Entra in contatto:

Parma Calcio

Parma: a Lecce l’esame di maturità. E poi la sosta

Foto: Parma Calcio

Parma: a Lecce l’esame di maturità. E poi la sosta

Dopo due giorni di riposo, il Parma ha ripreso oggi ad allenarsi al centro sportivo di Collecchio, in un clima di slancio e ritrovato entusiasmo. Merito delle due recenti vittorie consecutive.

Le affermazioni con Cittadella e Vicenza, oltre a portare punti pesanti per una classifica che iniziava a essere ormai deficitaria, hanno dato segnali incoraggianti dal punto di vista della tenuta fisica e dell’atteggiamento e anche nuovi spunti in chiave tattica. La squadra di mister Maresca ha guadagnato in solidità difensiva e organizzazione a centrocampo; sembra aver trovato la giusta quadratura del cerchio con la scelta di uno schieramento a tre uomini nel reparto arretrato; si è compattata di fronte alle avversità (vedasi il primo rigore subito a Cittadella) e ai propri grossolani errori (l’espulsione di Brunetta dopo mezz’ora contro il Vicenza); è stata trascinata dal leader tecnico – a lungo “assente” nelle precedenti giornate – Franco Vazquez; e, infine, ha scoperto le doti da cannoniere di Adrian Benedyczak. Il polacco, con 3 gol segnati (di cui gli ultimi due consecutivi) in appena 210′ in campo è il giocatore più prolifico di tutta la serie B: una media di una marcatura ogni 70′ giocati. Nessuno ha fatto meglio di lui. Nemmeno bomber Massimo Coda, trascinatore del Lecce (5 gol, 3 assist in 11 presenze e 963′ complessivi) prossimo avversario dei ducali.

Già, la squadra giallorossa (attuale terza forza della Serie B, con 20 punti) sarà l’ultimo ostacolo prima della nuova sosta sulla strada di Buffon e soci, che stanno provando a risalire la china. Dal canto loro, i salentini, imbattuti dalla prima giornata (0-3 a Cremona), puntano di diritto alla posizione di capoclassifica, un traguardo che è lì alla portata, a due sole lunghezze di distanza. Probabilmente l’avversario peggiore da affrontare nel momento migliore dei crociati. I recenti progressi, però, lasciano ben presagire in vista della trasferta del “Via del Mare” che suona tanto come un esame di maturità. Il Parma delle ultime due settimane è uno studente che, dopo qualche incertezza, ha iniziato a ingranare e che sembra poter approcciare al meglio il banco di prova più importante: quello che dimostrerà la soglia di preparazione e di crescita fatto nell’ultimo periodo.

E poi c’è anche un fattore su cui i ragazzi di mister Maresca vorranno far leva: la voglia di riscattare un brutto voto. E sì perché domenica saranno trascorsi 84 giorni dalla sconfitta (1-3) contro i giallorossi di mister Baroni che costò la prima insufficienza stagionale in pagella, e soprattutto, la prematura eliminazione dalla Coppa Italia. Ma quello era calcio di agosto (anzi, di ferragosto) e, al massimo, il Parma non passò il test d’ingresso alla nuova accademia, la Serie B.

 

 

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA