Coppas Italia. Ecco le parole del tecnico rossonero alla vigilia di Parma-Milan:

IL PARMA: “Campo storicamente difficile. Ci giochiamo tanto. In settimana ho rivisto entusiasmo e tranquillità. Priorità a domani, poi penseremo alla Lazio. Penso che sia una partita difficile per le caratteristiche dell’avversario. All’andata abbiamo vinto senza meritare, è una squadra che può metterti in difficoltà. Non dobbiamo dare campo, perché hanno armi importanti. Ci giochiamo tanto e si giocano tanto anche loro perché non sono ancora salvi”

LOTTA CHAMPIONS: “Non penso, credo che si tirerà avanti fino all’ultima giornata, i punti a disposizione sono ancora tanti”.

PROBLEMA TRASFERTE: “È un dato di fatto che abbiamo vinto solo cinque partite, a Genova e Udine all’ultimo secondo. Altre volte abbiamo perso punti che potevamo portare a casa. Dobbiamo essere più cattivi, farci trovare pronti e non sbagliare approccio nei primi minuti”.

APPROCCIO INIZIALE: “Il dato di fatto è che abbiamo solo 5 partite, vincendo anche agli ultimi secondi. Abbiamo fatto tante partite in cui potevamo vincere e invece non l’abbiamo fatto. Non penso sia una questione solo tattica o di mentalità, bisogna farsi trovare pronti senza sbagliare l’approccio iniziale”.

I SINGOLI: “Suso ha sempre dato grande disponibilità. Ha caratteristiche ben precise, ma è arrivato il momento anche di fare qualcosa di diverso. Caldara sta bene. È una mia scelta, lui non gioca da tanto tempo. Si allena bene, ce la mette sempre tutta. In questo momento c’è bisogno della situazione giusta per metterlo in campo. Zapata l’ho visto bene. Vedrai domani nel riscaldamento se gioca titolare. Kessie e Bakayoko? A livello mentale sono cose che ti possono lasciare qualcosa, ma loro sono forti di testa e gli ho visti bene in settimana”.

IL CASO ACERBI: “Non ne voglio parlare più, il Milan ha fatto quello che ha fatto e ci siamo chiesti scusa. Spero che si possa entrare in campo tutti abbracciati per mettere le polemiche da parte. Da calciatore ho sbagliato più di una volta e penso che quando ci si assume la responsabilità poi sia tutto finito”.

DEBACLE CHAMPIONS: “Il livello è alto, se si va a vedere il livello di Champions è molto alto e anche in Europa League ci sono state molte partite interessanti. Le società italiane hanno giocatori importanti ma la differenza la fa anche il potere economico e noi su questo siamo un passo indietro. Anche quando giocavo io le squadre inglesi davano l’idea di andare più forti. Tante squadre hanno più di un giocatore importante e questo fa la differenza”.

 

 

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio