Entra in contatto:

Parma Calcio

Tra mercato e campo: 28 tiri in 2 gare, ma anche a Perugia le punte sono rimaste a secco

Tra mercato e campo: 28 tiri in 2 gare, ma anche a Perugia le punte sono rimaste a secco

E’ ancora presto per fare una radiografia al Parma di Pecchia, ma dopo due partite di campionato qualche spunto interessante si può estrapolare.

Uno di questi riguarda l’attacco, argomento che in queste settimane tiene banco su giornali, siti e social, con tanti tifosi che chiedono rinforzi dal calciomercato, soprattutto nel ruolo di prima punta.
Ieri sera a Perugia Pecchia si è affidato nuovamente a Inglese dal primo minuto, facendo entrare Tutino al 35′ della ripresa e Bonny al 42′. Solo panchina per Benedyczak. Scelte che non hanno pagato, vuoi per le pessime condizioni del campo, vuoi per l’incapacità cronica delle punte – in questo avvio di stagione – di fare gol.

I numeri delle prime due giornate di serie B riassumono il problema: 28 tiri, 9 nello specchio della porta, 2 gol (contro il Bari). In sostanza, il Parma crea tanto, non a caso condivide il primato con il Genoa (28 tiri, 9 nello specchio, 2 gol), ma segna ancora poco. O meglio, le punte non segnano mai, neanche nelle amichevoli estive e nella gara di Coppa Italia a Salerno.
Pecchia sta lavorando per trovare una soluzione, il tempo è tutto dalla sua parte, supportato dai segnali di compattezza e organizzazione che la squadra sta mandando al proprio allenatore ogni qual volta scende in campo.

La domanda é: il problema è risolvibile con i giocatori attualmente a disposizione? Oppure è veramente indispensabile intervenire sul mercato, come chiedono tanti tifosi?
Il direttore sportivo Pederzoli non si è mai sbilanciato pubblicamente, ma è chiaro che l’argomento resta di stretta attualità e non esclude sorprese dell’ultima ora, perché il mercato in entrata del Parma non è finito con l’arrivo di Ansaldi. Senza dimenticare che la maglia numero 9 è momentaneamente senza padrone.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA