© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Il Gede Risponde

Il Gede: “La serie A in tre anni è il pensiero di tutti. L’imbarazzo è su chi non confermare il prossimo anno”

Il Gede: “La serie A in tre anni è il pensiero di tutti. L’imbarazzo è su chi non confermare il prossimo anno”

Nuovo appuntamento con la rubrica il “Gede risponde”, l’analisi sul finale di stagione del Parma e sull’ultima giornata di Serie A. La firma inconfondibile è quella di Pietro ‘Gedeone’ Carmignani.

Come si fa a mantenere sempre alta la concentrazione, come sta facendo il Parma, anche dopo la matematica promozione?
“Il Parma è vicino al record dell’imbattibilità e poi c’è la poule scudetto, è un traguardo che fa gloria e prestigio. E’ logico prepararsi per questo finale di stagione continuando a vincere come sta facendo il Parma. Contro il Bellaria vittoria facile, anche se i ritmi erano da allenamento. La squadra va sempre in campo con lo spirito e la determinazione giusta.

Ieri il Dt Minotti ha parlato di progetto triennale per tornare nel calcio che conta. E’ fattibile?
“La serie A in tre anni è il pensiero di tutti, società e tifosi. Poi è logico che durante il cammino possono esserci diverse difficoltà. L’obiettivo è tornare ai massimi livelli, non certo vivacchiare. Il pubblico è già da serie A”.

Chi confermerebbe dell’attuale rosa del Parma per la prossima stagione in Lega Pro?
“L’imbarazzo è su chi non confermare il prossimo anno”.

Passiamo alla serie A: la Juventus non fa sconti a nessuno…
“La Juve non fa sconti, in campo si è vista una differenza tecnica evidente, le motivazioni erano pari. Il Carpi ha fatto una partita generosa ma non è bastato”.

Vincono anche Napoli e Roma, c’è da aspettarsi delle sorprese?
“La Roma ha giocato molto nella metà campo del Genoa, ben messo in campo da Gasperini. Totti è super, ha trascinato la Roma che Spalletti ha schierato in modo molto offensivo. Accantonare Totti è stato un errore, perché ha dimostra di essere una persona apposto, che ha sempre accettato la panchina. Ma è sempre decisivo, non dimentichiamocelo. Il Napoli ha giocato un’ottima gara contro l’Atalanta; la squadra di Sarri sta bene, gioca un calcio straordinario, totale, con il fiore all’occhiello di Higuain. Comunque, la sfida per il secondo posto rimane aperta”.

Il Milan ha speso 90 milioni per questa stagione, dieci volte il valore di mercato del Frosinone. Le sembra normale?
“Partiamo dalla partita: a San Siro il Frosinone ha dimostrato che crede ancora nella salvezza, il Milan invece non può pensare di vivere solo di ricordi. Il Milan è stato un po’ lezioso ma anche sfortunato. Bardi ha fatto grandi parate, ma ha anche commesso un errore che ha pagato a caro prezzo. Al Milan è mancata convinzione, in questa partita ha rischiato di perdere, ha dimostrato tanti difetti e alcuni pregi. Più in generale è chiaro dire che i conti non tornano. Il Milan commette diversi errori difensivi. Non c’è una logica ben delineata, a volte improvvisa. 90 milioni spesi male? Non lo so, forse non sono stati gestiti bene. Questa squadra non può essere così come la vediamo. Gioca un calcio troppo istintivo. Non è colpa di Brocchi, non può risolvere tutto in poco tempo se non c’è una base solida”.

L’Inter ha dieci punti in più in classifica rispetto ai rossoneri, ma anche la sua stagione è abbastanza deludente. E’ d’accordo?
“L’Inter sembra mancare di stimoli, si parla troppo del prossimo anno. Prestazioni discontinue, la Lazio ha valori tecnici importanti ma anche la sua stagione è stata segnata da poco continuità”.

Zona retrocessione: l’Udinese è al sicuro?
“Contro il Torino, per di più in casa, ha fatto una prestazione inguardabile; non pervenuta. Forse hanno tirato i remi in barca troppo presto. Mi è sembrata una squadra impaurita dopo il primo gol. Il Torino ha giocato con le idee chiare, è una squadra serena, con le giuste motivazioni. Di Natale dice che l’ultima partita sarà quella col Carpi, ma non è una festa; deve raggiungere ancora la salvezza”.

Insieme al Carpi resta in corsa anche il Palermo, se lo sarebbe mai immaginato fino a qualche settimana fa?
”Mi piacerebbe chiedere a Zamparini cosa ne pensa degli svarioni dei difensori della Sampdoria? Con l’Atalanta ha avuto un rigore strano, con la Samp il Palermo ha giocato una gara non esaltante, ha saputo sfruttare gli errori degli avversari. Se il Carpi avesse fatto un gol così, per un errore di un difensore avversario, cosa avrebbe detto Zamparini? Basta mettere sospetti. Il Verona sta onorando il campionato, col Sassuolo ha fatto una grande partita. Il Sassuolo sta superando ogni previsione grazie al gioco, al carattere, all’ambiente e alla società. Il Verona gioca senza ansia e paura e diventa pericolosa per chiunque”.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Il Gede Risponde