Connect with us

Parma Calcio

SCHIAPPACASSE: «Il gioco del Parma è adatto alle mie caratteristiche»

SCHIAPPACASSE: «Il gioco del Parma è adatto alle mie caratteristiche»

Al Centro Sportivo di Collecchio è stato il giorno di Nicolas Schiappacasse (20 anni). Il giocatore uruguaiano, arrivato a Parma in prestito per 18 mesi dall’Atletico Madrid, è stato presentato oggi ufficialmente alla stampa; al suo fianco Alessandro Lucarelli, nelle vesti di dirigente e “padrone” di casa. Schiappacasse sembra essersi subito calato nella sua nuova avventura, anche se il suo inserimento sarà graduale e senza frenesia. Ecco le sue prime parole crociate:

CALCIO ITALIANO: “Ho visto la partita dell’Atlético Madrid ieri sera contro la Juventus, sono molto contento perché l’Atlético è la squadra che mi ha scoperto. Battere una squadra forte come i bianconeri non è facile. Sono felice anche per Gimenez, per Godin, che conosco e ieri sera hanno anche segnato. Da sempre ho seguito il calcio italiano, conosco il Parma così come i suoi giocatori e le sue vittorie”.

IL PARMA: “Quando mi è stata prospettata l’idea di venire qui sono stato molto contento, questo club ha una grande storia e non ci ho pensato due volte. Ho scelto Parma perché questo è un passo importante della mia carriera, la Serie A è un campionato molto forte e nella mia carriera mi servirà. Il Parma è un club storico che mi aiuterà tanto, sono felice di essere qui e darò tutto me stesso per la squadra e per migliorare”.

IL RUOLO IN CAMPO: “Sono una mezzapunta, gioco bene con entrambi i piedi. La velocità è uno dei miei punti di forza, ma amo giocare di squadra e non cerco la giocata solitaria. Sto migliorando sull’aspetto difensivo e questo calcio può aiutarmi a diventare un calciatore migliore. Prima di tutto penso alla salvezza del Parma, è l’obiettivo del club che merita di restare in serie A per la sua storia. Personalmente cercherò di giocare il più possibile, di fare qualche gol ma soprattutto farmi trovare pronto per la squadra. Prima penso alla squadra e dopo quello che verrà per me si vedrà”.

LA MAGLIA NUMERO 10: “Quando sono arrivato mi è stato detto che c’erano liberi il 7, il 10 e l’11. Avrei scelto qualsiasi numero però il 10 mi piace, perché l’ho sempre avuto anche in Uruguay. E’ stato sempre il mio numero preferito e mi è venuto naturale. Non ho ancora parlato in maniera approfondita con mister D’Aversa, ma il gioco del Parma è adatto alle mie caratteristiche, chiudere gli spazi e ripartire velocemente”.

LA CONDIZIONE: “Fisicamente mi sento bene e qualsiasi opportunità cercherò di sfruttarla al 100%. Sapevo che anche in Italia è conosciuta la nostra ”garra”, il nostro è un calcio molto forte con molto contatto. Dal calcio uruguayano sono usciti calciatori come Suarez, Cavani e tanti altri che non mollano mai e hanno sempre grande voglia di vincere. Il calcio italiano è un po’ più tattico, ma ci sono dei punti di contatto e saper giocare in entrambi i campionati è fondamentale per qualsiasi esperienza che io possa fare in futuro”.

 

 

(Foto Parmacalcio1913.com)

 

 

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR). Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner

Commenti Recenti

Altro in Parma Calcio

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi