Entra in contatto:
Larbitro Gariglio a colloquio con mister Pecchia in Parma Cagliari 2 1 34a giornata Serie B 2022 2023

Il Gede Risponde

IL GEDE: «La sagacia tattica di Pecchia ha trasformato il Parma»

IL GEDE: «La sagacia tattica di Pecchia ha trasformato il Parma»

Puntuale come ogni lunedì torna l’appuntamento con Il Gene Risponde, storica rubrica di Sportparma firmata dall’ex tecnico crociato Pietro Carmignani. 

Il Parma vince e convince sempre di più?
“E’ stata una partita giocata bene da entrambe le squadre, il Parma l’ha vinta grazie ad una superiorità tecnica individuale e di squadra, oltre alla sagacia tattica di Pecchia che nel secondo tempo ha cambiato atteggiamento alla squadra e tutti hanno fatto bene”.

 Vedi gli ingressi di Camara e Man…
“Si, assolutamente: Man e Camara hanno cambiato il volto della partita. Il Cagliari ha avuto il torto di non approfittare dello sbandamento del Parma conseguente al gol iniziale, ma ha dimostrato di essere una squadra ben allenata, sempre pericolosa fino alla fine, con una buona organizzazione di gioco”.

Il Parma attuale ha la testa e le gambe per puntare alla vittoria dei playoff?
“Questa vittoria proietta il Parma verso traguardi alti che in questo momento rappresentano il quarto posto, che significa non fare i preliminari. La condizione psicofisica, la determinazione e l’organizzazione e la trovata continua sono condizioni essenziali per il finale di campionato e i successivi playoff dove il Parma sarà sicuramente protagonista”.

Passiamo alla serie A: non si può non partire dall’exploit del Napoli in casa della Juventus…
“A Napoli grande festa, partita giocata con grande intensità con lotte fisiche e tecniche. Allegri ha fatto il turnover tutelando alcuni titolari in vista della Coppa ma la squadra presentata ha saputo soffrire e lottare; non è riuscita strappare il punto per pura casualità e in seguito a episodi più contrari che favorevoli. Spalletti ha presentato un Napoli tutto grinta e carattere, ma senza brillare come se il serbatoio non fosse più pieno. Non sono più brillanti come prima”. 

Come si può leggere la caduta a sorpresa della Lazio in casa col Torino?
“Dopo tanti successi ci si può anche fermare, vedi la Lazio. Hanno anche saputo reagire allo svantaggio ma è stata una reazione più nervosa che ragionevole, di testa. Quindi è venuta meno anche la costruzione del gioco, il Torino invece ha impostato la gara uomo contro uomo, facendo del carattere e la determinazione le sue armi migliori. Una partita preparata molto bene durante la settimana, più merito del Torino che demerito della Lazio”.

Vincono entrambe le milanesi… 
“Il Milan come suo solito in questa fase di campionato alterna tutta la rosa a disposizione, però ha trovato un super Leao e un grande Tonali che hanno fatto la differenza. Il Milan ha vinto una partita con sicurezza ma dopo aver avuto delle difficoltà iniziali tant’è che il Lecce ha colpito anche un palo sullo 0-0. Il Lecce ha smarrito il suo gioco, è durato solo un tempo, ora classifica è diventata molto pericolosa.
L’Inter ha trovato un Lukaku eccellente che ha spaccato la partita. Il merito dei nerazzurri è stato quello di non disunirsi davanti alle difficoltà aspettando il momento opportuno. Lukaku strepitoso fisicamente e tecnicamente, un arma in più per il finale di stagione. Empoli sulla difensiva, tutto contropiede, ma è durato solo un tempo. L’Empoli ricade ai piedi della zona retrocessioni”. 

Spettacolo Monza?
“Il Monza non finisce più di stupire, ha rimontato due gol alla Fiorentina ottenendo una vittoria che la colloca a metà classifica, ha un punto in meno dei Viola. La Fiorentina ha giocato bene nei primi 20 minuti, poi troppi errori da parte dei singoli, probabilmente causato dalle fatiche in settimana di Conference League”. 

Sosa ha rigenerato la Salernitana?
“Paulo Sosa ha saputo portare una nuova consapevolezza di gioco e di obiettivi; la squadra ha risposto sul campo con prestazioni sicure e autoritarie; è a distanza di sicurezza dalla zona retrocessione. Di contro si è visto uno dei peggiori Sassuolo della stagione, distratto e sbadato”. 

L’Udinese affoca le ultime residue speranze della Cremonese…
“L’Udinese ha tarpato le ali alla Cremonese, partita a senso unico, gara chiusa già a fine primo tempo con i tre gol. Ballardini ha cercato di cambiare nella ripresa, ma non c’è stata partita. La Cremonese vede allontanarsi la salvezza sempre di più, ora ha un ritardo di 7 punti”.

 La vittoria del Verona ha riaperto la lotta salvezza…
“Il Verona inguaia le altre, gli scaligeri ci credono, giocano un calcio fisico, propositivo e concreto. Con questo Verdi in versione super la salvezza è possibile. Delude il Bologna che ha giocato un primo tempo ad aspettare l’avversario; ha reagito troppo tardi.
Un punto che non serve alla Sampdoria sempre più ultima e praticamente retrocessa. Un punto che non serve anche allo Spezia perché il Verona è a un solo punto di distacco”. 

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Il Gede Risponde