Entra in contatto:

Parma Calcio

Sentenza ribaltata: niente penalizzazione per il Parma; Calaiò squalificato fino al 31/12

Sentenza ribaltata: niente penalizzazione per il Parma; Calaiò squalificato fino al 31/12

Circa tre ore dopo la fine del dibattimento, la Corte federale d’Appello presieduta dal professor Sergio Santoro, ha emesso l’attesa sentenza sul caso sms: annullata la penalizzazione di 5 punti nei confronti del Parma, ridotta a sei mesi la squalifica ai danni di Emanuele Calaiò. 20mila euro di ammenda al club e 30mila al giocatore. In poche parole, i giudici federali hanno accolto in larga parte il ricorso presentato dal Parma e dall’Arciere. Il reato di tentato illecito è decaduto. Ha vinto la linea difensiva dell’avvocato Chiacchio e Rodella. Il reato, infatti, è stato derubricato in slealtà sportiva, come ampiamente avevamo spiegato nelle scorse settimane. Questo consente al Parma di partire nel prossimo campionato di serie A al pari di tutte le altre squadre, cioè senza alcun punto di penalità. La società esulta, è finita un’estate da incubo. I messaggi di Calaiò all’amico De Col non “nascondevano” un tentativo di illecito. Il Palermo, parte interessata al processo di primo e secondo grado, resta a mani vuote; Zamparini dovrà farsene una ragione. Stesso discorso per la procura federale il cui impianto accusatorio è stato demolito in poche ore. E’ la vittoria del Parma, ma è anche l’ennesima sconfitta del calcio italiano. Ora chi risarcirà i crociati dopo le valanghe di fango che hanno caratterizzato questa assurda estate?

 

LEGGI QUI LA SENTENZA DELLA CORTE FEDERALE D’APPELLO

 

 

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio