Connect with us

Parma Calcio

Presentati Campedelli e Casellato, i primi due tasselli del nuovo staff tecnico del Parma Calcio 1913

Presentati Campedelli e Casellato, i primi due tasselli del nuovo staff tecnico del Parma Calcio 1913

E’ iniziata ufficialmente ieri la costruzione del Parma Calcio 1913, che giocherà la prossima stagione in Lega Pro, con l’obiettivo di salire ancora di categoria. Al Centro Sportivo di Collecchio si è tenuta ieri la presentazione dei due nuovi collaboratori di mister Apolloni, il vice allenatore Nicola Campedelli e il responsabile della preparazione atletica Renzo Casellato (foto parmacalcio1913.com).
Presente anche Paolo Giordani, che nella scorsa stagione ha svolto le funzioni di preparatore dedicato al recupero dei giocatori infortunati e nella prossima ricoprirà invece il ruolo di preparatore atletico.

Ecco gli interventi dei protagonisti riportati dal sito ufficiale della società:

Lorenzo Minotti
:
Questa è una parte dello staff tecnico, che presenteremo al completo prima dell’inizio della stagione. Era giusto presentare Nicola Campedelli, il nuovo vice allenatore, e Renzo Casellato, che sarà il nuovo responsabile della preparazione atletica. C’è anche Paolo Giordani, che nella scorsa stagione collaborava tra Settore Giovanile e prima squadra. Paolo ci ha aiutato molto. Ci sembra giusto presentarlo oggi, perchè nell’organigramma sarà lui il preparatore atletico, per una questione formale. Ci hanno convinto a livello personale. Vogliamo persone con le quali riusciamo a condividere valori, un modo di pensare e di lavorare. Chi è ambizioso deve guardare avanti. Nella gestione di un’area tecnica non ci sono più aree distinte, ormai dobbiamo arrivare a un concetto un po’ più globale.

Mister Luigi Apolloni:
In apertura voglio ringraziare Bruno Redolfi e Cristian Freghieri, il mio vice e il mio preparatore della stagione appena conclusa per il lavoro che hanno fatto con me. È stata una scelta dolorosa, ma ho valutato tanti aspetti, tra cui anche il professionale. Affronteremo un campionato non semplice. Ne ho parlato con Minotti, Galassi ed il presidente. Cercavo persone che mi dessero un valore aggiunto. Sia a livello personale che professionale. Di Campedelli conosco le doti tecniche e umane. Ha una dedizione nel calcio che pochi hanno. A Modena, quando era un mio calciatore, ho avuto modo di confrontarmi con lui su molti aspetti che mi avevano incuriosito. Incontrandolo da avversario, poi, mi ha incuriosito ancora di più. Casellato è stato il preparatore che mi ha permesso di giocare ancora per quattro anni dopo un infortunio. Il suo valore umano l’ho conosciuto nel 1998, quando, dopo un infortunio, ho vissuto con lui questa triste esperienza praticamente gomito a gomito. Fu importante, perché mi trasmise tranquillità, forza, aiutandomi a riprendermi fisicamente. Negli anni l’ho incontrato di nuovo. Vedevo in lui la voglia e la disponibilità di migliorarsi. Ha avuto esperienze con Prandelli anche in Nazionale. Ho apprezzato sempre la sua professionalità e la capacità di relazionarsi con i ragazzi. La scelta è ricaduta su due persone e figure importanti. Ringrazio anche Paolo Giordani. E’ sempre stato disponibile con me e con tutti i ragazzi. Si è dedicato moltissimo nel recuperare gli infortunati. A livello tattico un’idea per il Parma di Lega Pro l’ho. Ne ho già discusso con Campedelli, ma prima vorrei vedere che tipo di giocatori ho a disposizione. Il ritiro inizierà dopo il 10 luglio. Faremo un periodo dove staremo qui a Collecchio. Poi, stiamo cercando un posto in montagna dove terminarlo

Renzo Casellato (nuovo responsabile preparazione atletica):
Per me è un ritorno. Ho iniziato a Parma nel 1998. Ho avuto la fortuna di rimanere qui sei anni. E’ stata un’esperienza che mi ha permesso di conoscere mister Prandelli. Oggi mi sono ritrovato con gli storici fisioterapisti crociati. Mi sembrava che ci fossimo lasciati solo una settimana fa. Ho incontrato anche Gigi Apolloni, che è stato un mio giocatore, e Minotti, che ho avuto come team manager negli anni con Arrigo Sacchi. Nella mia scelta ha pesato anche il ricordo di quello che era stato. Allora era arrivato per cercare di apprendere e imparare molto, mentre ho la speranza di portare qualcosa della mia esperienza per aiutare il Parma in questo suo progetto di rinascita e scalata nel calcio che conta. Il preparatore sarà Paolo. E’ una questione formale, ma ci tengo. C’è la necessità di integrare il linguaggio del campo con quello della preparazione atletica. Si lavora molto con la palla. Serve, però, fare anche qualcos’altro. Mi piacerebbe che il mio ruolo fosse l’interpretazione dei dati che noi raccoglieremo, per trasformarli in proposte di lavoro che verranno fatte assieme. La mia è stata una scelta di pancia, in un primo momento, perché ricordo il mio periodo bellissimo vissuto qui. Quella volta era una sfida, ero agli inizi. Ora ho la voglia di ricominciare, con motivazione di rimettermi in gioco. Probabilmente saranno gli ultimi anni in cui svolgerò la professione. Reinventarsi è un grande stimolo. Penso sia difficile arrivare qui e pensare di essere migliore di chi mi ha preceduto, perchè non perdere una partita in un campionato intero è un risultato storico. La terza motivazione, ma non ultima, è il colloquio avuto con Scala, che conoscevo solo indirettamente. Per me è una specie di icona. Mi è piaciuto il suo approccio. Mi ha fatto capire che forse stavo facendo la scelta giusta. Negli ultimi anni ho avuto la fortuna di lavorare in società che avevano a disposizione il massimo della tecnologia. L’idea è quella di crescere anche in questo aspetto, qui a Parma.. Le strumentazioni servono, ma si può anche prescindere. L’obiettivo è capire con la società cosa si può proporre e cosa sarà necessario. I calciatori si interessano poco dei dati, che analizziamo noi. Il Centro Sportivo di Collecchio è l’ideale per la preparazione fisica. L’idea di fare la seconda fase in un’altra località è anche per avere la possibilità di creare uno spirito di gruppo.

Nicola Campedelli (nuovo vice allenatore):
Ho sempre visto con grandissima ammirazione questa piazza. Sono molto felice di far parte dello staff di Apolloni, che ho conosciuto come tecnico e uomo quando giocavo a Modena. Ho ritrovato la persona che avevo già avuto modo di apprezzare, come la sua enorme dedizione al lavoro che riusciva a trasmettere ai ragazzi e a tutto l’ambiente. Ho voglia di imparare tanto da lui. Scala è un riferimento per qualsiasi allenatore, poi ci sono persone che conosco come Minotti e Galassi, che hanno una grandissima ambizione per far bene. Quando si fa parte di un gruppo, l’ambizione è quella di fare il massimo. Dovremo fare squadra, cercare di ottimizzare le nostre risorse per far rendere al meglio i giocatori. Apolloni l’ho trovato sempre sul pezzo, pronto a valutare qualsiasi particolare. Le nostre visioni sul calcio sono molto simili, ma è importante la dedizione al lavoro. Tra noi ci saranno sempre confronti. Io dovrò proporre, per permettergli di fare le sue scelte.

Paolo Giordani (preparatore atletico):
Ringrazio la società, che mi ha permesso di continuare la mia crescita professionale. Con Casellato il feeling c’è stato da subito, soprattutto dal punto di vista tecnico. Cercheremo di dare il massimo della nostra competenza. Il ritiro a Collecchio ci permette di fare un grande lavoro di equipe, anche con lo staff medico e sanitario. La nostra struttura ci consente di essere più comodi e funzionali su tutto.

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Parma Calcio

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi